scuola_cracco_studenti

Il ristorante della scuola di cucina presieduta da Carlo Cracco apre ufficialmente i battenti e lo fa in una giornata molto speciale: San Valentino. Comincia il 14 febbraio l'avventura del ristorante didattico dell'Associazione Maestro Martino a Villa Terzaghi, una splendida location a Robecco sul Naviglio, nel cuore del parco del Ticino, a una ventina di chilometri da Milano. Menu speciale per la festa degli innamorati, creato dagli studenti praticanti con l'approvazione dello chef stellato ed ex giudice di Masterchef.

Due le opzioni d'acquisto: classico pranzo a tavola con menu degustazione al prezzo di 50 euro a persona oppure lunch box, con le stesse portate e preparazioni al costo di 80 euro. La box in delivery è però da considerare per due persone.

Il menu di San Valentino a Villa Terzaghi

Il ristorante dell'Associazione Maestro Martino propone un menu di 5 portate accompagnato da un cocktail analcolico di benvenuto. Si tratta di una proposta molto competitiva sia per la prestigiosa firma che certifica il menu, sia per la location. Villa Terzaghi è una splendida villa del ‘700 milanese, a pochi passi dal capoluogo lombardo.

L'aperitivo è composto da chips di riso al gusto zafferano, barbabietola e pepe nero, accompagnate dall'Amortentia, il cocktail realizzato con l’amaro bianco e il gin di Carlo Cracco, bitter, succo di pompelmo, succo di limone, sciroppo di lamponi, zenzero. C'è poi l'antipasto, un panino al vapore con trota affumicata a freddo del parco del Ticino, caviale di melograno, zenzero croccante e polvere di cime di rapa. Per primo ci sono i tortelli di barbabietola ripieni di ricotta e castagne, con ragù bianco al profumo di rosmarino. Il secondo è un classico, il filetto di vitello con millefoglie di patate e salsa al vino rosso. Per finire, i Baci di Cracco, iconico dessert dello chef stellato: un'unica frolla alle mandorle e due ripieni diversi, al gianduia e al passion fruit.

Sito ufficiale Accademia Maestro Martino
in foto: Sito ufficiale Accademia Maestro Martino

Il ristorante apre i battenti domenica e secondo le previsioni della scuola aprirà tutte le domeniche successive a pranzo. La proposta è di una cucina d'autore fondata sull'esaltazione dei prodotti del territorio, con incursioni da altre zone d'Italia che abbiano prodotti di eccellenza. Nell'idea di Carlo Cracco questo dovrà essere un laboratorio per lo più didattico e culturale: esportare la cultura della gastronomia attraverso la pratica. L'avventura di Villa Terzaghi sarebbe dovuta cominciare tempo fa, ha dato infatti un assaggio del potenziale con una serie di eventi in estate, ma ovviamente la pandemia ha rallentato il tutto. Alla scuola sono iscritti i diciotto migliori studenti provenienti dagli istituti alberghieri della Lombardia, selezionati ogni anno con criteri meritocratici. La formazione è gratuita per questi ragazzi che hanno l'occasione di imparare e farsi conoscere attraverso il proprio lavoro.