ingredienti
  • primosale 300 gr
  • Farina 100 gr • 360 kcal
  • Pangrattato 100 gr • 21 kcal
  • Uova 2 • 380 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
  • pepe q.b. • 79 kcal
  • Olio di semi d’arachide q.b. • 690 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il primosale impanato e fritto è un antipasto sfizioso, fragrante e assolutamente irresistibile. Dal gusto delicato e saporito, questo formaggio pecorino, scioglievole e a pasta molle, viene tagliato a fettine, panato e fritto in olio di semi bollente; la doppia panatura crea un involucro croccante e dalla sapidità decisa, grazie all'aggiunta finale del pepe nero. Semplice e veloce, può essere servito in occasione di un aperitivo o una cena tra amici, come entrée oppure come sfizioso secondo piatto, e conquisterà i commensali grazie a un cuore caldo e filante. Scoprite come preparare il primosale impanato e fritto in poche e semplici mosse.

Come preparare il primosale impanato e fritto

Tagliate il primosale a fettine, aiutandovi con un coltello a lama liscia per evitare che si rompa (1).

Passate le fettine di primosale nella farina, facendo in modo che tutti i lati siano ben infarinati (2).

Sbattete le uova con un pizzico di sale in un piatto fondo e immergetevi le fettine di formaggio (3).

Scolate le fettine di primosale dalle uova e passatele nel pangrattato (4).  Ripetete tutti i passaggi precedenti per una seconda volta, così da ottenere una doppia panatura.

Fate scaldare l'olio di semi in una padella, immergete le fettine di primosale e friggetene due alla volta 3-4 minuti per lato (5), bagnando spesso la superficie del formaggio con l'aiuto di un cucchiaio.

Una volta ben dorato, scolate il primosale e fatelo asciugare su carta assorbente da cucina. Conditelo con un pizzico di sale e di pepe e servite ben caldo (6).

Consigli

Per ottenere un'ottima frittura, la scelta dell'olio giusto è fondamentale: tra i migliori, c'è sicuramente l'olio di semi di arachide. Caratterizzato da un punto di fumo che supera i 200 °C, inodore e limpido, è tra quelli che alterano meno il gusto dei cibi durante la frittura. La temperatura ottimale dell'olio è tra i 160-180 °C (meglio munirsi di un termometro da cucina) e, per evitare che questa si abbassi, è preferibile friggere in una padella capiente o in un wok pochi pezzi per volta.

Ultimata la cottura, scolate bene gli alimenti dall'olio con una schiumarola e lasciateli asciugare su carta assorbente da cucina, senza coprirli, per evitare la formazione di umidità. Servite i cibi immediatamente, salandoli solo poco prima di portarli in tavola.

In alternativa al primosale, potete utilizzare anche altri formaggi come la tuma o la feta greca.

Se desiderate una versione light della stessa ricetta, potete panare le fettine di primosale, disporle in una teglia, foderata con carta forno, e infornate a 180 °C per circa 20 minuti, finché non saranno ben dorate e croccanti.

L'accompagnamento ideale per questo piatto è un'insalata fresca condita con olio, succo di limone e sale oppure gli spinaci saltati in padella con uno spicchio d'aglio e, a piacere, un po' di peperoncino.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche la mozzarella in carrozza.

Conservazione

Per poter apprezzare la loro fragranza e bontà, è bene friggere le fettine di primosale e consumarle ben calde al momento. Potete panare le fettine di formaggio, conservarle in freezer e poi friggerle in un secondo momento.