ingredienti
  • Fagioli borlotti secchi 250 gr
  • Cipolla 1/2 • 21 kcal
  • Costa di sedano 1 • 21 kcal
  • Carota 1 • 21 kcal
  • Salvia 2-3 foglie • 79 kcal
  • Rosmarino q.b. • 0 kcal
  • Sale q.b. • 21 kcal
  • Olio extravergine d’oliva q.b. • 0 kcal
  • pepe q.b. • 79 kcal
  • lardo a fette sottili 70 gr
  • Brodo vegetale q.b. • 43 kcal
  • Concentrato di pomodoro 1 cucchiaio
  • Per la pasta
  • Uova 4 • 0 kcal
  • Farina di semola rimacinata di grano duro 400 gr
  • Sale q.b. • 21 kcal
Le calorie si riferiscono a 100 gr di prodotto

Pasta e fagioli alla veneta, in dialetto pasta e fasoi, è un primo piatto tipico della tradizione regionale contadina, presente in tutto il Veneto, con varianti nelle diverse zone della regione. Un primo piatto invernale ricco e nutriente, ideale da gustare nelle giornate fredde. I borlotti secchi, messi precedentemente in ammollo, vengono lessati insieme a odori ed erbette aromatiche, quindi uniti a una fettuccina fresca fatta in casa e infine cosparsi con il lardo croccante sbriciolato. Il risultato è una pietanza semplice e rustica, che conquisterà anche il commensale più esigente per la consistenza cremosa e vellutata. Scoprite come realizzarla seguendo passo passo la nostra ricetta e servitela calda o a temperatura in occasione di un pranzo in famiglia o un invito speciale.

Come preparare pasta e fagioli alla veneta

Mondate gli odori, tagliateli a tocchetti grossolani e fateli rosolare in un tegame con un filo di olio (1).

Aggiungete i fagioli, precedentemente ammollati in acqua fredda e ben scolati, e lasciate insaporire; unite le erbe aromatiche (2) e il concentrato di pomodoro, versate il brodo vegetale e lasciate cuocere per circa un'ora con il coperchio.

Intanto preparate la pasta fresca: fate la classica fontana con la farina e unite al centro le uova e un pizzico di sale; iniziate a sbattere con una forchetta (3) e poi impastate per bene con le mani, fino a ottenere un panetto sodo e omogeneo. Avvolgetelo con la pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero per una mezz'ora.

Trascorso il tempo di riposo, stendete la pasta con un matterello fino a ottenere una sfoglia piuttosto sottile (4).

Spolverizzate la sfoglia con un po' di farina e poi avvolgetela su se stessa (5).

Con un coltello affilato, ritagliate delle listerelle di pasta spesse circa 7 mm (6) e poi sistematele su un vassoio, spolverizzato con un po' di farina.

Scaldare una padella sul fuoco, disponete il lardo e fatelo rosolare per bene (7). Versate il grasso rilasciato in cottura nella pentola con i fagioli.

A cottura ultimata, condite i fagioli con un pizzico di sale e di pepe, quindi mescolate per bene (8). Lessate la pasta in acqua bollente e salata, scolatela al dente e versatela nel tegame con i fagioli, proseguendo la cottura per qualche minuto ancora.

Versate pasta e fagioli nelle fondine individuali, completate con un filo di olio a crudo e il lardo croccante sbriciolato, quindi portate in tavola e servite (9).

Consigli

Si consiglia di mettere i fagioli borlotti secchi in ammollo in acqua fredda per almeno 12 ore; nel caso in cui non abbiate avuto tempo di metterli a bagno, potete lessarli in acqua fino a ebollizione, scolarli e procedere con la cottura indicata in ricetta: questo trucchetto vi consentirà di ridurre notevolmente i tempi di preparazione.

Per maggiore praticità, potete anche acquistare dei legumi già lessati, meglio ancora se conservati in vasetti di vetro.

Per questa ricetta abbiamo preparato delle fettuccine fatte in casa, ma voi potete realizzare qualunque formato vogliate: saranno perfetti anche dei maltagliati; a piacere, potete utilizzare anche una pasta secca sia corta, come i ditalini o quella mista, sia lunga.

Al posto del lardo, potete utilizzare la pancetta a cubetti oppure un po' di speck o prosciutto crudo, tritato grossolanamente.

Se amate la pasta e fagioli, ecco tutte le varianti del piatto simbolo della tradizione italiana.

Conservazione

La pasta e fagioli alla veneta si conserva in frigorifero, in un apposito contenitore ermetico, per massimo 1-2 giorni. Una volta cotti, potete surgelare i fagioli borlotti, mettendoli in vasetti di vetro; si sconsiglia, invece, la congelazione insieme alla pasta fresca.