Siamo abituati a conservare gli alimenti e il cibo avanzato utilizzando la pellicola trasparente: un prodotto sicuro e semplice da usare, se impiegato nel modo corretto. La pellicola trasparente può essere smaltita nella plastica ma ad oggi sappiamo che, essere davvero ecosostenibili dovremmo, oltre che riciclare e smaltire nel modo corretto, anche limitare la produzione e il consumo delle microplastiche. Come farlo allora a partire dalla nostre scelte individuali anche in cucina? Abbiamo provato 5 alternative alla pellicola trasparente per conservare gli alimenti in modo sicuro e pratico.

1. Contenitori riutilizzabili

Un'alternativa semplice, economica e decisamente eco-friendly: conservare gli alimenti in contenitori riutilizzabili può aiutarvi a eliminare definitivamente la pellicola dalla vostra credenza. Potendo scegliere, vi consigliamo i contenitori in vetro o in ceramica: non sono solo facili da pulire ma, a contatto con il cibo, non ne alterano in alcun modo odori e sapori, cosa che invece può succedere se parliamo di contenitori in plastica.

2. Fogli in cera d'api

La maggior parte delle pellicole è composta da PVC (polivinilcloruro), una plastica derivante dal petrolio: la maggior parte ma, fortunatamente per l'ambiente, non tutte. Alcune pellicole sono invece composte da polietilene, un materiale plastico elastico e resistente che, rispetto al PVC, aderisce meno ai cibi ed è più facilmente riciclabile.

Un'alternativa davvero diversa possono essere i fogli in cera d’api, fatti con cotone biologico trattato con sostanze naturali e quindi totalmente biodegradabili. Il materiale, inoltre è impermeabile e modellabile: questo lo rende un'ottimo sostituto non solo della pellicola trasparente ma anche dei sacchetti che usiamo per congelare.

3. Coperchi universali in silicone

La migliore alternativa alla pellicola se si vuole conservare i vostri piatti cucinati: i coperchi in silicone resistono a temperature molto alte e molto basse, possono essere lavati e riutilizzati, garantiscono un effetto "sottovuoto" e si trovano facilmente in commercio. Sistemate il cibo in piatti o contenitori di vetro e ceramica e sigillate con il coperchio adatto prima di riporlo in frigo: in questo modo potrete dire addio alla pellicola trasparente. Al momento dell'acquisto date sempre un occhio all'etichetta, meglio scegliere sempre coperchi fatti di silicone o in lattice atossico e quindi adatto al contatto con il cibo.

4. Pellicola in bioplastica

Se non siamo sicuri di poter riciclare, possiamo almeno inquinare il meno possibile e la pellicola in bioplastica ci aiuta a farlo. Completamente biodegradabile, la pellicola in bioplastica si smaltisce nel bidone dell'umido perché composta da materiale di origine vegetale: ottima alternativa alla pellicola in plastica, non ha alcun effetto negativo sul cibo con cui entra in contatto.

5. Panno cerato

Un'alternativa ecologica alla pellicola trasparente, i panni in cera d'api sono perfetti per avvolgere e conservare il cibo in frigo o a temperatura ambiente. La cera d'api infatti rende la superficie del panno completamente impermeabile e non ha nessuna conseguenza negativa sul sapore degli alimenti con cui entra in contatto. Se non lo trovate in commercio, potete fare il vostro panno cerato anche in casa: tutto quello che vi occorre è un panno di lino o cotone, un panetto di cera d'api, due fogli di carta forno e un ferro da stiro. Ricoprite la superficie del panno con la cera, adagiate la carta forno e passate il ferro caldo, una volta raffreddato il vostro panno sarà pronto e, particolare importante, potrà essere riutilizzato più volte: vi basterà lavarlo con acqua e sapone di Marsiglia.