ingredienti
  • Riso carnaroli 230 gr • 45 kcal
  • Carciofi già puliti 4
  • gamberi sgusciati 200 gr
  • Vino bianco 50 ml • 43 kcal
  • Prezzemolo 1 ciuffo • 79 kcal
  • Sale q.b. • 0 kcal
  • Pepe nero q.b. • 79 kcal
  • Brodo vegetale 700 ml • 43 kcal
  • Cipollotto 1 • 750 kcal
  • Olio extravergine di oliva q.b. • 0 kcal
  • Grana grattugiato 50 gr • 21 kcal
  • Burro 50 gr • 45 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

 

Il risotto con carciofi e gamberetti è un piatto ricco, saporito e di facile esecuzione. Un connubio perfetto tra sapori di terra e di mare, ideale da servire come primo in occasione di un pranzo di pesce o come piatto unico adatto a tutta la famiglia. I carciofi teneri e dolcissimi, gli ultimi della stagione, vengono mescolati a un riso della varietà Carnaroli e portati a cottura versando gradualmente del brodo vegetale caldo. A pochi minuti dal termine, vengono aggiunti i gamberi che, freschi e delicati, si cuoceranno in un istante. La mantecatura finale, passaggio eseguito rigorosamente a fuoco spento, ci regalerà un risultato vellutato e cremoso. Scoprite come realizzarlo in maniera impeccabile.

Come preparare il risotto carciofi e gamberetti

risotto-carciofi-gamberi_saltare_carciofi_1

Pulite i carciofi eliminando le foglie esterne più dure, le punte e il gambo. Tagliateli a spicchi sottili e raccoglieteli in una ciotola con acqua e succo di limone, per non farli annerire. In una casseruola dai bordi bassi fate rosolare il cipollotto tritato con un filo di olio; aggiungete i carciofi, ben scolati (1), e lasciateli saltare a fuoco vivace per qualche minuto.

risotto-carciofi-gamberi_tostare_riso_2

Aggiungete il riso (2), mescolate e fatelo tostare per qualche minuto, finché i chicchi non diventeranno translucidi.

risotto-carciofi-gamberi_sfumare_3

A quel punto, bagnate con il vino bianco (3) e lasciate evaporare.

risotto-carciofi-gamberi_aggiungere_brodo_4

Aggiungete un mestolo di brodo vegetale bollente (4) e portate a cottura il riso, versando altro brodo man mano che questo viene assorbito. Regolate di sale e di pepe.

risotto-carciofi-gamberi_aggiungere_gamberi_5

Quando il riso sarà quasi cotto, aggiungete i gamberi sgusciati (5) e fate cuocere a fuoco vivo per 2-3 minuti.

risotto-carciofi-gamberi_mantecare_6

Spegnete il fuoco e aggiungete i cubetti di burro e il grana grattugiato (6), quindi mantecate per bene.

Risotto-carciofi-e-gamberi

Distribuite il risotto nei piatti individuali, guarnite con il prezzemolo tritato e una macinata di pepe, e servite immediatamente (7).

Consigli

Per evitare che i carciofi anneriscano, man mano che li pulite, raccoglieteli in una ciotola con acqua fredda acidulata con succo di limone. Durante le operazioni di pulizia potete anche indossare dei guanti in lattice: in questo modo le mani non si macchieranno.

Si consiglia di utilizzare un riso superfino: dal chicco grosso e allungato, si mantiene perfettamente al dente ed è il più indicato per questo genere di preparazioni. Tra le varietà più famose vi sono il Carnaroli, utilizzato nella nostra ricetta, ma anche l'Arborio, il Roma e il Baldo.

Aggiungete il brodo bollente in modo graduale, man mano che viene assorbito, affinché i chicchi di riso rilascino amido rendendo il risultato cremoso e non slegato. Per questa ricetta il consiglio è di utilizzare un buon brodo vegetale fatto in casa.

Poco prima di portare a termine la cottura, potete prelevare un terzo dei carciofi e frullarli per ottenere una salsa che renderà il risotto ancora più avvolgente. Potete utilizzare la menta al posto del prezzemolo, ma anche le mazzancolle in sostituzione dei gamberi. Potete anche completare il tutto con una grattugiata di scorza di limone, per ottenere una pietanza fresca e fragrante.

Se vi è piaciuta questa ricetta, provate anche il risotto sgombro e carciofi e, per gli amanti della carne, quello con carciofi e salsiccia.

Conservazione

Il risotto carciofi e gamberi va consumato subito ma, in alternativa, può essere conservato in frigorifero, in un contenitore ermetico di vetro, e consumato entro 1 giorno. Si sconsiglia la congelazione.