Unire l'arte e la cultura gastronomica si può, la prova è nella storica pasticceria milanese Giovanni Cova & C. che ha dedicato le confezioni di due panettoni a Raffaello. Un omaggio per il grande artista rinascimentale a 500 anni dalla sua scomparsa, realizzato insieme alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano e alla Pinacoteca di Brera. Col panettone anche un libro che racconta l'opera e coupon per entrare nei musei.

Due i dipinti scelti per essere riprodotti sugli incarti, forse i più famosi di Raffaello Sanzio: La scuola di Atene e Lo sposalizio della Vergine. L'affresco della Stanza della Segnatura, uno degli ambienti più belli dei Musei Vaticani, decorerà la confezione del Panettone con granella di nocciole, mentre il secondo, conservato alla Pinacoteca di Brera, decorerà il panettone classico, il dolce natalizio milanese per eccellenza.

Portare persone al museo "prendendole per la gola"

Milano è la città italiana che più di tutte ha pagato il lockdown e la pandemia. Fino a febbraio vera capitale europea della gastronomia, ha attirato flussi turistici da tutto il mondo grazie alle specialità e all'eccellenza messa in mostra negli ultimi 5 anni (da Expo 2015 in poi). L'arte milanese è nota nel mondo grazie al glorioso passato della città lombarda e la pasticceria fondata nel 1930 ha sempre fatto un vanto delle proprie origini.

Vera rappresentante della città, ha da sempre un rapporto molto stretto col mondo dell'arte e della divulgazione. Ne sono esempi le confezioni molto decorate con lo stile elegante della Milano di inizio ‘900 e iniziative lodevoli per avvicinare la gastronomia ai molti universi della cultura. A settembre, insieme al Presidio Opera Italiana, è stato ideato un panettone per ricordare le grandi donne della lirica e festeggiare la riapertura dei teatri.

In ogni panettone, di cui non si conosce ancora il prezzo, un libro dedicato alle due opere curato dai musei e sei coupon di sconto per accedere alle due pinacoteche. Il valore dei biglietti è di 30 euro complessivi, che potranno essere utilizzati per l’ingresso alle mostre della Pinacoteca Ambrosiana e della Pinacoteca di Brera, da dicembre 2020 a giugno 2021.