ingredienti
  • Per l'impasto
  • Farina 0 400 gr • 750 kcal
  • Lievito di birra fresco 10 gr • 750 kcal
  • Acqua 210 ml • 0 kcal
  • patate già pelate 150 gr
  • Sale q.b. • 0 kcal
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 0 kcal
  • per la finitura
  • Olio extravergine di oliva 30 ml • 0 kcal
  • Acqua 15 ml • 0 kcal
  • Pomodori pachino q.b. • 15 kcal
  • Olive nere q.b. • 79 kcal
  • Origano q.b.
  • Sale q.b. • 0 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La ciambella di patate salata è la versione più elegante e moderna della classica e altrettanto golosa focaccia barese. L’impasto è a base di farina 0 – meno raffinata e dunque più ricca di fibre, proteine e sali minerali – e viene arricchito con le patate lessate che conferiranno al lievitato grande morbidezza e un’alveolatura sottile e soffice. La superficie viene spennellata con una salamoia e poi decorata con pomodorini, olive nere e origano, per un risultato finale fragrante, dorato e irresistibile. Super semplice da realizzare, seguite la nostra ricetta e tutti i trucchi per una riuscita impeccabile e poi servitela a fettine, in accompagnamento a salumi, formaggi e sott'oli, come sfizioso antipasto in occasione di una cena o di un buffet in piedi. Se la giornata lo consente, invece, infilatela nella cesta del picnic e portatela con voi per una gita fuori porta o un pranzo organizzato al parco.

Come preparare la ciambella di patate salata

ciambella di patate salata

Tagliate le patate a tocchetti e raccoglieteli in un pentolino, quindi coprite con acqua fredda (1) e cuoceteli finché non saranno ben morbidi. Scolateli e lasciateli intiepidire.

ciambella di patate salata

Riunite in una ciotola la farina, il lievito e l’acqua, aggiungete le patate schiacciate e il sale e iniziate ad amalgamare con un cucchiaio di legno (2).

ciambella di patate salata

Trasferite l'impasto su un piano di lavoro e lavorate energicamente (3), fino a ottenere un panetto morbido e liscio.

ciambella di patate salata

Trasferite il panetto in una ciotola, copritelo con un panno (4) e fatelo lievitare fino al raddoppio del volume iniziale (per circa 1 ora e 1/2).

ciambella di patate salata

Trascorso il tempo di lievitazione, formate con l’impasto un salsicciotto e trasferitelo in uno stampo da ciambella, ben unto con l'olio (5).

ciambella di patate salata

Adagiate sulla superficie della ciambella i pomodorini, tagliati a metà, e le olive nere (6).

ciambella di patate salata

Miscelate l'olio con l'acqua e un pizzico di sale e versate la salamoia ottenuta sull’impasto (7).

ciambella di patate salata

Profumate con l’origano (8), coprite e lasciate lievitare per altri 30 minuti. Infornate la ciambella in forno statico a 200 °C e fate cuocere per circa 30 minuti.

ciambella di patate salata

Trascorso il tempo di cottura, sfornate la ciambella e lasciatela intiepidire, quindi sformatela, trasferitela in un piatto da portata o un tagliere e servite calda (9).

Consigli

Per questa ricetta dovete utilizzare uno stampo per ciambella, liscio oppure scanalato se desiderate dargli una forma più graziosa, da 26 cm di diametro.

Oltre alla doppia lievitazione, i trucchi per una perfetta riuscita della preparazione sono: ungere perfettamente lo stampo per ciambella scelto, per poi poter sformare facilmente la focaccia (potete anche utilizzare un pennello da cucina con cui spennellare l'olio al suo interno); versare sulla superficie una salamoia preparata con olio, acqua e sale che consentirà una doratura ottimale di questo soffice pane.

Potete servire la vostra ciambella di patate salate come antipasto: vi basterà tagliarla a fettine e abbinarla a salumi, formaggi e sott'oli vari; in alternativa, potete utilizzarla come sostituto del pane, in accompagnamento a un secondo proteico, oppure infilarla nella cesta del picnic e gustarla durante una gita in montagna o una scampagnata fuori porta.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche la focaccia in padella e la ciambella salata con zucchine e prosciutto.

Conservazione

La ciambella di patate salata può essere preparata anche in anticipo, scaldata successivamente e infine servita in occasione di una cena o un aperitivo. Una volta cotta, si conserva per 1-2 giorni in frigorifero, coperta con un foglio di pellicola trasparente. Prima di portarla in tavola, riscaldatela brevemente in forno.