EASY GOURMET
episodio 280
14 Maggio 2024
19:10

4 consigli per un’insalata di riso perfetta

L'insalata di riso o riso freddo, è uno dei primi piatti più amati e realizzati in estate: è pratico, gustoso, versatile e nutriente, spesso servito anche come piatto unico. Ecco 4 consigli imperdibili per realizzarlo a regola d'arte.

348
Immagine

L'insalata di riso o riso freddo, è uno dei primi piatti più amati e realizzati in estate: è pratico, gustoso, versatile e nutriente, spesso servito anche come piatto unico. La versione classica si prepara solitamente con tonno, pomodorini, olive e mais, ma puoi condire il tuo riso freddo con gli ingredienti che hai in frigo o che preferisci, così da personalizzarla come più ti piace.

Anche se si tratta di una pietanza relativamente facile da realizzare, per preparare un'insalata di riso a regola d'arte, è importante seguire dei semplici consigli: la scelta del riso, la cottura, il condimento ma anche come conservarlo e mangiarlo. Segui questi 4 semplici consigli del nostro Michele, così da realizzare un'insalata di riso perfetta e irresistibile che conquisterà grandi e piccini.

1. Che riso scegliere?

Immagine

Per realizzare l'insalata di riso, sai che tipologia di riso scegliere? Oltre al classico riso parboiled, che ha una cottura molto veloce, puoi scegliere anche il riso Carnaroli – ricco di amido e che tiene bene la cottura – oppure l'arborio; si tratta di due tipologie molto versatili, adatte anche per realizzare una perfetta insalata di riso. Se vuoi dare un po' di colore, puoi utilizzare anche il riso Venere, dal particolare colore nero, oppure puoi usare il riso basmati, caratterizzato da un profumo un po' erbaceo, adatto alla preparazione di piatti esotici, ideale se vuoi condire la tua insalata di riso con ingredienti orientali.

2. La cottura giusta

Immagine

Quando si prepara l'insalata di riso, è importante evitare di ottenere una consistenza collosa; questo difetto è dovuto a una cottura o a un raffreddamento sbagliati. In linea generale, per ogni tipologia di riso, occorrono dai 10 ai 15 minuti di cottura. Ad esempio, per cuocere il riso Carnaroli, occorrono 15 minuti in acqua bollente, ma ci sono altre tipologie di riso, che richiedono addirittura 30 minuti. In ogni caso non preoccuparti, perché la tempistica è sempre scritta sulla confezione del riso. Comunque, dopo aver cotto il riso, non raffreddarlo mai sotto l'acqua, perché così andresti ad eliminare il suo amido: devi solo scolarlo e lasciarlo raffreddare su una teglia abbastanza grande, da permettere al riso un rapido raffreddamento. In questo modo otterrai un riso perfetto.

3. Come condirlo

Immagine

Puoi condire l'insalata di riso in tanti modi diversi, utilizzando gli ingredienti che più ti piacciono o che hai a disposizione, realizzando così una ricetta svuotafrigo veramente gustosa. Il nostro Michele ti propone questa versione: per 4 persone ti occorreranno 400 gr di riso Carnaroli, 350 gr di tonno sott’olio, 350 gr di sott’aceti, 125 gr di olive nere, 125 gr di olive verdi, 4 uova sode,  Sale.

In acqua bollente leggermente salata cuoci il riso per il tempo indicato, circa 15 minuti. Scolalo per bene e lascialo raffreddare su una teglia. Nel mentre prepara il condimento cuocendo le uova e tagliando le olive. Inserisci il riso ormai freddo in una ciotola e condiscilo con i sott’aceti, le olive, il tonno e le uova sode a fettine. Mescola per bene e il tuo riso è pronto. Puoi sostituire il tonno con del prosciutto cotto e aggiungere anche del formaggio a cubetti, per renderla più ricca e saporita.

4. Come conservarlo e mangiarlo

Immagine

Dopo aver preparato e condito il riso freddo con gli ingredienti che preferisci, mescola per bene e lascialo per qualche ora in frigorifero, così da farlo insaporire per bene. Tiralo fuori dal frigo almeno mezz'ora prima di gustarlo, così da non mangiarlo troppo gelato e far sì che raggiunga una temperatura giusta, non troppo fredda, per gustarla al meglio. L'insalata di riso può essere preparata anche in anticipo: mettila in un contenitore ermetico e conservala in frigorifero per 2-3 giorni. Puoi poi gustarla anche a scuola, in ufficio, per un picnic o in spiaggia oppure servirla per un buffet, una festa di compleanno o un'occasione speciale, perché piace proprio a tutti.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
348
api url views