ricetta

Panpepato: la ricetta del dolce natalizio a base di frutta secca

Preparazione: 60 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 4 persone
A cura di Raffaella Caucci
341
Immagine
ingredienti
Farina tipo 00
150 gr
Miele di acacia
100 gr
Mandorle sgusciate
60 gr
Nocciole sgusciate
60 gr
Gherigli di noci
50 gr
Uvetta
50 gr
Cioccolato fondente
50 gr
Cacao amaro in polvere
10 gr
Cannella in polvere
q.b.
pepe
q.b.
Noce moscata
q.b.

Il panpepato è un dolce a base di frutta secca, miele e cioccolato, preparato tradizionalmente durante il periodo delle festività natalizie in alcune zone dell'Umbria, della Toscana, dell'Emilia Romagna e del Lazio. Ogni regione ha la sua ricetta tipica, così come ciascuna famiglia la propria versione tramandata di generazione in generazione nel corso degli anni. Conosciuto anche come pampepato oppure pampapato, si tratta di una specialità di origine contadina che ha come ingredienti base, comuni a tutte le varianti, l'uvetta essiccata, le mandorle, le noci e le nocciole, unitamente a spezie come cannella, pepe e noce moscata.

Semplice e veloce da realizzare, è senza canditi e non necessita di alcuna lievitazione. Affinché il risultato sia aromatico e intenso, non saltate il passaggio della tostatura della frutta secca, assolutamente determinante; a piacere, potete aggiungere anche altri semi oleosi, in base ai vostri gusti e a ciò che avete a disposizione in dispensa, e sostituire il cioccolato fondente con il cacao amaro in polvere. Potete rendere il panpepato ancora più aromatico ammollando l'uvetta nel liquore o profumando l'impasto con scorza di arancia candita o con un goccio di caffè.

Può essere gustato a fine pasto, insieme agli altri dolci tipici del periodo, come pandoro e panforte, a merenda con una tazza di infuso bollente oppure potete avvolgerlo con un nastrino colorato e regalarlo ai vostri ospiti in occasione del Natale: sarà una sorpresa molto apprezzata. Scoprite come realizzare il panpepato seguendo passo passo le nostre indicazioni.

Come preparare il panpepato

Raccogliete l'uvetta in una ciotola e copritela con acqua a temperatura ambiente 1.

Sistemate un foglio di carta forno sul fondo di una teglia e distribuitevi la frutta secca in un unico strato 2. Quindi tostatela a 180 °C per una decina di minuti, facendo molta attenzione a non bruciarla.

Nel frattempo tritate il cioccolato al coltello 3.

Sfornate la frutta secca e fatela raffreddare completamente 4.

Poi tritatela in maniera non troppo fine utilizzando un coltello da cucina 5.

Raccogliete il miele in un pentolino 6, mettetelo su fuoco basso e lasciatelo scaldare.

Levatelo dal fuoco e aggiungete il cioccolato tritato 7.

Fate sciogliere il cioccolato e amalgamate fino a ottenere un composto fluido e lucido 8.

Raccogliete la farina e il cacao in una ciotola 9.

Miscelateli tra loro e aggiungete una macinata di pepe 10.

Proseguite con una grattugiata di noce moscata 11.

Aggiungete anche una generosa spruzzata di cannella in polvere 12.

Versate nella ciotola anche la frutta secca, tritata al coltello 13, quindi mescolate con un cucchiaio.

Versate a questo punto il composto a base di miele e cioccolato fuso 14.

Amalgamate il tutto con una spatola 15.

Prelevate l'uvetta dall'ammollo strizzandola con cura 16.

Aggiungetela all'impasto e amalgamate tutto con le mani 17.

Sistemate un foglio di carta forno sulla base di una teglia 18.

Compattate l'impasto con le mani in modo da formare una pagnotta 19.

Sistemate la pagnotta al centro della teglia 20.

Cuocete il panpepato in forno statico preriscaldato a 180 °C per circa 25 minuti 21.

Sfornate, trasferite su una gratella 22 e fate raffreddare completamente.

Impacchettate oppure portate in tavola il panpepato solo quando sarà completamente freddo 23.

Servitelo a fette 24.

Consigli

Potete spolverizzare il panpepato anche con un po' di zucchero a velo.

Conservazione

Il panpepato si conserva a temperatura ambiente, in un apposito contenitore ermetico, per almeno una decina di giorni.

341
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Dolci
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
341