ingredienti
  • Per la pasta
  • semola rimacinata di grano duro 400 gr
  • Acqua fredda 120 gr • 0 kcal
  • Uova 2 • 0 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
  • per il condimento
  • pomodorini a grappolo 500 gr
  • cacioricotta 80 gr
  • Basilico 1 ciuffo • 15 kcal
  • Aglio 2 spicchi • 43 kcal
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 0 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta sono un primo piatto tipico campano, in particolare della zona del Cilento. Questa pasta fresca viene confezionata con semola di grano duro, uova e acqua, quindi lavorata con un apposito ferretto che le conferisce la caratteristica forma affusolata, allungata e cava all'interno. Nonostante la tradizione li voglia conditi con un ragù a base di carne, nella nostra ricetta abbiamo deciso di preparare un sughetto di pomodoro fresco, da ultimare con una generosa spolverizzata di cacioricotta. Una versione più fresca e altrettanto gustosa, perfetta per la stagione più calda e nel caso in cui abbiate ospiti vegetariani a pranzo. Scoprite come realizzarli seguendo passo passo procedimento e consigli.

Come preparare i fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Disponete la farina a fontana, unite al centro le uova e iniziate a mescolare con una spatola (1), aggiungendo l'acqua poco per volta. A questo punto lavorate gli ingredienti con le mani fino ad avere un impasto liscio e omogeneo.

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Formate una palla, avvolgetela con la pellicola trasparente (2) e lasciate riposare l'impasto per almeno un'ora.

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Trascorso il tempo di riposo, suddividete il panetto in pezzi regolari. Allungateli sulla spianatoia, leggermente infarinata, fino a ottenere dei cordoni spessi come un dito mignolo. Tagliate i cordoni alla lunghezza di 6-8 cm (3).

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Posizionate il ferretto al centro di un segmento di pasta, spingendolo per farlo affondare leggermente (4).

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Con un movimento veloce fate rotolare l'impasto avanti e indietro, fino a ottenere un fusillo (5).

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Sfilate il fusillo con delicatezza dal ferretto e sistematelo su un tagliere infarinato. Proseguite in questo modo fino a esaurire completamente l'impasto (6) e lasciate riposare la pasta per almeno un'oretta.

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Intanto preparare il condimento: lavate i pomodorini, tagliateli a metà e raccoglieteli in una padella (7); aggiungete l'aglio e un filo di olio, quindi fate saltare il tutto per un paio di minuti. Regolate di sale e tenete da parte.

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Lessate i fusilli in acqua bollente e leggermente salata per 7-8 minuti, quindi scolateli al dente e trasferiteli nella padella con il sugo (8).

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Mettete la padella sul fuoco e mantecate per 2 minuti, mescolando con delicatezza. Se necessario, aggiungete un goccio di acqua di cottura della pasta (9).

Fusilli cilentani con pomodorini e cacioricotta

Trasferite i fusilli nei piatti individuali e completate con il cacioricotta grattugiato, qualche fogliolina di basilico e a piacere con un filo d'olio a crudo. Gustateli caldi (10).

Consigli

Per lavorare con maggiore facilità la pasta, ungetevi le mani con un filo di olio extravergine di oliva. Nel caso in cui non aveste a disposizione l'apposito ferro utilizzato per confezionare i fusilli, potete provare ad utilizzare uno stecchino lungo da spiedino.

Fate attenzione alla quantità di sale da aggiungere nell'acqua della pasta e nel sughetto di pomodoro: il cacioricotta è già piuttosto sapido.

Noi abbiamo deciso di condire i fusilli ciletani con un sugo fresco di pomodoro e una generosa spolverizzata di cacioricotta, ma a piacere potete preparare un ragù di carne ricco e saporito, un pesto di basilico o un condimento più semplice e leggero, a base di zucchine e asparagi per esempio.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche i fusilli di Felitto, dalla forma più sottile e lunga (almeno 20 cm).

Conservazione

Dopo aver fatto asciugare i fusilli per qualche ora sopra un piano di lavoro infarinato, potete surgelarli disponendoli in un vassoio, ben distanziati. Vi basterà tirarli fuori al bisogno e lessarli in acqua bollente ancora congelati. Una volta cotti, potete conservarli in frigorifero, in un apposito contenitore ermetico, per massimo 1 giorno.