ricetta

Panzerotti senza lievitazione: la ricetta veloce e leggera della specialità pugliese

Preparazione: 40 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4-6
A cura di Genny Gallo
922
Immagine
ingredienti
Per l'impasto
Farina 0
125 gr
Farina 00
125 gr
Latte
140-150 ml
Lievito per torte salate
1 bustina
Zucchero
1 cucchiaino
Sale
Per il ripieno
Pomodori pelati
4
Provolone o mozzarella per pizza
100 gr
Parmigiano
3 cucchiai
Sale
Vi servono inoltre
Olio extravergine di oliva
2 cucchiai

I panzerotti senza lievitazione sono una delle golosità pugliesi più tipiche. Preparati tradizionalmente con lievito di birra e poi fritti in olio bollente, qui vengono proposti in una versione rapidissima – poiché l'impasto è confezionato con il lievito istantaneo e quindi non necessita di riposo – e leggera perché cotti in forno. Una variante altrettanto fragrante e gustosa, perfetta per allietare l'ora dell'aperitivo senza alcun senso di colpa. Ecco come realizzarli alla perfezione.

Come preparare i panzerotti senza lievitazione

In una ciotola miscelate le farine. Unite il lievito, il sale, lo zucchero e il latte, mescolando accuratamente con una forchetta 1.

Trasferite l'impasto su un piano di lavoro, spolverizzato con un po' di farina: lavorate energicamente finché non sarà sodo e omogeneo 2. Formate una palla liscia, avvolgetela nella pellicola trasparente e lasciatela riposare giusto il tempo di preparare il ripieno.

Schiacciate i pomodori con una forchetta 3. Unite un pizzico di sale e il formaggio grattugiato, mescolando per bene.

Riprendete l'impasto e dividetelo in 8 pezzi 4.

Da ciascuno degli 8 pezzi ricavate una pallina, quindi stendetela e formate un disco spesso 3-4 mm 5.

Distribuite su ciascun disco una cucchiaiata di pomodoro, facendo attenzione a lasciare 1 cm di bordo libero 6.

Disponete al centro qualche cubetto di formaggio 7.

Chiudete a mezzaluna e sigillate per bene i bordi 8.

Disponete i panzerotti su una teglia da forno, spennellateli con una miscela preparata con 2 cucchiai di olio e 2 di acqua 9 e poi infornateli a 200 °C per 12-13 minuti, o comunque finché non saranno ben dorati.

Trascorso il tempo di cottura, sfornateli, trasferiteli in un piatto da portata e serviteli ben caldi 10.

Consigli

Per evitare che l'impasto si attacchi al piano di lavoro, ricordatevi di spolverizzarlo con un po' di farina o di semola. Con queste dosi otterrete in tutto 8 panzerotti.

In questa ricetta i panzerotti vengono farciti con il classico ripieno a base di pomodoro e mozzarella, ma potete sbizzarrirvi con salumi, formaggi e verdure, a seconda del vostro gusto. Affinché la farcia non fuoriesca in cottura, ricordatevi di sigillare bene i bordi delle mezzelune aiutandovi con i rebbi di una forchetta.

È bene utilizzare del provolone o della mozzarella per pizza, molto più asciutta del classico fiordilatte; nel caso in cui vogliate utilizzare quest'ultimo, potete tagliarlo a fettine, raccoglierle in un colapasta e metterle a scolare finché non avranno perso gran parte della loro acqua. A piacere, potete profumare il pomodoro con un po' di origano in polvere o qualche fogliolina di basilico spezzettata con le mani.

Nella ricetta qui proposta questa specialità tipica pugliese viene cotta in forno: nel caso in cui vogliate preparare una versione più tradizionale e golosa, potete friggere i vostri calzoncini in olio bollente. Per eseguirli in modo impeccabile, provate questa ricetta dei panzerotti fritti.

Se invece volete prepararli in una versione assolutamente originale, utilizzate la pasta frolla salata in alternativa al classico impasto base.

Conservazione

È preferibile gustare i panzerotti caldi e appena sfornati. Nel caso in cui vi siano avanzati, potete conservarli per uno, massimo due giorni in frigorifero, chiusi in un apposito contenitore ermetico oppure avvolti con un foglio di pellicola trasparente. Prima di consumarli, abbiate l'accortezza di passarli qualche minuto in forno, giusto il tempo che il formaggio si sciolga.

922
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
922