ricetta

Polenta pasticciata con ragù e asiago: la ricetta cremosa e irresistibile

Preparazione: 30 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Ciaopeople Studios
6467
Immagine
ingredienti
Polenta Cucina e sapori
170 g
Acqua
500 ml
Burro
100 g
Latte
250 ml
Salsicce di maiale
250 g
Pomodori marzanini rossi
200 g
Vino bianco
mezzo bicchiere
Porro
mezzo
Cipollotto
1
Basilico
10 foglioline
Concentrato di pomodoro
1 cucchiaio
Olio Evo
60 ml
Asiago DOP Lettere dall’Italia
250 g
Sale
qb
pepe
qb

Un piatto unico sostanzioso e saporito perfetto per scaldarsi durante le giornate fredde: la polenta con il ragù è un classico della tradizione italiana, diffusa soprattutto al nord ma amatissima e cucinata in tutte le regioni. Cremosa e avvolgente la polenta, grazie alla sua delicatezza, si sposa benissimo con un ragù corposo di salsiccia profumato al basilico. Il tocco di Asiago DOP è un'idea innovativa per rendere ancora più delizioso questo piatto casereccio che si prepara in pochi minuti.

Come si prepara la polenta pasticciata con ragù e Asiago

Per il ragù spezzettate la salsiccia e aggiungetela in padella.

Aggiungete un filo d'olio, porro e cipollotto affettati e cuocete a fuoco lento.

Profumate con le foglioline di basilico e aggiustate di sale e pepe.

Quando la salsiccia sarà ben rosolata sfumate con il vino e poi aggiungete il concentrato di pomodoro e i marzanini.

Preparate la polenta portando a bollore acqua e burro.

Aggiungete anche il latte scaldato leggermente.

Versate a filo la polenta mescolando con un cucchiaio.

Cuocete la polenta continuando a rimestare, basteranno pochi minuti.

Impattate la polenta, aggiungete il ragù e una grattata di Asiago DOP.

Conservazione

Questo piatto va consumato fumante, ma se dovesse avanzare della polenta potete conservarla in frigo fino a 4 giorni ben chiusa in un contenitore di vetro. Al momento di servirla potete tagliarla a cubetti e saltarla in padella con un filo d'olio.

6467
Questi sono contenuti pubblicitari a cura di Ciaopeople Studios, realizzati in linea con le necessità del brand.
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
6467