Tutti gli incassi degli ordini del sabato sera ai dipendenti in cassa integrazione. Questa l'iniziativa del ristorante I Re di Napoli, un locale che si trova sul lungomare del capoluogo campano. Roberto Biscardi, uno dei titolari del ristorante-pizzeria di Via Partenope, ha detto che "abbiamo 25 dipendenti che in questa fase, a causa del coprifuoco, saranno messi in cassa integrazione. Si alterneranno solo la mattina per lavorare". L'idea è venuta a Biscardi e al suo socio, Mirco Martucci, affinché i dipendenti possano avere un sostegno, un piccolo aiuto per superare questo periodo di difficoltà.

"L'iniziativa sarà ripetuta"

L'intero incasso del delivery nella notte di Halloween è stato dato ai lavoratori del ristorante per "un piccolo gesto che può aiutare a farli sentire lavorativamente vivi in questo difficile momento". I dipendenti della pizzeria, uno dei migliori locali vista mare in cui mangiare a Napoli e dintorni, autogestiscono il delivery del sabato e possono trattenere tutti gli incassi che riescono a racimolare con il servizio a domicilio; diviso equamente tra i vari collaboratori che partecipano all'iniziativa.

L'iniziativa "è andata benino" dice Biscardi e che "se non verremo fermati dal lockdown sicuramente la ripeteremo. Speriamo possa andare meglio questo sabato, Dpcm permettendo, me lo auguro per i ragazzi".

La pizza de I Re di Napoli è classica, con cornicione basso, maturazione tradizionale e buoni prodotti. Il concetto alla fine è semplice, si vuole ottenere il massimo con la materia prima che offre la Campania, il risultato è ottimo però. Da provare nel reparto pizzeria la Margherita coi pomodorini del piennolo e tutte le varianti dei calzoni, fritti o a forno che siano. Molto solida la cucina tradizionale, su tutti i polipetti alla luciana che omaggiano la vicina Santa Lucia e gli scialatielli ai frutti di mare. Solido il reparto dei dolci per un ristorante di nuova generazione nel concept ma molto tradizionale nella proposta gastronomica.