26 Gennaio 2022 13:00

Come congelare il vetro senza che si rompa: consigli e trucchi

Resistenti e sicuri, ma spesso sensibili agli sbalzi di temperatura: come possiamo congelare gli alimenti utilizzando dei barattoli di vetro senza correre il rischio di romperli? Ecco una guida per farlo senza errori.

A cura di Rossella Croce
35
Immagine

Il modo più sicuro per conservare per lungo tempo alimenti crudi o cotti è senza dubbio quello di riporli in freezer e congelarli, così da averli sempre a disposizione. Vi siete mai chiesti quali siano i contenitori più adatti e sicuri per farlo? Molti scelgono la plastica che, però, se non di buona qualità rischia di contaminare gli alimenti, altri preferiscono affidarsi ai barattoli di vetro, molto spesso più sicuri. Se da una parte è considerato un materiale incredibilmente resistente però, è anche vero che il vetro è particolarmente sensibile ai cambiamenti di temperatura e agli stress termici: sarà capitato anche a voi di congelare nei barattoli di vetro e ritrovarli scheggiati, con delle piccole crepe o, peggio, scoppiati per effetto dell'aumento del volume del contenuto o dello sbalzo di temperatura. Non preoccupatevi, ecco una guida semplice per congelare il vetro senza correre il rischio di romperlo e conservare gli alimenti in modo sicuro.

Come congelare il vetro

Per congelare correttamente barattoli e contenitori di vetro senza correre il rischio che si rompano, è importante seguire alcune piccole e semplicissime regole:

  • Fate raffreddare il cibo: prima di conservarlo nei barattoli di vetro (che poi andranno in freezer) assicuratevi che gli alimenti si siano raffreddati, così da evitare un pericoloso shock termico;
  • la forma del barattolo: per un congelamento sicuro (in particolare se volete conservare liquidi, salse, sughi o alimenti ricchi di acqua), vi consigliamo di scegliere barattoli di vetro con il collo largo o che non presentino parti troppo strette o allungate;
  • la pulizia: prima di riempire i barattoli, puliteli e asciugateli con cura e attenzione;
Immagine
  • i coperchi: per evitare che i barattoli si aprano o che i coperchi si "stacchino" dal collo, è molto importante usare i tappi o i coperchi corrispondenti ai barattoli. Meglio non improvvisare, anche se dovessero avere lo stesso diametro, non utilizzate coperchi diversi da quelli presi all'acquisto del barattolo;
  • lasciare spazio: qualunque sia il tipo di alimento che vorrete congelare, è importante riempire il barattolo lasciando sempre un po' di spazio tra il cibo e il coperchio (quanti centimetri lasciare, lo vedremo tra poco). In questo modo gli alimenti avranno lo spazio necessario per "espandersi" senza fare pressione sul barattolo o sul coperchio;
  • in freezer: tutti i cambiamenti di temperatura dovrebbero avvenire gradualmente, anche in caso di congelamento. Una volta chiusi e puliti, sistemate i barattoli di vetro nella parte più alta del freezer e, solo dopo 3 o 4 ore, riposizionatelo nei cassetti più bassi.

Come congelare correttamente gli alimenti nei barattoli di vetro

Più o meno liquido, più o meno denso: in base al tipo di alimento che andremo a congelare possiamo scegliere tra diversi barattoli di vetro, seguendo qualche piccola accortezza:

  • Legumi e verdure: una volta cotti, lasciate raffreddare legumi e verdure e sistemateli nei barattoli, per sicurezza, lasciate 3-4 centimetri di spazio e riponete il barattolo in posizione verticale. Per congelare i legumi crudi vi consigliamo di utilizzare delle buste per alimenti adatte al congelamento;
  • salse, brodi e zuppe: meglio utilizzare barattoli dalla base ampia e lasciare sempre almeno 4 centimetri dal coperchio, in questo modo i liquidi che tendono naturalmente ad ampliare il proprio volume con le basse temperature non romperanno il contenitore;
  • pane, pasta, torte e biscotti: in questo caso il nostro consiglio è di utilizzare un contenitore ampio, quadrato o rettangolare. Nel caso di pasta, dolci e panificati non occorre lasciare uno spazio tra l'alimento e il coperchio del barattolo di vetro.
Immagine
35
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
35