ricetta

Ciambelle strozzose di Pasqua: la ricetta del dolce tipico della tradizione marchigiana

Preparazione: 60 Min
Difficoltà: Media
Dosi per: 6 persone
27
Immagine
ingredienti
Per le ciambelle
Farina 00
600 gr
Zucchero semolato
100 gr
Olio extravergine di oliva
35 gr
liquore all’anice
3 cucchiai
Scorza di limone
q.b.
Uova
6
Per la glassa
albume
60 gr
Zucchero a velo
200 gr
Succo di limone
1 cucchiaio
Per decorare
Confetti colorati
q.b.

Le ciambelle di Pasqua, anche conosciute come ciambelle strozzose, sono dei dolci di Pasqua tipici della tradizione marchigiana. Golose e fragranti anche dopo dei giorni, si realizzano con un impasto molto semplice, a base di uova, zucchero e farina, aromatizzato con un goccio di mistrà o di liquore all'anice. Secondo l'usanza popolare, le vergare, le contadine delle campagne marchigiane, erano solite impastarle il venerdì Santo, per poi cuocerle nei forni a legna la domenica di festa.

Il segreto per la buona riuscita di questa ricetta è rispettare i lunghi tempi di attesa tra una cottura e l'altra senza dover utilizzare alcun agente lievitante. Dopo la bollitura, infatti, bisogna lasciar raffreddare completamente le ciambelle: lasciarle riposare una notte intera è la scelta migliore. Una volta fredde, vanno intagliate sui lati per ottenere la tipica forma a clessidra e poi cotte una seconda volta in forno. Non bisogna sottovalutare la fase di riposo altrimenti le ciambelle strozzose rischiano di aprirsi e non gonfiarsi mentre sono in forno. Infine, questi dolci pasquali possono essere decorati con una candida glassa al limone e tanti confettini colorati, o con della ghiaccia reale.

Il risultato finale saranno delle ciambelle leggere e abbastanza asciutte, proprio come suggerisce il nome. Sono perfette per essere servite a fine pasto con del vino, in occasione del grande pranzo di famiglia.  Scoprite come prepararle seguendo passo passo la nostra ricetta.

Non perdetevi anche le ricette della ciambella romagnola e del casatiello dolce!

Come preparare le ciambelle di Pasqua

Rompete le uova in una ciotola, aggiungete lo zucchero 1 e montate con le fruste elettriche, fino a ottenere un composto chiaro e spumoso.

Setacciate la farina e incorporatene una parte nell'impasto, quindi profumate il tutto con la scorza grattugiata del limone 2.

Versate l’olio e cucchiai di liquore all’anice 3.

Aggiungete la farina restante 4 e amalgamate per bene, fino a ottenere un panetto morbido ed elastico.

Ricavate dall'impasto 6 palline di uguali dimensioni e poi arrotolatele su se stesse dando qualche piega. Formate un foro, facendo pressione con le dita al centro, e realizzate le classiche ciambelle 5.

Tuffate le ciambelle in una pentola con dell'acqua in ebollizione 6; appena queste saliranno a galla, capovolgetele e fatele cuocere per un altro minuto. Scolatele su un canovaccio pulito e lasciatele asciugare e raffreddare completamente per delle ore.

Una volta ben fredde, incidete i lati delle ciambelle con la punta di un coltello, facendo attenzione a non arrivare al centro 7, evitando così che si aprano mentre sono in forno. Trasferitele su una teglia, foderata con un foglio di carta forno, e poi infornatele in forno statico a 175 °C per circa 35 minuti. Sfornatele e fatele raffreddare.

Preparate la glassa: montate leggermente l'albume con qualche goccia di succo di limone; versate lo zucchero a velo 8 e amalgamate ancora, fino a ottenere una crema liscia e abbastanza densa.

Quando le ciambelle si saranno raffreddate, immergetene un lato nella glassa 9.

Cospargete con i confettini colorati e lasciate rapprendere completamente, quindi portate in tavola e servite 10.

Consigli

Con le dosi proposte nella nostra ricetta otterrete circa 6 ciambelle.

Potete sostituire il liquore all’anice con il mistrà, come previsto nella ricetta tradizionale, oppure con un altro liquore a vostro piacere. Per una fragranza ancora più marcata, potete aggiungere anche dei semini di anice.

Le ciambelle di Pasqua possono essere gustate anche al naturale oppure decorate, oltre che con la glassa al limone, anche con la ghiaccia reale o il cioccolato fuso. Potete ultimare la guarnizione anche con la granella di nocciole o delle codette di cioccolato.

Conservazione

Le ciambelle di Pasqua possono essere conservate per 2-3 giorni in un luogo fresco e asciutto, ben coperte e chiuse in un apposito contenitore ermetico.

27
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Dolci
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
27