ricetta

I Fusilli di Felitto: la ricetta del primo piatto tipico cilentano

Preparazione: 1 ora di preparazione + 2 ore di riposo della pasta
Difficoltà: Facile
Dosi per: 6-8
A cura di Bruno Sodano
326
Immagine
ingredienti
Per i fusilli
Farina 00
1 kg
Uova
5
Sale
1 pizzico
Olio extravergine di oliva
q.b.
Acqua
circa 100 ml
per il condimento
Passata di pomodoro
1 l
Aglio
2 spicchi
Olio extravergine di oliva
q.b.
Sale
q.b.
cacioricotta di capra
q.b.
Basilico
1 ciuffo

I Fusilli di Felitto sono un primo piatto tipico della cucina cilentana, in particolare di questo grazioso borgo dell'entroterra. Si tratta di una pasta fresca fatta in casa, lavorata con un particolare ferro che, un tempo, si ricavava dagli ombrelli. Dalla forma caratteristica, lunga, sottile e con un foro interno (può sembrare un bucatino), si presta ad accogliere un sugo di pomodoro fresco, profumato e invitante, semplicemente arricchito con una generosa spolverizzata di cacioricotta di capra. Come per tutte le ricette della tradizione, ciascuna mamma e nonna ha la propria: noi vi sveliamo quella della signora Antonietta, conosciuta in paese come Zi Ndunetta, che ci spiega passo passo come realizzarli a regola d'arte.

Come preparare i Fusilli di Felitto

Fate la classica fontana con la farina su una spianatoia e unite al centro le uova 1.

Iniziate a impastare aggiungendo un goccio di acqua alla volta e portando man mano la farina verso il centro 2.

Lavorate fino a ottenere un composto sodo e omogeneo 3, quindi avvolgetelo in un foglio di pellicola trasparente e lasciatelo riposare per un paio di ore a temperatura ambiente.

Trascorso il tempo di riposo, procedete alla formazione dei fusilli: prendete una piccola quantità di impasto e realizzate dei serpentelli lunghi, bagnando le mani con un goccio di olio 4. Dovranno avere lo spessore di una matita.

A questo punto, affondate l'apposito ferro nell'impasto 5 e iniziate a stenderlo con le mani, con un movimento piuttosto veloce, finché questo non sarà completamente avvolto dalla pasta.

Dovrete ottenere dei fusilli stretti e lunghi oltre 20 cm 6. Appena il ferro scivolerà via facilmente, sfilatelo e proseguite a realizzare gli altri fusilli fino a esaurimento della pasta.

Man mano che li realizzate, trasferiteli su un vassoio, leggermente infarinato 7, e poi copriteli con un canovaccio bianco di cotone.

Preparate il condimento: fate rosolare l'aglio in una casseruola con un filo di olio; versate la passata di pomodoro, salate e fate cuocere per una mezz'ora, finché non avrete ottenuto un sugo ben ristretto. Lessate la pasta in acqua bollente e salata, quindi scolatela, versatela in padella e mantecate per qualche minuto. Impiattate, completate con una spolverizzata di cacioricotta e una fogliolina di basilico, e servite immediatamente 8.

Consigli

Per lavorare con maggiore facilità la pasta, ungetevi le mani con un filo di olio extravergine di oliva. Nel caso in cui non aveste a disposizione l'apposito ferro utilizzato per confezionare i fusilli, potete provare ad utilizzare uno stecchino lungo da spiedino.

Il modo migliore per gustare questa pasta tipica è condirla con una salsa di pomodoro fresco e abbondante cacioricotta di capra, così come suggerito nella nostra ricetta; in molte altre parti del Cilento, invece, vengono insaporiti con sugo di castrato o, in primavera, con i carciofi e asparagi.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche i cavatelli al pomodoro e le pastorelle cilentane.

Conservazione

I Fusilli di Felitto possono essere tranquillamente conservati in freezer: vi basterà sistemarli su un vassoio, ben distanziati, e lasciarli congelare in questo modo; una volta duri, sistemateli con delicatezza in un contenitore o in un apposito sacchetto gelo. Una volta cotti, si conservano in frigorifero per massimo 1-2 giorni, in un contenitore con chiusura ermetica.

326
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
326