3 Marzo 2020 18:39

Foto dei cani sui cartoni della pizza, la storia (remunerativa) da cui prendere esempio

Una pizzeria di New York ha deciso di pubblicare annunci di adozione di cani senza padrone sui cartoni della pizza: un'iniziativa in collaborazione con un rifugio per trovatelli, che ha riscosso davvero un gran successo fra i clienti. Un progetto lodevole, che permette di fare beneficienza in un modo davvero originale: regalando pizze per strada, in modo da sensibilizzare i clienti.

A cura di Francesca Fiore
1762
Immagine

Gli animali domestici sono importantissimi per l'essere umano: che voi ne possediate uno o meno non vi sentirete comunque di negare questa affermazione. Ma spesso per loro facciamo troppo poco: è questo che devono aver pensato i gestori di questa pizzeria di New York, quando hanno deciso di mettere in campo questa bella iniziativa. Just Pizza & Wing Co., un ristorante fast-food a New York, ha deciso di stampare sui cartoni della pizza richieste di adozioni di cani che hanno bisogno di un padrone.

L'iniziativa: le foto dei cani sui cartoni della pizza

Il cervello dietro questa idea è quello di Mary Alloy, proprietaria del franchising: a quanto pare l'imprenditrice è stata ispirata mentre lavorava come volontaria, insieme ai suoi tre figli, alla Niagara Society for the Prevention of Cruelty to Animals (SPCA). Secondo Alloy, l buona riuscita del progetto è dovuta a Kimberly LaRussa, coordinatrice di SPCA, che ha avuto l'idea di accelerare l'adozione degli animali del rifugio con questo messaggio che viene attaccato a ciascuna delle scatole da pizza di Alloy's. A chiunque adotti un cane trovato appunto sopra il cartone della pizza, verrà offerto un buono del valore di 50 dollari per fare nuove compere nella pizzeria. Inoltre, anche coloro che hanno smarrito il proprio cane possono ritrovarlo controllando i cartoni delle pizze.

La reazione dei clienti a questa iniziativa è stata decisiva: pare che questa idea abbia contribuito – e non poco – ad aumentare il giro degli affari della pizzeria. Secondo la titolare del franchising, infatti, molte persone hanno ordinato una pizza solo per vedere le foto dei cani ospitati nei rifugi. Mary Alloy ha già annunciato che continuerà “per tutto il tempo necessario” in modo da far adottare ogni cane ospitato nel rifugio ha annunciato, poi, di volere replicare l'iniziativa anche per i gatti. Questo ha scatenato un effetto a catena che ha stimolato altre pizzerie a dare un seguito alla cosa: diversi marchi si sono offerti di favorire allo stesso modo le adozioni. Una storia da cui prendere decisamente esempio.

Images credits: Niagara SPCA Facebook Post

1762
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
1762