Uva fragola, uva Isabella o uva americana: oggi scopriamo una varietà di uva dalle piccole dimensione e dal sapore zuccherino, che troviamo in commercio solo tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno, un frutto dissetante e dal potere antinfiammatorio, distinta in bianca e nera. L'uva fragola è un'antica vite di origini americane, importata in Europa all'inizio dell'Ottocento durante l'epidemia di filossera: questa piccola uva dolcissima si rivelò immune a questo batterio e così fu utilizzata come portainnesto, dimostrandosi fondamentale per "salvare" letteralmente" i vitigni europei.

Le caratteristiche organolettiche dell'uva fragola la rendono un alimento davvero particolare: piccole dimensioni e una buccia leggermente acidula nascondono una polpa senza semi, dal sapore così dolce da ricordare quella delle fragole mature. Quante calorie ha l'uva fragola? Quali sono i suoi benefici e come possiamo gustarla in cucina?

Proprietà dell'uva fragola

L'uva fragola è una vite di origini antiche, conosciuta e apprezzata non solo per il suo gusto dolce e il suo aroma profumato, ma anche per l'interessante profilo nutrizionale. Consumare 100 grammi di uva fragola significa assumere appena 69 kcal: parliamo infatti di una vite ipocalorica composta per lo più da acqua (circa l'80%) a cui fa da contrappeso una discreta percentuale di zuccheri.

L'uva americana è ricca di vitamine, in particolare vitamina A, vitamina B e vitamina C mentre non mancano i sali minerali tra cui spiccano potassio, calcio, fosforo, manganese e magnesio. L'uva fragola ha un effetto antiossidante grazie alla presenza di polifenoli e flavonoidi, sostanze che troviamo specialmente nella buccia amabilmente acidula: ancora nella buccia si segnala la presenza di rasveratrolo, un integratore naturale con sorprendenti effetti antinfiammatori.

Benefici dell'uva fragola

Perché non lasciarsi scappare l'uva fragola e consumarla nell'unico periodo dell'anno in cui è disponibile? Sarà anche piccola ma l'uva Isabella non ha nulla da invidiare ad altre varietà di uva: è dissetante e purificante, ideale per chi segue diete detox e ipocaloriche, ha un effetto energizzante e ricostituente, grazie alla buona presenza di sali minerali e vitamine che inoltre sostengono il sistema immunitario e cardiocircolatorio.

Polifenoli e flavonoidi hanno un potere antiossidante tale per cui questi piccoli chicchi di uva si rivelano utilissimi per combattere l'invecchiamento cellulare e l'azione dei radicali liberi. Ai più attenti non sarà sfuggita la presenza di zuccheri assimilabili tra cui glucosio e fruttosio: per questo motivo l'uva fragola è sconsigliata (in grande quantità) a chi soffre di patologie come il diabete.

Usi in cucina

C'è chi la ama a grappoli e la consuma seguendo la regola incontrovertibile dell'una tira l'altra e c'è chi ama giocare in cucina e usare l'uva fragola in ricette sfiziose. Il sapore zuccherino dell'uva americana lascia pochi margini di scelta: il suo regno è senza dubbio la pasticceria, ambito in cui da il meglio di sé. Da provare il liquore, conosciuto anche come fragolino, facilissimo da preparare in casa e perfetto per avere l'aroma di quest'uva a portata di mano durante tutto l'anno o la marmellata, consigliata soprattutto a chi predilige colazioni e merende genuine. Ricette tradizionali da non perdere? Provate il sorbetto o i sugoli di uva fragola, una preparazione tipica della cucina contadina, vegana e gluten free, un dolce al cucchiaio nato per ristorare i lavoratori, dopo una lunga giornata di vendemmia.