ingredienti
  • Rigatoni 360 gr
  • Salsiccia tipo luganiga 250 gr
  • Panna fresca da cucina 250 ml
  • Cipolla 1 • 29 kcal
  • Salsa di pomodoro 250 ml • 146 kcal
  • Brandy 50 ml • 345 kcal
  • Prezzemolo 1 ciuffo • 21 kcal
  • Peperoncino in polvere q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 0 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La pasta alla carcerata è un primo piatto ricco e saporito, perfetto per un pranzo in famiglia o una cena informale con gli amici più cari. Di facilissima esecuzione, è pensato per chi è alle prime armi in cucina o per chi ha poco tempo da dedicarvi. Pochi ingredienti, semplici e molto corroboranti, che mescolati insieme danno vita a una pietanza dal sapore unico, provare per credere.

La salsiccia viene rosolata in una padella con un fondo di cipolle, quindi sfumata con il brandy e poi arricchita da passata di pomodoro e panna fresca: il risultato è un condimento cremoso e avvolgente, perfetto per accogliere qualunque formato di pasta amiate. Noi abbiamo scelto i rigatoni, ma potete sostituirli anche con fusilli, mezze maniche o paccheri.

Nella nostra versione, abbiamo utilizzato la luganega, un insaccato fresco di carne di maiale, tipico del Nord Italia e dalla caratteristica forma allungata, a chiocciola; l'aggiunta del prezzemolo fresco e del peperoncino in polvere doneranno a questa preparazione un tocco di fragranza e piccantezza irresistibili. Di origine sconosciuta, c'è chi sostiene che il nome derivi dal fatto che sia stata inventata in carcere; per altri, invece, è da attribuire alla sua sapidità decisa, adatta ai palati più robusti.

Scoprite come realizzare questo semplice primo seguendo passo passo la nostra ricetta.

Come preparare la pasta alla carcerata

pasta alla carcerata

Portate a bollore l’acqua in una pentola capiente aggiustando di sale (1).

pasta alla carcerata

Sbucciate la cipolla e tritatela finemente (2).

pasta alla carcerata

Trasferite le cipolle in una padella e aggiungete un filo di olio (3).

pasta alla carcerata

Mettete sul fuoco e lasciate appassire a fuoco dolce (4).

pasta alla carcerata

Spellate la salsiccia e tagliatela a tocchetti (5).

pasta alla carcerata

Aggiungete la salsiccia (6) e fatela rosolare per qualche minuto.

pasta alla carcerata

Bagnate con il brandy (7) e lasciate sfumare.

pasta alla carcerata

Fate cuocere per una decina di minuti, finché il fondo non si sarà leggermente ristretto (8).

pasta alla carcerata

Una volta arrivata al bollore l'acqua, versate la pasta e mescolate (9).

pasta alla carcerata

Intanto aggiungete la salsa di pomodoro (10), salate e fate cuocere per una decina di minuti.

pasta alla carcerata

Versate la panna e stemperate per bene (11).

pasta alla carcerata

Scolate la pasta al dente (12).

pasta alla carcerata

Trasferitela in padella con il condimento (13) e mantecate per bene su fuoco vivace.

pasta alla carcerata

Tritate il prezzemolo al coltello (14).

pasta alla carcerata

Profumate la pasta con il prezzemolo tritato (15) e il peperoncino in polvere.

pasta alla carcerata

Impiattate e servite caldissima (16).

Conservazione

Per apprezzarne gusto e fragranza, vi consigliamo di gustare a pasta alla carcerata caldissima e appena fatta; potete preparare in anticipo il sugo e conservarlo in frigorifero, in un apposito contenitore ermetico, per massimo 1 giorno.