Negroni: la ricetta del cocktail italiano amato in tutto il mondo

Preparazione: 20 Min
Difficoltà: Facile
Dosi per: 1 persona
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Bruno Vanzan
0
Immagine

Il Negroni è un cocktail italiano alcolico amato in tutto il mondo ed è riconoscibile dal colore arancio scuro e dal gusto particolare e unico: il sapore dolce del vermut rosso incontra quello amaro del bitter e il retrogusto forte del gin in una miscela eccezionale di sapori che rende ancora il Negroni un drink richiestissimo.

Per quanto riguarda la storia del Negroni, partiamo dagli inizi del 1780, quando in Italia abbiamo l'evoluzione del mule – il Vermut – un vino fortificato, sempre bevuto con una parte di soda. Ciò avviene in Piemonte mentre, in Lombardia, abbiamo la nascita dei primi bitter: l'unione di vermut e bitter dà vita all'aperitivo italiano più storico della nostra cultura, che è il Milano Torino o MiTo; il secondo cocktail che nasce è l'Americano.

Da qui in poi parte la storia del Negroni, siamo nel 1919 a Firenze, al bar Casoni, dove il conte Cammillo Negroni diede vita a questa ricetta: Il conte era un viaggiatore, una persona curiosa, ed era appena tornato da un viaggio in Inghilterra, dove aveva scoperto il Gin; ogni qualvolta il conte Negroni andava al bar, chiedeva un Americano con l'aggiunta di Gin, drink che conquistò anche tutti gli amici del conte: da lì nacque il Negroni. Si pensa, poi, che questo drink nasca frizzante, con l'aggiunta di un po' di soda; noi lo prepareremo con la classica ricetta a base di bitter, vermut rosso e gin, ma con le dosi di Bruno Vanzan, che doneranno al cocktail il giusto equilibrio. Realizzeremo poi un'affumicatura con la polvere di caffè, che puoi realizzare per renderà unico il tuo drink. Ecco come prepararlo.

ingredienti
Bitter
4 cl
Vermut rosso
4 cl
Gin
2 cl
Buccia di arancia
1
Cubetti di ghiaccio
q.b.
Polvere di caffè
q.b. (per affumicatura)
Strumenti
Tumbler basso ghiacciato
1 (capacità 38 cl)
Bar spoon
1
Affumicatore
1
Cannello
1

Come preparare il Negroni

Partiamo dal cuore del cocktail, il bitter, ne uso 4 cl 1.

Passiamo al vermut rosso, altri 4 cl per bilanciare l'amaro con una dolcezza elegante 2.

E ora il gin: il mio consiglio è un London Dry, ne aggiungo 2 cl 3. Queste dosi sono dettate dalla mia esperienza per rendere questo drink equilibrato.

Aggiungi i cubetti di ghiaccio 4, non solo per raffreddare, ma anche per diluire leggermente, perché la perfezione è nei dettagli. Il ghiaccio dovrà essere pieno, consideralo un ingrediente e non un elemento marginale.

Adesso con il bar spoon miscela gli ingredienti 5, facendolo roteare intorno alle pareti, e diluisci con l’aiuto del ghiaccio: ricordati di colmare il bicchieri con uno due cubetti.

E ora l'arancia: dalla scorza spremo gli oli essenziali sul bicchiere 6, creando un'esperienza olfattiva unica.

Guarnisci il Negroni con la scorza di arancia 7, ritagliandola come nel video. Il Negroni e pronto ma puoi procedere con l'affumicatura, per renderlo unico.

Ecco il colpo di scena: con l'affumicatore, crea una nuvola aromatizzata al caffè 8 che rende speciale questo Negroni.

Il re dell'aperitivo è pronto. Un Negroni avvolto da una sinfonia di sapori e profumi. Provalo e lasciati sorprendere.

Varianti

La variante più famosa è il Negroni sbagliato, dove si sostituisce il gin con lo spumante Brut e fu inventato dal titolare del Bar Basso, in via Plinio a Milano. Va citato, inoltre, il Negroski che presenta la vodka al posto del gin ed è molto meno aromatico e più leggero. Se cercate, invece, un gusto meno aspro al palato, chiedete un Bencini, variante del Negroni con il Rum bianco al posto del gin. Ma come sostituire il vermut nel Negroni? Questa variazione la troviamo nell'Old Pal, dove viene utilizzato il whisky al posto del gin e si sostituisce il vermut dolce con quello secco.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Bevande alcoliche
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
0