ingredienti
  • Per l'impasto
  • Farina 00 190 gr • 750 kcal
  • Acqua 320 gr • 0 kcal
  • Sale 1/2 cucchiaino • 21 kcal
  • Olio extravergine d'oliva 2 cucchiai • 0 kcal
  • Per il ripieno
  • Carne di pollo già cotta 220 gr
  • Cipolla 1 • 21 kcal
  • Piselli freschi o surgelati 150 gr
  • Garam masala 1 cucchiaino
  • Zenzero 1 cucchiaino • 80 kcal
  • Sale 1 cucchiaino • 21 kcal
  • Cumino q.b.
  • Coriandolo q.b.
  • Peperoncino q.b. • 29 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

I samosa di pollo sono dei fagottini triangolari deliziosi e facili da realizzare, tipici della cucina indiana: si tratta di una delle varianti della classica ricetta dei samosa, che viene riproposta con ingredienti diversi a seconda delle zone del Paese. Nella nostra preparazione, creeremo un impasto molto semplice – a base di farina, acqua, olio e sale – che avvolgerà un ripieno fatto con carne di pollo, piselli, cipolle e diverse spezie. Una ricetta ottima anche per riciclare la carne di pollo avanzata da un altra preparazione: potrete poi arricchire il ripieno con altre verdure come zucchine, melanzane, patate, peperoni, verze, biete o con quello che avete a disposizione.

Benché siano di origini indiane, oggi i samosa vengono consumati in tutta l'Asia centro-meridionale e intorno all'Oceano Indiano, nella penisola arabica, nel Corno d'Africa, in Africa orientale, fino al Nordafrica, Turchia, Grecia. Generalmente vengono consumati come antipasto, ma anche come secondo, oppure come spuntino. Potete preparare la pastella con grande anticipo, fino a 2 giorni prima, e il ripieno solo al momento di cuocerli: quando li cuocete, evitate di sovraffollare la padella e cercate di girarli spesso, in modo da ottenere una cottura uniforme. Ecco come realizzarli alla perfezione.

Come preparare i samosa di pollo

Sbattete sale, farina (1) e olio in una ciotola capiente.

Aggiungete gradualmente l'acqua per formare un impasto (2).

Lavorate per qualche minuto l'impasto, poi formate una palla (3) e copritelo con un canovaccio umido, lasciandolo riposare per 30 minuti.

Scaldate l'olio in una grande casseruola a fuoco medio; aggiungete la cipolla, l'aglio, lo zenzero e ½ cucchiaino di sale, quindi soffriggete per 2 minuti (4).

Aggiungete il pollo tritato, il cumino, il coriandolo, il peperoncino in polvere e ½ cucchiaino di sale, facendo cuocere per 8-10 minuti (5).

Unire il garam masala e i piselli (6) e cuocete per altri 5 minuti; aggiungete i peperoncini e spegnete.

Dividete l'impasto in 6 parti (7).

Infarinate leggermente un piano di lavoro, quindi stendete l'impasto in un rettangolo sottile (8).

Tagliatela ogni parte stesa a metà nel senso della lunghezza (9).

Forma una mezzaluna, mettetene una metà in mano e tamponate i bordi con acqua: sigillateli con un goccio di acqua in modo da formare un cono aperto (10).

Versate 2 cucchiai di farcia (11) senza riempire troppo.

Sigillate il samosa pizzicandolo con la punta delle dita (12).

Ripete l'operazione fino a esaurire impasto e farcia, disponendo man mano i vostri samosa su un piano già leggermente infarinato (13).

In una padella profonda fate scaldare l'olio e friggete i samosa (14), pochi pezzi per volta, finché non risultano dorati: abbiate cura di non affollare la pentola e di rigirarli spesso, in modo da cuocerli uniformemente.

Man mano che li friggete, fateli scolare su della carta assorbente. Servite i vostri samosa (15) ancora caldi.

Conservazione

Potete conservare i samosa già cotti per 1-2 giorni in frigorifero, ben chiusi in un contenitore ermetico; in alternativa potete realizzare la pastella in anticipo, anche due giorni prima, e conservarla in frigo, sempre in un contenitore con chiusura ermetica. Potete anche congelare i vostri samosa da crudi, scongelandoli qualche ora prima di cuocerli.