ingredienti
  • Fagioli misti 250 gr
  • Cipolla 1/2 • 21 kcal
  • Aglio 2 spicchi • 21 kcal
  • Salvia q.b. • 79 kcal
  • Rosmarino q.b. • 29 kcal
  • Brodo vegetale 2 litri • 43 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
  • Pepe nero q.b. • 79 kcal
  • Olio extravergine d’oliva q.b. • 0 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

La fagiolata è un secondo piatto nutriente e goloso, molto semplice da realizzare. Nella nostra preparazione i fagioli vengono cotti lentamente in una pentola di terracotta, insieme ad aglio, cipolla, salvia, rosmarino e brodo vegetale: potete selezionare varietà diverse di fagioli, così da avere un piatto ricco, con consistenze diverse: una ricetta ideale per una cena corroborante e invitante. Preparatelo come secondo piatto o come piatto unico, accompagnandolo con fette di pane abbrustolito o crostini: ecco come realizzare la fagiolata alla perfezione.

Come preparare la fagiolata

Preparate gli odori e le erbe aromatiche che utilizzerete per la cottura della fagiolata: lavatele e tagliatele grossolanamente (1).

Lasciate dorare uno spicchio d'aglio e la cipolla tritata nell'olio extravergine d'oliva (2).

Versate le varietà di fagioli precedentemente tenuti a bagno, lasciate cuocere per qualche secondo e poi unite il brodo vegetale e le erbe aromatiche tritate (3).

Coprite il tegame con il coperchio e lasciate cuocere a fuoco medio per circa 1 ora, girando di tanto in tanto (4).

Dopo circa un'ora i fagioli saranno cotti: aggiustare con sale e pepe a piacere (5).

Servite la fagiolata ben calda, guarnite con salvia, rosmarino, pepe nero e un generoso giro di olio extravergine d'oliva (6).

Consigli

Per realizzare questa ricetta abbiamo usato i fagioli secchi, mettendoli in ammollo 12 ore prima in acqua fredda con un pizzico di carbonato; nel caso in cui non abbiate avuto tempo di metterli a bagno, potete lessarli in acqua fino a ebollizione, scolarli e procedere con la cottura indicata in ricetta: questo trucchetto vi consentirà di ridurre notevolmente i tempi di preparazione.

Le varietà di fagioli selezionate per questa ricetta sono borlotti, cannellini e fagioli tondini del purgatorio. Questi ultimi, in particolare, non hanno bisogno di ammollo: dalle dimensioni ridotte, in cottura si sfaldano prima delle altre varietà creando una golosa cremina. Naturalmente possono essere utilizzate le varietà di fagioli che preferite, purché vengano considerate le loro caratteristiche individuali all'interno del piatto.

L'uso della pentola in terracotta consente una cottura lenta e uniforme dei legumi: se usate questo tipo di pentola, ricordate di munirvi di uno spargifiamma, possibilmente di dimensioni analoghe al tegame, per evitare di rovinarne il fondo.

Se volete conferire maggiore cremosità al piatto, potete aggiungere alla preparazione un paio di patate tagliate a pezzi non troppo grandi; in alternativa, potete aggiungere un goccio di latte in cottura.

Se amate questi legumi provate la ricetta dei fagioli alla Bud Spencer, un piatto dal sapore intenso grazie a salsiccia e peperoncino, oppure quella dell'insalata di fagioli, preparazione fresca e golosa.

Conservazione

Potete conservare la fagiolata in frigorifero per massimo 36 ore in un contenitore per alimenti ben sigillato; in alternativa, potete congelarla per poi tirarla fuori dal freezer e scaldarla solo nel momento del bisogno. Per evitare che i legumi si sfaldino attendete che i fagioli siano completamente scongelati (possibilmente in frigorifero o in microonde) prima di riscaldare la fagiolata.