Ricche di fibre, sali minerali e vitamine, le fave sono uno dei prodotti più preziosi della natura: disponibili in primavera, possiamo gustarle tutto l'anno grazie alla tradizione di seccarle. Le fave secche, infatti, sono molto versatili in cucina, possono essere utilizzate in tanti piatti diversi, con il vantaggio di conservare una buona parte delle loro proprietà. Ma come fare a cucinarle? Ecco tutto quello che dovete sapere su come trattare e cucinare le fave secche e quali sono le migliori ricette che le rendono protagoniste.

Come trattare le fave secche

Che siano con o senza buccia, la prima fase del trattamento delle fave secche prevede l'ammollo, che serve a reidratarle. L'ammollo deve essere fatto partendo da acqua tiepida, in cui aggiungere un pizzico di bicarbonato di sodio: l'acqua deve coprire completamente i legumi. Il tempo di ammollo varia: per le fave secche con la buccia serviranno almeno 12 ore, se invece si tratta di fave secche decorticate, cioè già prive della buccia, 7-8 ore di ammollo dovrebbero bastare. Ad ogni modo, dopo l'ammollo segue la fase della cottura vera e propria: prima però è bene sciacquarle per eliminare eventuali residui di bicarbonato. A questo punto dovrete metterle in una pentola capiente, con il doppio dell'acqua rispetto al peso delle fave, e farle cuocere per 1-2 ore, aggiungendo il sale solo poco prima che siano pronte: prima fate raggiungere il bollore a fiamma media, poi abbassate la fiamma e fate sobbollire per il resto del tempo, eliminando man mano la schiumetta bianca che salirà in superficie.

Come cucinare le fave secche

Una volta conclude le operazioni preliminari avete a disposizione le vostre fave secche, da usare come meglio credete. Grazie al loro sapore delicato, con una nota vegetale molto armonica, le fave si adattano a una serie di ricette anche molto semplici. Qui naturalmente vi suggeriamo le ricette che valorizzano al meglio questo prezioso ingrediente.

1. Fave e cicoria

Una delle ricette più semplici con le fave secche, figlia di una tradizione gastronomica del Sud Italia, in particolare della cucina pugliese. Fave e cicorie, infatti, è un piatto tipico della Puglia, che si può mangiare sia in primavera, quando le fave sono fresche, ma anche in inverno, quando ad esempio è disponibile la cicoria selvatica. In questo caso specifico si tratta di fave bianche, se volete seguire la ricetta tradizionale: potete naturalmente sostituirle con le classiche fave verdi, qualora non riusciste a reperire quelle bianche.

2. Zuppa di fave

Cosa c'è di meglio di una zuppa di fave, quando fuori fa freddo e siete rientrati stanchi dal lavoro? Una ricetta semplicissima e con pochi ingredienti – fave, lardo o pancetta di maiale che potete anche omettere per una versione vegetariana, prezzemolo, olio e cipolla – per un piatto da mettere sul fuoco e cuocere lentamente, mentre magari state facendo altro. Corroborante e deliziosa, per completare il pasto avrete bisogno di qualche fetta di pane tostate e nient'altro.

3. Fave stufate

Un piatto goloso e facile da realizzare, che può essere un ottimo contorno, ma anche un piatto unico, se accompagnato da una fonte di carboidrati come del pane o del riso. Le fave stufate in padella sono un tipico piatto della cucina abruzzese, in cui le fave sgusciate vengono condite con un trito leggermente saltato di cipolla e guanciale che dona al piatto un tocco di croccantezza e sapidità irresistibile.

4. Falafel di fave

Impossibile non nominare una ricetta fritta, dato che le fave si prestano benissimo a essere trasformate in veggie burger, polpette e cose simili: in questo caso si tratta di falafel di fave, una rivisitazione del piatto mediorientale con le fave come protagoniste. Potete realizzare il piatto con le fave secche, a cui aggiungerete un trito di cipolla, aglio, cumino e prezzemolo: una volta impastato il tutto, va fritto in olio bollente. Vi suggeriamo di accompagnare il piatto con l'hummus oppure con una salsa allo yogurt.

5. Pesto di fave

Anche in questo caso una ricetta da fare con le fave secche, in sostituzione di quelle fresche. Il pesto di fave è una preparazione semplicissima e veloce – vi basteranno 20 minuti appena – che potrete usare in diversi modi: per condire una pasta, ad esempio, ma anche semplicemente su delle golose bruschette o al centro tavola con dei crostini di accompagnamento.

6. Macco di fave

Ricetta macco di fave secche

Una ricetta tipica della tradizione siciliana, dalle origini antichissime, il macco di fave.  Un piatto povero con la consistenza di una crema, ottenuta grazie alla cottura prolungata delle fave fino al loro completo disfacimento: una ricetta per cui ci vorrà un po' di pazienza, ma dall'impatto assicurato. Può essere servito come primo piatto o piatto unico, soprattutto se accompagnata da pasta e verdure bollite come bietole o cicoria.