Volete preparare una perfetta pasta fatta in casa ma non avete la macchina? Stendere la pasta fresca all'uovo con il matterello è sicuramente un'arte tramandata dalle nostre nonne, ma è alla portata di tutti. Potete quindi realizzare una sfoglia sottilissima e uniforme anche senza macchina, a manovella o elettrica. Vi basterà conoscere qualche trucchetto, oltre ad avere una certa manualità, per preparare tagliatelle, ravioli e tutta la pasta fresca che preferite. Importante, poi, non sbagliare le proporzioni: per la pasta all'uovo vi occorreranno 100 grammi di farina per ogni uovo. Ma scopriamo tutti i segreti per fare la pasta in casa senza macchina e preparare una perfetta pasta stesa a mano per tutti i formati che volete realizzare.

1. Lavorazione dell'impasto e fase di riposo

Una volta stabilito che per la pasta all'uovo le proporzioni sono 1 uovo ogni 100 grammi di farina 00 o di semola di grano duro, è importante disporre la farina a fontana sulla spianatoia e rompere l'uovo al centro: potete anche sbatterlo leggermente prima di aggiungerlo. A questo punto raccogliete man mano la farina intorno e lavorate l'impasto con le mani stendedola tra il polso e la punta delle dita, fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo. Fate roteare l'impasto sulla spianatoia così da non doverlo mai lavorare verso il basso. Una volta pronto l'impasto copritelo con la pellicola trasparente e lasciatelo riposare per almeno 30 minuti: in questo modo diventerà più elastico.

2. Stesura della sfoglia

Trascorso il tempo di riposo, infarinate l'impasto e la spianatoia ma non il matterello. Quest'ultimo dovrà essere lungo, in quanto la pasta deve essere arrotolata ogni tanto intorno al matterello, così da spostarla sulla spianatoia. Importante poi lavorare la sfoglia dal basso verso l'alto oppure in diagonale. Se, mentre stendete la sfoglia, dovesse risultare appiccicosa, spolveratela con un po' di farina: ricordate sempre di non infarinare il matterello per evitare che l'impasto si attacchi. Per evitare che l'impasto si secchi, lavoratelo velocemente e con forza. Non appena la sfoglia si sarà assottigliata potete ridurre la pressione, per evitare di bucarla. La sfoglia sarà pronta quanto lo spessore sarà uniforme e quando sarà quasi trasparente.

3. A ogni formato il suo spessore

Tenete presente, poi, che ogni formato di pasta necessita di uno spessore differente, così da valorizzarla al meglio. Lo spessore della vostra sfoglia dipenderà, quindi, dalla preparazione che avete scelto: sarà più sottile per la pasta ripiena, come tortellini, ravioli e agnolotti, e più spesso per tagliatelle, fettuccine, pappardelle e tagliolini. Nel primo caso, quindi, la sfoglia dovrà essere sottilissima e trasparente, quasi come un velo. Per le tagliatelle e la pasta lunga, invece, la sfoglia potrà essere più spessa, così da avere una consistenza più gradevole al palato.

È possibile conservare la pasta fresca?

La pasta fresca all’uovo va consumata appena pronta, perché altrimenti rischia di seccarsi. Per ovviare a questo problema copritela con un canovaccio fino a che non dovrete cuocerla. Altrimenti potete preparare la pasta fresca e congelarla.

Che si tratti di tagliatelle, ravioli, tortellini o sfoglia dovete procedere in questo modo: posizionate la pasta su un vassoio e mettetela in congelatore per circa 3 ore. Trascorse il tempo necessario porzionate la pasta in sacchetti gelo con chiusura ermetica. Quando vorrete consumare la pasta fresca immergetela direttamente nell’acqua di cottura ancora congelata.