ricetta

Zeppole di San Giuseppe fritte: la ricetta napoletana che non unge per la festa del papà

Preparazione: 40 Min
Cottura: 40 Min
Difficoltà: Media
Dosi per: 4 persone
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Raffaella Caucci
91
Immagine
ingredienti
Per la pasta choux
Acqua
250 ml
Uova
170 gr (circa 3 grandi)
Farina tipo 0
150 gr
Burro
50 gr
Sale
1 pizzico
Per la crema pasticciera
Latte
500 ml
Zucchero semolato
60 gr
Maizena
50 gr
Tuorli
4
Essenza di vaniglia
1 cucchiaino
ti servono inoltre
Olio di semi di arachide
q.b.
Amarene sciroppate
q.b.
Zucchero a velo
q.b.

Le zeppole di San Giuseppe fritte sono dei dolci realizzati tradizionalmente il 19 marzo, giorno di San Giuseppe e festa del papà. Si tratta di soffici ciambelle di pasta choux farcite con un ciuffo generoso di crema pasticciera e poi guarnite con amarene sciroppate e una spolverizzata di zucchero a velo.

Golose, leggere e non unte, le zeppole di San Giuseppe possono essere gustate in occasione di un pranzo domenicale in famiglia, una merenda speciale o anche durante il periodo di Carnevale.

Tipiche della pasticceria campana, in particolare napoletana, le zeppole sono una specialità dolciaria famosa in tutta Italia e diffusa ormai ovunque nelle sue numerose varianti. Dall'origine millenaria, il nome sembrerebbe derivare proprio da Giuseppe che, in fuga verso l'Egitto con Maria e Gesù, dovette affiancare al mestiere di falegname anche quello di venditore ambulante di frittelle.

Per un risultato impeccabile, mescola le uova tra di loro prima di pesarle, in modo da averne una quantità precisa da aggiungere al composto un po' per volta; utilizzare dei quadrati di carta forno come base durante la formatura delle zeppole è assolutamente indispensabile per spostare i dolci e poterli friggere, data la consistenza cremosa e morbida dell'impasto.

Durante la frittura mantieni la temperatura costante sui 170 °C e cuoci le zeppole senza fretta, girandole di frequente, in modo da distribuire uniformemente il calore: dovranno cuocere bene internamente e all'improvviso gonfiarsi come fossero dei pop-corn.

Di queste zeppole esiste anche la versione al forno, con un impasto pressoché simile, ma più ricco di burro per garantire un guscio soffice e friabile in assenza della frittura. Non perderti anche le zeppole di San Giuseppe al cacao, farcite con crema pasticciera e amarene sciroppate.

Come preparare le zeppole di San Giuseppe

Scopri come realizzare le zeppole di San Giuseppe seguendo passo passo procedimento e consigli.

Preparazione della crema pasticciera

Raccogli i tuorli in una ciotola 1.

Aggiungi lo zucchero, l'amido di mais e l'essenza di vaniglia 2, quindi amalgama il tutto con una frusta a mano.

Nel frattempo scalda il latte fino a sfiorare il bollore, poi versalo a filo sul composto di uova mescolando 3. Trasferiscilo nel pentolino, metti sul fuoco e fai addensare amalgamando in continuazione.

Trasferisci la crema bollente in una pirofila larga, quindi livellala con una spatola 4, copri con pellicola a contatto e fai raffreddare completamente.

Preparazione della pasta choux

Prepara la pasta choux: raccogli l'acqua, il sale e il burro in un pentolino 5 e porta a bollore.

Versa la farina in un colpo solo, quindi mescola con un cucchiaio di legno e continua a cuocere su fuoco basso fino a quando l'impasto non si staccherà completamente dalle pareti della pentola 6.

Trasferisci il composto in una ciotola pulita e mescola per farlo raffreddare; versa le uova, miscelate tra loro, in tre volte 7, aggiungendo la quantità successiva solo dopo aver assorbito completamente la precedente.

Lavora il composto col cucchiaio inglobando aria fino a quando non vedrai una consistenza uniforme, densa e sostenuta 8.

Come formare le zeppole di San Giuseppe

Taglia un foglio di carta forno in modo da ottenere 6 quadrati e – utilizzando un sach à poche con bocchetta a stella da 1,5 cm di diametro – disegna su ogni quadrato dei cerchi da circa 6-7 cm di diametro ciascuno, eseguendo un doppio giro sovrapposto (9).

Come friggere le zeppole di San Giuseppe

Scalda l'olio di semi di arachide fino a raggiungere la temperatura di 170 °C 10, quindi abbassa leggermente la fiamma per mantenerla costante.

Preleva la base di carta forno e capovolgi delicatamente nell'olio caldo 2 o 3 zeppole per volta, quindi rimuovi la carta di volta in volta utilizzando una pinza di acciaio 11.

Cuoci le zeppole per diversi minuti, girandole di frequente, fino a quando non appariranno ben dorate e d'improvviso aumenteranno il loro volume 12.

Come farcire e decorare le zeppole di San Giuseppe

Scola le zeppole su carta assorbente, poi trasferiscile su un piatto da portata quando sono ancora calde e cospargile con zucchero a velo 13.

Raccogli la crema pasticciera ben fredda in un sac à poche e utilizzala per farcire il centro delle zeppole 14.

Completa ogni zeppola sistemando in cima alla crema un'amarena sciroppata e servi 15.

Consigli

Per ottenere una consistenza ancora più fragrante, prima di procedere con la frittura, cuoci le zeppole di San Giuseppe in forno a 200 °C per circa 10 minuti: creeranno una sorta di pellicina esterna che gli consentirà di non assorbire l'olio.

Al posto delle amarene puoi usare le ciliegie candite o sciroppate. La ricetta originale prevede che le zeppole di San Giuseppe siano farcite con crema pasticciera ma, a piacere, puoi sostituirla con una crema diplomatica o una pasticciera al cioccolato.

Conservazione

Le zeppole di San Giuseppe non farcite possono essere conservate a temperatura ambiente per circa una settimana, in un apposito contenitore ermetico. Una volta farcite, si consiglia di consumarle entro 24 ore, conservandole, se necessario, in frigorifero.

Immagine
Resta aggiornato

Ogni giorno nuove Ricette tutte da gustare

Dolci
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
91
api url views