cocomero proprietà benefici e usi

Se l'estate potesse identificarsi con un frutto, questo sarebbe sicuramente, senza ombra di dubbio, il cocomero (conosciuto anche come anguria). Dissetante, succoso e naturalmente dolce, si caratterizza per l'elevato contenuto di acqua e il buon tenore zuccherino, ma si fa anche apprezzare per le sue qualità rinfrescanti ed energizzanti. Una bella fetta di questo golosissimo frutto è proprio quel che ci vuole dopo una giornata di mare o un'intensa seduta di attività sportiva per ricaricarsi e reidratarsi. Già buonissimo così, semplicemente tagliato a tocchetti e gustato al naturale, diventa eccezionale se, unito ad altri ingredienti dolci o liquori, viene trasformato in sorbetti, gelati, succhi o cocktail.

Frutto dell'estate e del caldo, il cocomero ha origini africane e precisamente della valle del Nilo. In Italia viene coltivato soprattutto in Puglia, nel Lazio (pregiata la zona di Latina) e nella pianura emiliano-lombarda ed è disponibile, a partire dal prodotto meridionale, da fine giugno fino a tutto il mese di agosto. Le varietà, che si differenziano per la forma (sferica o ovale) e per il colore della buccia (verde scura o verde striata), sono sostanzialmente tre: la Sugar Baby, che matura a luglio, è di pezzatura piccola (3-4 chili) e forma sferica, e ha buccia sottile di colore verde scuro; la Crimson Sweet, a media maturazione, di grossa pezzatura (10-12 chili), forma sferico-ovale e buccia di colore verde chiaro striato; la Sweet Meat, varietà tardiva, che si caratterizza per una consistenza e una croccantezza della polpa davvero irresistibili. Esistono anche due varietà ibride: la Miyaco, precoce, di media pezzatura e colore verde chiaro, con striature nere, e la Charleston Gray, a grosso frutto ovoidale, con screziatura uniforme della buccia.

Proprietà del cocomero

Ricchissimo di acqua (circa il 95 per cento) e incredibilmente povero di calorie (100 grammi di questo frutto apportano appena 16 calorie), il cocomero è un alleato preziosissimo per chi vuole perdere peso o mantenere la linea; nonostante il ridottissimo apporto calorico, è comunque un frutto piuttosto zuccherino per cui si consiglia di non esagerare con le porzioni  e limitarsi a una bella fetta da circa 400-500 grammi massimo. Meglio ancora se lontano dai pasti: la quantità di acqua, unita alla povertà di sodio, può renderlo indigesto e provocare un po' di classico gonfiore. Se consumato come spuntino, si ovvierà a questi eventuali e spiacevoli effetti collaterali. Dall'alto potere saziante, ha anche delle blande proprietà lassative (soprattutto i semi). Ideale, dunque, per contrastare eventuali problemi di stitichezza e transito intestinale.

Ma è proprio questa grande abbondanza di acqua a renderlo anche il frutto dell'estate per eccellenza: rinfrescante e dissetante, ci aiuta a reintegrare anche i sali minerali e le vitamine persi con la sudorazione; ricco di potassio, è davvero perfetto per gli sportivi e in caso di spossatezza o cali di pressione dovuti all'afa e al caldo stagionale. Troviamo anche una buona quantità di ferro, di vitamina C e di antiossidanti come il beta-carotene, precursore della vitamina A, e il licopene, un carotenoide responsabile del colore tipicamente rosso della sua polpa, dalla spiccata azione antinfiammatoria.

cocomero proprietà benefici e usi

Benefici

Virtuoso ed eccezionalmente salutare, grazie al buon quantitativo di vitamine e sali minerali, il cocomero possiede numerosi benefici. Vediamo insieme quali.

  • Compagno di dieta: povero di calorie, ma al tempo stesso piacevolmente zuccherino, questo frutto si dimostra un alleato preziosissimo per chi è a dieta o, semplicemente, per chi è attento alla linea e vuole mantenere il proprio peso corporeo. Saziante e appagante, è preferibile non eccedere comunque nelle quantità (sebbene sia naturale, contiene pur sempre dello zucchero) e consumarlo lontano dai pasti;
  • integratore prezioso: avete perso molti liquidi a causa di un'intensa sessione sportiva o semplicemente per il grande caldo? Gustate una bella fetta di cocomero: rinfrescante e dissetante, reintegra le vitamine e i sali minerali persi con la sudorazione e ci ricarica con una dose di energia tutta naturale; perfetto anche per chi soffre di cali glicemici;
  • alleato con gli inestetismi: ricchissimo di acqua (ne è composto al 95 per cento), è altamente diuretico e drenante, quindi contrasta la ritenzione idrica e favorisce l'eliminazione dei liquidi in eccesso;
  • amico del cuore: povero di sodio e ricco di potassio (280 mg per 100 grammi di prodotto), aiuta a equilibrare ed eventualmente abbassare la pressione del sangue;
  • antinfiammatorio: grazie alla presenza di beta-carotene, precursore della vitamina A, e di licopene, svolge un'azione fortemente antiossidante contrastando l'attività dei radicali liberi, responsabili dell'invecchiamento cellulare;
  • mantiene il benessere della pelle: il buon contenuto di vitamina C e di beta-carotene assicurano la produzione di collagene mantenendo la pelle tonica, elastica e sana;
  • lassativo naturale: dalle blande proprietà lassative (soprattutto i semi del cocomero), aiuta anche il transito intestinale, contrastando eventuali problemi di stitichezza o digestivi.
cocomero proprietà benefici e usi

Usi in cucina

Il modo migliore per consumare il cocomero è sicuramente ben fresco (ma non freddissimo, il consiglio è di tirarlo fuori dal frigorifero almeno una decina di minuti prima di portarlo in tavola), tagliato a fette o dadini oppure mescolato ad altri frutti in una colorata macedonia o sfizioso spiedino. La sua polpa, dolce, succosa e zuccherina, si presta anche a dare vita a bevande rinfrescanti come centrifugati, smoothie o acque aromatizzate; e ancora delizie al cucchiaio tipiche della tradizione siciliana, come il celebre gelo di melone, o avvolgenti cremosità come sorbetti, gelati e ghiaccioli.

Cotto con un pizzico di zucchero e del succo di limone, si trasforma in una golosa confettura da spalmare su fette di pane tostato caldo e assaporare anche in una fredda giornata invernale. Ma il meglio di sé lo riserva nelle preparazioni salate e negli accostamenti con formaggi freschi sapidi, come la feta greca o il caprino, con pesce crudo, servito a carpaccio o tartare, o salumi d'eccellenza nostrana. Frullato insieme a pomodori, cetrioli e cipolle, e servito ben freddo in piccole ciotoline monoporzione, diventa un irresistibile gazpacho da offrire in occasione di un aperitivo tra amici. E per la serie "non si butta via nulla", del cocomero è possibile riutilizzare anche semi e scorze esterne.