Avete preparato un delizioso e succulento spaghetti alle vongole e ora non sapete cosa fare dei gusci di questi piccoli e golosi molluschi? Dopo la migliore impepata di cozze della vostra vita vi sorge un dubbio su quale bidone utilizzare per un corretto smaltimento? Non vi preoccupate, è successo a tutti almeno una volta nella vita e la risposta non è così semplice o scontata come si immagina. I gusci di cozze e vongole, a dispetto di quanto si possa pensare infatti, costituiscono un rifiuto alimentare molto particolare che presuppone un tempo di smaltimento abbastanza lungo. Vediamo come smaltirli nel modo corretto e dove buttarli per una raccolta differenziata efficace e rispettosa dell'ambiente.

Come smaltire correttamente i gusci di cozze e vongole

Nonostante siano naturali prodotti del mare, i gusci di cozze e vongole (ma anche di cannolicchi, capesante e conchiglie più in generale) sono composti principalmente da carbonato di calcio, una sostanza che li rende non biodegradabili e difficilmente compostabili. Siamo abituati a buttare i gusci nel bidone dell'umido ma, spiace dirlo, è un errore: la natura calcarea di gusci e conchiglie è infatti incompatibile con l'obiettivo della raccolta dei rifiuti biodegradabili, la produzione cioè di un compost da utilizzare anche come fertilizzante naturale. Dove buttarli quindi? Finiti gli spaghetti e ripulite le cozze, i gusci dovranno essere smaltiti nel sacchetto dei rifiuti indifferenziati secchi.

Come essere sicuri, da Comune a Comune

A scapito di una regola più generale che prevede lo smaltimento dei gusci nel bidone dell'indifferenziato secco, è importante sottolineare che la raccolta differenziata può variare da comune e comune e che in alcune città è consentito buttarli anche nell'umido e nell'organico, insieme ai rifiuti biodegradabili (scarti di cucina, fondi del caffè, cibi scaduti o avariati). Questa scelta deriva dal fatto che, grazie ad alcune tecniche di smaltimento, i gusci possono "dissolversi" nel processo di compostaggio e risultare quindi utili e funzionali allo smaltimento dell'organico. Per essere sicuri dunque di fare la "scelta" giusta e smaltire correttamente i gusci di cozze e vongole, vi consigliamo di consultare le linee guida dell'azienda che si occupa di smaltimento dei rifiuti nel vostro Comune di residenza.