Pulire a fondo la cucina è un processo fondamentale per mantenere sempre asciutto e pulito l'ambiente in cui prepariamo le nostre ricette. Molto spesso ci limitiamo ad una pulizia veloce, passando dai piatti al lavello, magari con l'aiuto di uno sgrassatore.

Ogni tanto però, è bene pulire la cucina più in profondità, per assicurarsi di rimuovere il più possibile germi e batteri, oltre a calcare e incrostazioni. Le parti della cucina che tendiamo a pulire meno spesso sono ad esempio frigorifero e forno. Utilizzate soluzioni a base di bicarbonato e aceto bianco per rimuovere macchie e cattivi odori. Ecco allora come pulire a fondo una cucina per mantenerla sempre igienizzata.

Come pulire il piano cottura e i fornelli incrostati

Inizia dal piano cottura, una delle parti della cucina che sarà sicuramente più sporca. Rimuovi le piastre dei fornelli e le griglie e lavale con acqua calda e detersivo per i piatti. Se hai una lavastoviglie puoi avviare un ciclo di lavaggio dopo aver eliminato con una spugna gli eccessi di sporco.

Se lo sporco è incrostato o le piastre sono molto unte, puoi preparate una soluzione con mezzo litro di acqua calda, cinque gocce di detersivo per i piatti e un bicchiere di aceto bianco. Immergi un panno in microfibra, strizzalo e passalo sulle superfici.

La stessa soluzione puoi usarla anche per sgrassare la superficie del piano cottura. Utilizza una spugna non abrasiva per evitare di graffiare la superficie. Utilizza sgrassatori o detersivi a base di candeggina per le macchie ostinate o incrostate.

Rimuovi le manopole dei fornelli e lavale con acqua calda e un detersivo per piatti. Evita prodotti a base di ammoniaca o sostanze abrasive che potrebbero segnare o comunque rovinare il materiale delle manopole.

Dedicati alla pulizia della cappa, una parte della cucina che assorbe grasso e odori. Utilizza un panno umido e uno sgrassatore. Assicurati di risciacquare bene il prodotto e di asciugare poi con un panno pulito. Anche in questo caso puoi usare una soluzione a base di aceto, per sgrassare e rimuovere odori impregnati.

Per una pulizia profonda, rimuovi i filtri della cappa e immergili in acqua calda e sapone per i piatti. Strofinali con un panno e lasciali asciugare.

Come pulire il lavandino

Prima di iniziare a pulire il lavandino, lava tutti i piatti, le pentole o eventuali posate che hai nel lavello. Pulisci a fondo, con uno sgrassatore e una spugnetta, tutte le parti del lavabo.

Se è in acciaio aiutati con un detersivo anti calcare per evitare che si formino aloni in superficie o incrostazioni. Pulisci bene anche il rubinetto ed asciuga le chiazze d'acqua con un panno asciutto.

Puoi rimuovere i residui di calcare anche con una soluzione a base di aceto bianco, da strofinare sulla superficie con un panno pulito e morbido, poi risciacqua con acqua fredda e asciuga bene.

Come pulire il forno

Per prima cosa, per pulire il forno senza detersivi, togli dal forno ogni teglia, pirofila ed estrai tutte le griglie. Se è possibile, smonta lo sportello del forno sollevando le sue levette laterali: ti verrà più semplice pulire tra le fessure e in mezzo alle guarnizioni.

Fai bollire una pentola d'acqua sul fornello e spegni appena inizia a bollire leggermente. Aggiungi un bicchiere di aceto. Nel frattempo preriscalda il forno a circa 150°-180°. A forno spento, metti dentro la pentola e lascia che il vapore ammorbidisca le incrostazioni sulle pareti. Lascia agire per almeno 3 ore. Infine, rimuovi i residui incrostati aiutandoti con una spatola in plastica o silicone, oppure una spugna non abrasiva.

In una ciotola, sciogli 170g di bicarbonato in 3 o 4 cucchiai di acqua tiepida. Aggiungi qualche goccia di succo di limone, che ha un potere sgrassante, mescola e imbevi una spugna nel composto. Stendilo bene su tutte le superfici del forno, soffermandoti a grattare dove lo sporco è più incrostato. Risciacqua di frequente la spugna in acqua calda.

Completa la pulizia vaporizzando l'aceto su tutte le pareti ancora bagnate di acqua e bicarbonato. Si creerà una reazione chimica ultra sgrassante. Aiutati versando l'aceto in una bottiglia con l'erogatore a spray. Lascia agire per almeno 1 ora.

Come pulire il frigorifero

Per pulire correttamente il frigo, per prima cosa svuotalo del tutto, gettando ciò che è scaduto e ciò che ha creato muffe.

Prepara una soluzione con 250ml di acqua e 2 cucchiai di bicarbonato di sodio. Con una spugna, spargirla strofinando tutte le superfici, soprattutto dove ci sono macchie, incrostazioni o residui di cibo.

Non tralasciare l'interno dei cassetti, ma sfilali, e puliscili con cura a parte.

Se il frigo ha un cattivo odore, lascia una scatolina aperta con dentro del bicarbonato, su uno dei ripiani centrali del frigo. Quando rimetterai il cibo in frigo, presta attenzione. Assicurati che ogni alimento sia ben chiuso e che non emani odori. Utilizza contenitori ermetici e pellicola trasparente per avvolgere cibi già aperti. Sistema frutta e verdura negli appositi cassetti del frigo, carne e pesce nei ripiani centrali, mentre formaggio, yogurt, burro e simili nei ripiani più alti.