ricetta

Caggionetti: la ricetta dei ravioli dolci fritti tipici abruzzesi

Preparazione: 40 minuti
Difficoltà: Facile
Dosi per: 6 persone
A cura di Genny Gallo
167
Immagine
ingredienti
Per la pasta
Farina 00
500 gr
uovo
1
Vino bianco
circa 100 ml
per il ripieno
Ceci già lessati
400 gr
Cacao amaro in polvere
30 gr
Zucchero
6 cucchiai
Mandorle tostate
80 gr
Rum
1 bicchierino
vi servono inoltre
Olio di semi di arachide
q.b.
Zucchero a velo
q.b.

I caggionetti sono una specialità tipica abruzzese, in particolare della provincia di Teramo. Tra i dolci natalizi più amati, si tratta di ravioli a forma di mezzaluna, farciti con un ripieno a base di ceci lessati, mandorle e cacao − ingredienti poveri e di facile reperibilità − quindi fritti in olio bollente. Una ricetta antica, tramandata di generazione in generazione con tante varianti: in un'altra versione, per esempio, i ceci vengono sostituiti dalle castagne secche, ammollate e lessate. Serviteli caldi, spolverizzati con un po' di zucchero e velo, a conclusione del pranzo di Natale: andranno letteralmente a ruba. Scoprite come prepararli seguendo passo passo la nostra ricetta.

Come preparare i caggionetti

Preparate il ripieno: in una ciotola raccogliete i ceci e poi unite lo zucchero 1.

Tostate le mandorle in una padella antiaderente, facendo attenzione a non bruciarle 2.

Una volta tostate, aggiungete le mandorle nella ciotola 3.

Unite il rum e il cacao 4, quindi tritate tutto con un mixer a immersione fino a ottenere un composto cremoso e omogeneo.

Preparate la pasta: raccogliete la farina in una ciotola, aggiungete l’uovo e poi il vino bianco 5.

Lavorate energicamente il composto fino a ottenere un panetto sodo e omogeneo 6.

Stendete l'impasto, fino a ottenere delle sfoglie sottili, quindi distribuite sopra a intervalli regolari tanti mucchietti di ripieno 7.

Richiudete la pasta, pressando bene attorno ai bordi del ripieno, e ritagliate dei ravioli irregolari aiutandovi con una rotella dentellata 8.

Friggete i ravioli in olio di semi di arachide bollente. Quando saranno leggermente dorati, scolateli e fateli asciugare su carta assorbente da cucina 9.

Cospargete i ravioli con abbondante zucchero a velo e serviteli immediatamente 10.

Consigli

Quando preparate la pasta, versate a poco a poco il vino bianco: in base all’umidità della farina, potrebbe volercene qualche ml in più o in meno; al termine dovrete ottenere un impasto simile a quello delle tagliatelle.

Per una frittura impeccabile, il consiglio è di utilizzare l'olio di semi di arachide: inodore e con un punto di fumo piuttosto alto, è considerato uno degli oli migliori per questo genere di preparazioni. È importante che l'olio sia anche alla giusta temperatura (160-165 °C circa). Inoltre, gli alimenti da friggere non vanno mai messi tutti insieme nel recipiente di frittura: è preferibile cuocere pochi pezzi alla volta, quindi in più mandate, e tenere pronti gli alimenti vicino alla padella in cui si sta friggendo. La rapidità è essenziale per la sua buona riuscita.

Potete preparare dei ravioli a forma di mezzaluna ma, a piacere, potete dare loro anche una forma diversa, per esempio rettangolare.

Per una ricetta altrettanto di tradizione, potete sostituire i ceci con le castagne, precedentemente lessate. In alternativa al cacao amaro in polvere, potete aggiungere 100 gr di cioccolato fondente tritato.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche il parrozzo, delizia regionale tipica del periodo natalizio, e i soffioni abruzzesi.

Conservazione

Per mantenere tutto il loro sapore e la loro croccantezza, è consigliabile che i caggionetti vengano fritti e gustati immediatamente dopo, quando sono ancora caldi.

167
Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Dolci
Lascia un commento
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
167