27 Aprile 2022 15:00

Il caffè sospeso arriva a Kiev: l’iniziativa dei cittadini per i soldati ucraini

Da Napoli a Kiev: l'iniziativa del caffè sospeso conquista anche la Capitale ucraina. Come ha raccontato una giornalista locale, molti cittadini stanno mostrando il loro sostegno alle truppe ucraine lasciando loro pagati caffè e cornetti.

A cura di Alessandro Creta
771
Immagine

Bevande e dolci già pagati al bar, a disposizione dei soldati ucraini di passaggio nella Capitale e da poter riscuotere in modo totalmente gratuito. È il modo in cui la gente di Kiev ringrazia chi sta combattendo in loro difesa.

Da Napoli a Kiev. La tradizione del caffè sospeso, dal golfo di Partenope diffusa negli ultimi anni anche in altre parti d’Italia, arriva nella principale città ucraina. Un gesto di solidarietà a sostegno dei soldati impegnati in guerra che, ora, nei bar della città potranno trovare un caffè pagato o una brioche offerta. Un messaggio lasciato dalla cittadinanza a chi sta difendendo, rischiando la vita, i territori nazionali.

Caffè sospeso a Kiev, la testimonianza della giornalista

Un incoraggiamento a resistere, continuare a lottare e a non arrendersi. Un sostegno non solamente simbolico, ma che prende le forme di una tazzina di caffè, metafora di resilienza e coraggio. Accanto alla colazione pagata anche un bigliettino rosa, un post-it, con un messaggio di ottimismo e speranza lasciato ai difensori ucraini. A raccontare questa iniziativa in diffusione tra i bar di Kiev è stata la giornalista del Kyiv Independent, Olga Rudenko, la quale seguendo da vicino gli sviluppi della guerra ha testimoniato l’usanza del caffè sospeso attraverso il suo profilo di Twitter.

Immagine
Dal profilo Twitter di Olga Rudenko

“I post-it rosa sono bevande e dessert che i visitatori hanno pagato come regalo per i membri della difesa militare o territoriale, che possono venire a reclamarli gratuitamente” ha scritto la corrispondente sui social in un cinguettio. Il tweet, in pochi giorni, ha superato le 5000 condivisioni, raccogliendo quasi 32 mila mi piace. Come ha specificato la reporter ucraina, quella del caffè sospeso è un’iniziativa che sta prendendo piede in molti bar della Capitale.

Idea lodevole e apprezzata che, per ora, mantiene il suo valore simbolico e metaforico. Stando a quanto ha testimoniato la Rudenko, infatti, tanti militari clienti dei bar hanno deciso di pagare di tasca propria le ordinazioni. Lasciando le consumazioni sospese ancora in sospeso.

771
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
771