ingredienti
  • Farina di mandorle 125 gr • 600 kcal
  • Zucchero a velo 125 gr • 380 kcal
  • albume 1 • 600 kcal
  • Essenza di mandorle 6 gocce
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Il marzapane è una preparazione di base tipica della sicilia, ma che troviamo in tutte le pasticcerie italiane. Una ricetta molto versatile, utilizzata per la preparazione di dolcetti, cioccolatini, ma anche per decorare torte e cupcakes. Realizzare questa deliziosa pasta dolce è davvero semplicissimo: vi basteranno solo farina di mandorle, zucchero, albume ed essenza di mandorle, per preparare un impasto morbido e facilmente modellabile, simile alla squisita pasta di mandorle. Per rendere più particolare il vostro marzapane, potete anche colorarlo con coloranti alimentari e aromatizzarlo con vari gusti, così da adattarlo alle voste preparazioni. Ecco come realizzarlo in pochi minuti.

Come preparare il marzapane

Versate in una ciotola, o nell'impastatrice, la farina di mandorle, lo zucchero, l'albume leggermente sbattuto e l'essenza di mandorla. Impastate fino ad ottenere un composto compatto ma malleabile: verificate che non sia troppo granuloso. In tal caso continuate ad impastare aggiungendo un'altra goccia di essenza di mandorla. Una volta pronto realizzate un panetto e lasciatelo riposare in frigo per almeno mezz'ora prima di stenderlo. Stendete poi il marzapane su un piano freddo leggermente cosparso con zucchero a velo. Utilizzatelo poi per le vostre preparazioni.

Consigli

Se volete realizzare a casa la farina di mandorle, tenete le mandorle in ammollo per 2 ore in acqua tiepida, rimuovete la pellicina, versatele in una ciotola e mettetele in freezer per mezz'ora: il freddo previene la perdita d'olio, favorendo la stesura dell'impasto del marzapane. Frullate poi le mandorle con lo zucchero fino a realizzare una polvere impalpabile: non dovranno esserci pezzetti di mandorle nel composto, per evitare che la pasta si strappi. Se non avete tempo per realizzare questo procedimento, la farina di mandorle acquistata al supermercato resta la soluzione più comoda e veloce.

Aggiungete l'albume leggermente sbattuto poco alla volta: potete regolarvi con la quantità di albume in base all'oleosità della farina di mandorle che state utilizzando.

Se volete realizzare la ricetta del marzapane senza albume, potete sostituirlo con la stessa quantità di acqua: portatela ad ebollizione con lo zucchero fino a quando lo sciroppo non comincerà a filare. Unite quindi la farina di mandorle e mescolate.

Storia e origini del marzapane

La nascita del marzapane risale all'anno Mille, durante il periodo delle Crociate, quando in Europa arrivò l'influenza mediorientale: soprattutto in Sicilia che subì la dominazione araba. Questa popolazione aggiunse alla gastronomia siciliana cereali, spezie e preparazioni di dolci, come appunto il marzapane.

Il termine "marzapane" deriverebbe, secondo alcuni studiosi, dall'arabo maw-thabán, nome delle moneta d'argento araba grande quanto il quantitativo d'impasto dolce fatto di mandorle, zucchero e acqua di rose. Secondo altri deriva invece da Marci panis, pane di San Marco, di cui avevano il monopolio i veneziani. Durante la dominazione austriaca prese ooi il nome di Marzipan.

Conservazione

Potete conservare il marzapane in frigo per un giorno avvolto nella pellicola trasparente. In alternativa potete congelarlo, sempre avvolto nella pellicola o nella carta alluminio.