ingredienti
  • Farina di manioca 200 gr
  • Cipolla 2 • 21 kcal
  • Banane 2 • 90 kcal
  • Uova 1 • 15 kcal
  • Burro 40 gr • 380 kcal
  • Erbe aromatiche q.b.
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La farofa è un piatto gustoso, saporito e facilissimo da preparare tipico dei paesi sudamericani, in particolare del Brasile. Si tratta di un contorno a base di farina di manioca, un tubero da cui si ricava una fecola granulosa anche nota come tapioca e il cui utilizzo è molto simile a quello delle patate; con queste condividono la ricchezza di carboidrati e l'assenza di glutine, caratteristica che li rende particolarmente adatta anche in caso di intolleranze. Può essere preparata in mille modi diversi e il risultato è talmente sorprendente da diventare facilmente una buona abitudine alimentare gustosa e super economica. Con questa ricetta vi proponiamo la sua versione più semplice, ma non per questo meno saporita, a base cipolla, burro e banane. Ecco come prepararla alla perfezione, senza errori.

Come preparare la farofa

Tagliate una banana in piccoli pezzi della stessa dimensione (1).

Rompete l'uovo in una ciotola e sbattetelo energicamente con una forchetta per qualche secondo (2).

Fate sciogliere a fuoco vivace il burro all'interno di un tegame capiente (3).

Immergete la cipolla nel burro già ben caldo (4).

Lasciatela appassire per qualche minuto a fuoco medio (5).

Aggiungete le banane e l'uovo sbattuto, mescolando energicamente per strapazzarlo insieme al resto degli ingredienti (6).

Tostate la farina di manioca per circa tre minuti mescolando bene tutti gli ingredienti (6).

Servite la farofa guarnendola con qualche fogliolina di erbe aromatiche (7).

Consigli

Un'idea gustosa per guarnire e arricchire la farofa è quella di friggere la cipolla, oppure il platano. Se volete sostituire il burro potete usare l'olio extravergine di oliva o, in alternativa l'olio di semi di girasole.

La farofa è un piatto molto popolare in Brasile, soprattutto perché è economico e nutriente: è presente in varie cucine regionali e viene servito come contorno a piatti di carne o pesce.

In Sud America esistono diverse varianti tipiche della ricetta, alcune delle quali prevedono, prima della tostatura della manioca, ingredienti come trippa, pancetta arrostita o saltata in padella, salsiccia, uova e cavolo. Potete quindi divertirvi a sperimentare diverse combinazioni da affiancare al piatto base: andranno bene anche come funghi, biete, verze, fagiolini e così via. Potete anche aromatizzarla con erbe aromatiche come menta, basilico, erba cipollina e timo.

Conservazione

È consigliabile consumare la farofa subito per evitare di perdere la sua consistenza. Nel caso in cui avanzasse, potete conservarla in frigo per 24 ore, ben chiusa in un contenitore ermetico: poco prima di servirla  riscaldatela nel microonde in modalità grill, oppure in forno per qualche minuto.