ingredienti
  • Farina per pane 450 gr
  • Acqua 1 tazza e ½ • 0 kcal
  • Lievito secco 2 cucchiaini
  • Olio extravergine di oliva 2 cucchiai • 21 kcal
  • Miele 1 cucchiaio • 304 kcal
  • Sale 1 cucchiaino e ½  • 0 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il pane in pentola è un pane fatto in casa in versione semplificata: una ricetta ideale per chi è alle prime armi, ma vuole imparare l'arte della panificazione. Se avete acquistato da poco una planetaria, questa preparazione vi permetterà di preparare una pagnotta che, grazie all'uso della pentola di ghisa, risulterà particolarmente alta e soffice. Ecco come preparare il pane in pentola alla perfezione.

Come preparare il pane in pentola

Iniziate mescolando bene acqua, miele e lievito, fino a quando il tutto non sarà spumoso (1).

Trasferite il tutto nella ciotola della planetaria, aggiungete un terzo della farina (2), l'olio e iniziate a impastare alla velocità più bassa.

Aggiungete il sale e la farina restante in maniera graduale: dovrete ottenere un impasto elastico e liscio (3).

Continuate con la planetaria per cinque minuti, quindi estraete l'impasto, formate una palla e mettetela in una ciotola; copritela con un canovaccio pulito e fate lievitare per 30 minuti (4).

Trascorsa mezz'ora, riprendete la massa, impastatela di nuovo con le mani per qualche minuto e mettetela in una pentola di ghisa leggermente oleata e non troppo grande (5): fatela quindi riposare ancora, sempre coperta, per altri 30 minuti.

Cuocete il pane direttamente nella pentola di ghisa, in forno già caldo a 180 °C per 20-25 minuti (6), o fino a doratura: il tempo di cottura dipenderà dalla grandezza della pagnotta.

Una volta cotta, fatela raffreddare 5 minuti (7) e poi toglietela dalla pentola.

Prima di affettare e servire il vostro pane (8), fate raffreddare la pagnotta ancora un'altra decina di minuti.

Consigli

L'impasto deve risultare morbido ma non troppo appiccicoso: deve staccarsi facilmente dai lati della ciotola della planetaria; se risulta ancora appiccicoso, aggiungete un altro po' di farina. Non usate acqua fredda, ma riscaldatela prima a circa 25-30 °C: così sarà più facile impastare il tutto. Per una corretta lievitazione, l'impasto va messo in un luogo caldo ma ben ventilato: se la vostra cucina è particolarmente fredda, potete farlo lievitare nel forno spento.

Potete aggiungere all'impasto altri ingredienti e realizzare così diversi tipi di pane: erbe aromatiche essiccate come timo o rosmarino, semi di zucca, di papavero o di sesamo, olive tagliate grossolanamente, frutta secca come noci o nocciole.

Potete usare il vostro pane per accompagnare salumi e formaggi, ma anche secondi piatti di carne o di pesce, oppure realizzare dei crostini da servire insieme alle zuppe. Provatelo anche in versione dolce: con un velo di miele o con il classico binomio burro e marmellata.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche quella del pane furbo, una preparazione facilissima e molto golosa.

Conservazione

Potete conservare il pane in pentola avvolto in un canovaccio pulito, a temperatura ambiente, per 5-7 giorni. In alternativa, potete congelarlo interno o già affettato: durerà 6-7 mesi.