ricetta

Minestra maritata: la ricetta della zuppa tradizionale napoletana

Preparazione: 3 ore
Difficoltà: Media
Dosi per: 4-6
A cura di Eleonora Tiso
178
Immagine
ingredienti
Per il brodo di carne
Cotenna di maiale
100 gr
Salsiccia
100 gr
Costine di maiale
2-3
Gallina
3-4 pezzi
Per le verdure
Scarola
1 cespo
Cicoria
1 cespo
Verza
1/2
Bietola
1/2 cespo
Radicchio bianco
1/2 cespo
Finocchi
2
Parmigiano grattugiato
50 gr
Olio extravergine di oliva
q.b.
Aglio
1 spicchio
Sale
q.b.

La minestra maritata è un piatto tipico della cucina campana, in particolare napoletana, realizzato tradizionalmente durante il periodo delle feste natalizie. Si tratta di una zuppa ricca e molto saporita a base di verdure miste e carne che, in cottura, "maritandosi" (in italiano maritata significa sposata), danno vita a un connubio perfetto ed equilibrato. Il risultato è una ricetta dai sapori rustici e avvolgenti, ideale per la stagione invernale.

Come accade per ogni ricetta della tradizione, non esiste una versione univoca di questo piatto. Si prepara con verdure a foglia verde, come scarola, cicoria, bietole e verza, cotte in un brodo di carne a base di gallina, salsiccia, cotenna e costine di maiale. Può essere realizzata anche solo con scarola o cicoria, utilizzando un brodo di gallina e gambo di prosciutto. Potete omettere il formaggio se non lo preferite, e aggiungere un tocco piccante per gli amanti del peperoncino.

Una pietanza corroborante e gustosa, pensata per le giornate più fredde, da accompagnare con fette di pane cafone. Di origine antica e popolare, un tempo veniva preparata per riciclare gli scarti di carne. La versione che vi proponiamo qui è stata semplificata e alleggerita rispetto all'originale, proprio per venire incontro ai gusti più moderni. Consuetudine vuole che a Napoli venga servita il giorno di Natale, mentre nel resto della provincia venga consumata a Santo Stefano, sebbene molti la preparino anche a Pasqua.

Scoprite come preparare la minestra maritata seguendo passo passo indicazioni e consigli. Se desiderate provare una versione più semplice, cimentatevi con la minestra maritata pugliese.

Come preparare la minestra maritata

Preparate tutti i tagli di carne scelti, tagliandoli in pezzi di media grandezza 1.

Disponeteli in una pentola capiente piena d'acqua e portate a ebollizione 2.

Dopo circa 15 minuti di bollore, eliminate l'acqua e tenete da parte la carne 3. Rimettete la pentola piena di acqua pulita sul fuoco, e quando raggiunge il bollore aggiungete nuovamente la carne che risulterà ora priva del grasso in eccesso eliminato con la lessatura precedente. Cuocete il brodo di carne a fuoco medio per circa 2 ore.

Nel frattempo, pulite, mondate e lavate la cicoria 4.

Pulite anche la scarola, il radicchio bianco, la bietola, la verza e i finocchi 5.

Portate a ebollizione abbondante acqua e lessate le verdure per circa 10 minuti a partire dal bollore 6. Scolatele in una terrina e tenetele da parte.

Quando il brodo sarà pronto, prelevate tutta la carne. Spolpate la gallina 7.

Tenetela da parte per l'assemblaggio della minestra 8.

Tagliate le cotenne a striscioline 9.

Tagliate la salsiccia a pezzetti 10.

In una larga casseruola dai bordi alti, versate un filo di olio, fatevi imbiondire l'aglio per qualche istante e poi aggiungete circa la metà delle verdure 11.

Formate un secondo strato con metà della carne mista 12.

Ricoprite con qualche mestolo di brodo 13.

Aggiungete anche una manciata di parmigiano 14.

Proseguite con un secondo strato di verdure, carne, formaggio e ricoprite con il brodo rimasto 15.

Rimettete la minestra maritata sul fuoco medio e cuocete per circa un'ora dall'ebollizione 16.

La minestra maritata è pronta per essere servita, calda ma non bollente 17.

Conservazione

La minestra maritata si conserva in frigorifero, in un apposito contenitore ermetico, per 2-3 giorni. Si può congelare, in vaschette monoporzione, per 1 mese se avete utilizzato ingredienti freschi.

178
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Primi piatti
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
178