ricetta

Cavolfiore sott’olio: la ricetta della conserva invernale croccante e saporita

Preparazione: 20 Min
Cottura: 4 Min
Riposo: 30 minuti
Difficoltà: Facile
Dosi per: 8 persone
A cura di Redazione Cucina
78
Immagine
ingredienti
Dose per 4 vasetti da 250 gr
Cavolfiore
1 Kg a pezzetti
Aceto di vino bianco
1 Litro
Vino bianco
1 Litro
Pepe nero in grani
20
Sale fino
q.b.
Olio extravergine di oliva
q.b.

Il cavolfiore sott'olio è una conserva invernale semplice e saporita, ottima da tenere in dispensa e da utilizzare in tutte le occasione e in ogni stagione, come contorno o come condimento per la pasta. Per realizzarlo vi basterà sbollentare le cimette di cavolfiore in aceto e vino bianco per pochi minuti. I cavolfiori saranno poi scolati e fatti asciugare completamente su un canovaccio, prima di essere messi nei barattoli sterilizzati con il pepe in grani e ricoperti di olio. Bisognerà poi procedere alla pastorizzazione, così da creare il sottovuoto e conservare a lungo il vostro cavolfiore sott'olio, che sarà croccante e bianchissimo. La preparazione è davvero facile, ma bisognerà prestare molta attenzione alla fase di sanificazione dei vasetti e al lavaggio in acqua bollente o in lavastoviglie di tutti gli utensili, così da ottenere un prodotto sicuro e davvero gustoso.

Per ottenere una conserva saporita ed evitare il rischio di muffe, è importante ridurre quanto più possibile la quantità di acqua presente nell'alimento – per questo è da preferire la bollitura in aceto e vino bianco, piuttosto che in acqua e aceto –  ed è fondamentale l'asciugatura sul canovaccio, prima di mettere le cimette di cavolfiore nei barattoli.

Potete aromatizzare la conserva anche con 2-3 foglie di alloro, una stecca di cannella o del drangoncello, se preferite. Se utilizzate erbe aromatiche fresche, ricordate sempre di acidificarle, sbollentarle quindi in acqua e aceto e aggiungerle al cavolfiore ben asciutte. Potete saltare questo passaggio solo se utilizzate le erbe aromatiche o le spezie essiccate.

Dopo la fase di pastorizzazione assicuratevi che il sottovuoto sia avvenuto correttamente: per i vasetti con il tappo state attenti che il coperchio non presenti un rigonfiamento centrale. La parte centrale dovrà essere schiacciata, proprio grazie all'effetto del sottovuoto: mettete un dito al centro del tappo e premete, se l'operazione è riuscita non dovete sentire nessun clic-clac. Per i barattoli a chiusura ermetica, sganciate la chiusura e provate a sollevare, se il tappo oppone resistenza, allora il prodotto è sottovuoto. Vi basterà questa prova, senza aprire completamente il vasetto.

Provate anche la ricetta del cavolfiore sott'aceto, ideale per accompagnare arrosti di carne o pesce alla griglia o da servire come sfizioso antipasto.

Come preparare il cavolfiore sott'olio

Versa nella pentola l’aceto e il vino bianco, copri con il coperchio 1 e portate ad ebollizione. Aggiungi il sale, i pezzi di cavolfiore e cuoci per 4 minuti 2. Scola il cavolfiore 3.

Lascia asciugare il cavolfiore su un panno per 30 minuti 4. Fai bollire i barattoli di vetro nell’acqua per sterilizzarli 5. Versate nei vasetti il mix di pepe in grani e il cavolfiore lesso 6.

Versa l’olio extravergine di oliva fino a coprire il cavolfiore 7. Chiudi i barattoli e mettili nell’acqua bollente per sigillarli. Il cavolfiore sott'olio è pronto per essere gustato 9.

Conservazione

Potete conservare il cavolfiore sott'olio fino a 6-12 mesi, in luogo fresco e asciutto al riparo dalla luce. Una volta aperto, conservate in frigorifero per qualche giorno, sempre bn chiuso.

78
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Ricette
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
78