ingredienti
  • Ciliegie 1 Kg • 29 kcal
  • Zucchero 200 gr • 750 kcal
  • Acqua 1 litro • 750 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Le ciliegie sciroppate sono una conserva classica, di quelle preparate dalle nostre nonne. Una ricetta della tradizione italiana semplice e golosa da preparare in estate, così gustare le ciliegie tutto l'anno. La preparazione è davvero veloce: basterà realizzare uno sciroppo con acqua e zucchero, aggiungere poi le ciliegie, preferibilmente le "duracine", lavate e denocciolate. Saranno poi riposte nei vasetti di vetro sterilizzati e coperte con lo sciroppo, che aiuterà a preservare il sapore e il colore vivo delle ciliegie. Bisognerà aspettare poi 30 giorni prima di consumarle. Una volta pronte potete utilizzare le ciliegie sciroppate per decorare i vostri dolci o servirle con gelato alla crema o al fiordilatte.

Come preparare le ciliegie sciroppate

Versate l'acqua in una pentola, aggiungete lo zucchero e portate ad ebollizione. Lasciate bollire per alcuni minuti, fino a realizzare il vostro sciroppo. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Nel frattempo lavate le ciliegie, eliminate picciolo e nocciole e sistematele nei vasetti sterilizzati in precedenza. Sistematele in modo da non lasciare troppi spazi vuoti, ma evitate di schiacciarle. Coprite le ciliegie con lo sciroppo fino a circa 2 cm dal bordo. Chiudete con i tappi, che avrete sterilizzato insieme ai vasetti. Una volta che i barattoli si sono raffreddati, controllate che si sia formato il sottovuoto: premete al centro del tappo, se noterete il classico "click", allora lo avrete ottenuto. Sistemate le ciliegie in un luogo fresco e buio per un mese. Trascorso questo tempo potrete gustare le vostre ciliegie sciroppate.

Consigli

Per la preparazione delle ciliegie sciroppate preferite le ciliegie duracine, dette anche duroni, perché hanno una consistenza più soda, sono molto succose e sono adatte alla conservazione. In alternativa potete utilizzare quelle di Vignola, che sono anche molto profumate.

Chi preferisce potrà aggiungere allo sciroppo del succo di limone, maraschino o rum, per renderlo più aromatico. Potete anche arricchire le ciliegie sciroppate con cannella o vaniglia, se preferite.

Non fate cuocete troppo lo sciroppo, per evitare che diventi caramello.

Se volete aumentare le dosi ricordate di utilizzare 200 gr di zucchero per ogni litro di acqua.

Se dovesse avanzarvi dello sciroppo, potete conservarlo in un vasetto sterilizzato e utilizzarlo poi per realizzare la bagna per i vostri dolci.

Utilizzate vasetti di piccole dimensioni così, una volta aperti, potrete consumarne il contenuto in pochi giorni.

Se volete bollire i vasetti una volta pieni, avvolgeteli in un canovaccio e fateli bollire in acqua: per vasetti da 250 cc occorreranno 20 minuti, mentre per barattoli di 500 cc circa 35 minuti.

In estate potete preparare anche le ciliegie sotto spirito, con l'aggiunta di alcol puro a 95°. In questo modo otterrete un alimento e una bevanda alcolica aromatizzata, in modo facile, veloce ed economico.

Come usare le ciliegie sciroppate

Trascorsi i 30 giorni di riposo delle ciliegie sciroppate, potete utilizzarle per decorare o farcire i vostri dolci, per accompagnarle al gelato, soprattutto quello a crema, vaniglia o fiordilatte, oppure per rendere più gustoso lo yogurt bianco.

Potete trasformare poi le vostre ciliegie sciroppate anche come idea regalo: vi basterà aggiungere un nastrino e un'etichetta scritta a mano, per donare ad amici e parenti un prodotto genuino fatto in casa.

Conservazione

Le ciliegie sciroppate possono essere conservate fino a 6 mesi in un luogo fresco e al riparo dalla luce. Una volta aperto il barattolo, va conservato in frigo per 4 giorni al massimo.