cannavacciuolo-san-valentino

Si avvicina la festa di San Valentino 2020 e per l’occasione tanti innamorati scelgono di regalarsi una cena da sogno nei ristoranti stellati più rinomati d’Italia.

Antonino Cannavacciuolo, cuoco Due Stelle Michelin, ha ideato un menu molto elegante per la festa degli innamorati nel suo bellissimo ristorante sul Lago d’Orta.

Il menu di San Valentino a Villa Crespi

Come di consueto la cucina di Antonino Cannavacciuolo fonde la tradizione campana e la tradizione piemontese portando in tavola un concetto di cucina che abbina benissimo due terre così diverse. Quest’anno il cuoco di Vico Equense si è sbizzarrito con la fantasia presentando un menu per San Valentino 2020 molto variegato.

Si parte dallo stuzzichino dello chef come entrée per passare ai due antipasti. Il primo è un branzino marinato, mela verde e sedano rapa, tosazu, un aceto di riso giapponese affumicato tipico della regione di Doshū; il secondo una Ricciola in crosta di pane, cime di rapa, salsa all’aglio. Il vero bacio tra Piemonte e Campania c’è nella pasta perché Cannavacciuolo propone un plin, un prodotto tipico della zona del Monferrato, ripieno di ragù alla genovese, con vitella giovane e cremoso al Parmigiano seguito dalla… scarpetta. Immancabile la fetta di pane a Napoli dopo aver gustato il sugo genovese. I due secondi sono di pesce e di carne. Si parte dal misterioso “Baccalà, baccalà, baccalà”, ipotizziamo un baccalà presentato in tre diverse cotture e consistenze per passare al maialino da latte, castagne, sedano e radice di cerfoglio. Giunti al dolce, c’è un trittico ricorrente dei menu festivi di Antonino Cannavacciuolo: pre dessert, il dessert di Villa Crespi e una selezione di piccola pasticceria con babà e code di aragosta.

Il prezzo è rimasto invariato rispetto allo scorso anno, quindi 220 euro a persona bevande escluse per un’indimenticabile cena di San Valentino  in uno dei ristoranti più belli del mondo.