Avete sempre desiderato avere un kit fermentazione birra per produrre in casa la vostra bevanda al luppolo preferita? Sempre più persone nel corso degli ultimi anni si sono avvicinate a questa pratica che consente di "creare" la birra in base ai propri gusti andando, al tempo stesso, a risparmiare in maniera considerevole sul prezzo del prodotto finale.
La birra è infatti una delle bevande più consumate al mondo con ben 205 marchi diversi solo in Italia e con prezzi che possono variare da pochi euro fino a diverse decine a bottiglia. Insomma acquistare un kit per fermentazione birra artigianale non solo vi permette di dilettarvi nel realizzare la bevanda dei vostri desideri ma conviene anche alle vostre tasche.

In commercio esistono tante soluzioni che permettono di avere a casa vostra un kit completo e, di conseguenza, non sempre è semplice scegliere il prodotto che più si addice alle proprie esigenze. Per fornirvi un aiuto abbiamo selezionato i 5 migliori kit di fermentazione della birra tenendo conto di caratteristiche quali i materiali, la semplicità di utilizzo, il rapporto qualità-prezzo e naturalmente i vari articoli inclusi. Per ogni prodotto inoltre abbiamo indicato dove acquistare in modo da semplificare ulteriormente il tutto.

Kit birra Coopers

Se avete intenzione di avviare la vostra produzione di birra artigianale il Kit birra Coopers è quello che fa al caso vostro. In base alle recensioni dei consumatori infatti questo è tra i migliori kit birra del 2020 e il motivo è presto detto.

Nello specifico questo prodotto presenta 2 contenitori da 25 litri l'uno, 1 confezione di malto lager e numerosi accessori indispensabili per produrre al meglio la vostra birra artigianale. Tra gli accessori segnaliamo: 1 rubinetto, 1 paletta lunga, 1 densimetro munito di custodia e cilindro, 1 tappatore (per tappi a corona diametro 26), 1 tubo da travaso, 1 gorgogliatore, 1 confezione da 100 tappi a corona, 1 termometro a cristalli liquidi, 1 confezione da 200 gr di Matabisolfito di Potassio enologico fondamentale per disinfettare le attrezzature, 1 manuale di istruzioni e 1 confezione da 1,7 Kg di Malto Lager che vi permetterà da subito di produrre ben 23 litri di birra.

Insomma c'è tutto quello che serve per iniziare.

Kit di fermentazione della birra BrewBarrel

Il Kit di fermentazione della birra BrewBarrel è senza dubbio il più semplice da utilizzare dell'intera lista e si colloca, a pieno merito, al secondo posto. Questo kit infatti è stato pensato proprio per chi non ha alcuna esperienza in termini di produzione di birra artigianale e, proprio per questo, è da tenere in considerazione anche come idea regalo per fidanzati e mariti un pò impacciati.

Per utilizzare il prodotto non è necessaria alcuna attrezzatura o bottiglia e l'intero procedimento richiede solo 10 minuti. Tutto ciò di cui si ha bisogno è infatti già presente all'interno della confezione la quale comprende: estratto di malto, luppolo, lievito, una valvola a pressione, un fusto vuoto da 5 litri. Gli ingredienti per la birra fatta in casa sono inoltre già misurati e pesati in modo da rendere il gioco ancora più semplice.

Una volta completato il processo basterà lasciare la birra a fermentare per 5 giorni a temperatura ambiente e per i successivi 2 giorni in frigorifero. In base al tipo di birra scelta si potrà gustare una Lager amara e discreta, una Oktoberfest maltata con una delicata nota di luppolo o una IMA con una spiccata nota di luppolo e agrumi.

Kit birra artigianale Pale Ale

Altro prodotto premiato tra i migliori kit fermentazione birra è il Kit birra artigianale Pale Ale anche questo ideale per chi è alle prime armi con la birra fatta in casa. Questo kit permette infatti di produrre fino a 5 litri di birra con un procedimento a prova di errore suddiviso in 8 semplici passaggi. Al termine del processo otterrete una schiumosa birra dalla testa bianca con una gradazione del 5,6% e delle note ambrate caratteristiche dell'alta fermentazione.

Il pacco contiene inoltre vari accessori tra i quali: 1 rubinetto di plastica che rende più semplice l’imbottigliamento, 1 secchio fermentatore con coperchio, 1 dosatore di zucchero, 1 valvola e sigillo in gomma, 1 miscela di malti d'orzo da 1400g, 3 bustine da 9,5g. di luppolo, 1 bustina di lievito di birra 3g, 1 bustina di agente sterilizzante 8g, 21 tappi a corona da 26 millimetri per imbottigliare, 1 termometro digitale, 1 capsulatrice per tappi a corona, istruzioni multilingua (italiano, inglese, francese, tedesco).

Insomma un kit fermentazione birra completo per iniziare.

Kit birra lusso Mr. Malt

Siamo giunti al penultimo kit di fermentazione birra di questa lista. In particolare il Kit birra lusso Mr. Malt è un'ottima soluzione che unisce semplicità di utilizzo, praticità a un prezzo tutto sommato accessibile in virtù dei tanti accessori che offre.

Questo kit infatti arriva completo di: 1 sterilizzante in polvere 200 grammi, 1 paletta per birra, 1 densimetro per fermentazione malto, 1 lavabottiglie a scovolino, 1 detergente 200 grammi, 1 contenitore da 28 litri completo di coperchio, guarnizione e termometro, 1 dosatore per zucchero (gr. 0,33/0,5/0,75); 1 libretto guida "Homebrew",  1 cilindro trasparente diametro 32 mm x 230 mm 150 cc, 1 minifermentatore 2 bolle, 100 tappi a corona da 26, 1 imbuto senza filtro diametro 12 cm. In più 1 rubinetto per contenitore e 1 capsulatrice 2 leve da 26 mm.

Seguendo il manuale passo dopo passo potrete ottenere la vostra birra artigianale pronta all'uso.

Kit fermentazione birra inox

Concludiamo questa guida con una chicca. Questo Kit fermentazione birra inox è infatti il tra i migliori contenitori per far fermentare e conservare la vostra birra fatta in casa. Nello specifico parliamo di un contenitore dall'altezza di 60 cm che permette di conservare perfettamente fino a 30 litri di fresca birra artigianale.

Il contenitore è realizzato completamente in acciaio inox il che lo rende solido e resistente, oltre naturalmente a non rilasciare alcun tipo di sapore nel liquido contenuto all'interno in modo da mantenerne invariata la fragranza. Le chiusure fisse presenti nella parte superiore permettono di ottenere una chiusura ermetica la quale garantisce la perfetta conservazione e fermentazione della birra mentre nella parte bassa il contenitore è munito di un pratico rubinetto che permette di versare il liquido a proprio piacimento.

Il prodotto inoltre arriva completo di: 1 paiolo, 1 coperchio, 1 tubo di fermentazione con tappi.

Come scegliere un buon kit per birra

Come avrete sicuramente avuto modo di vedere online sono presenti tantissimi modelli differenti di kit per la fermentazione della birra. Per scegliere un prodotto che sia valido e che risponda alle proprie esigenze è fondamentale considerare alcune caratteristiche.

Capienza

Se avete intenzione di acquistare un buon kit la capienza è senza dubbio una caratteristica che non potete tralasciare. Nel corso di questa guida abbiamo visto quanto i vari prodotti possano presentare capienze differenti che variano da 5 litri fino ad arrivare anche a 30 o più litri. Naturalmente la scelta dovrà essere orientata in base all'utilizzo e a ciò che vi serve: per qualche serata tranquilla in famiglia potrebbe andar bene anche un prodotto con una capienza di soli 5 litri mentre, se avete intenzione di diventare dei veri e propri mastri birrai, forse sarebbe meglio optare per prodotti un po' più capienti.

Materiali

Altro fattore importantissimo per una scelta ponderata sono i materiali. Come abbiamo visto infatti esistono kit per la birra artigianale realizzati con materiali completamente differenti tra di loro come la plastica, l'alluminio o l'acciaio.

In questo caso il materiale migliore è senza dubbio l'acciaio inox il quale garantisce innanzitutto la perfetta conservazione della bevanda e, grazie alle composizione del materiale, non influisce in alcun modo sul sapore della birra.

Completezza degli articoli

Per poter produrre una buona birra fatta in casa è fondamentale che nella confezione siano presenti tutti gli articoli necessari. Immaginate di dover guidare un'auto che non ha le ruote, risulterebbe un tantino difficile no?!

Bene, per la birra è lo stesso. Un buon kit completo deve contenere assolutamente tutti gli articoli in modo da farvi dilettare tranquillamente in questa rilassante attività.

Quali articoli deve avere un buon kit per la birra?

Una domanda che probabilmente vi sarete posti valutando i vari kit per birra presenti in questa lista riguarda gli articoli che questi ultimi devono necessariamente presentare. Senza dei validi articoli è infatti impossibile realizzare una buona birra e l'intero processo può diventare decisamente complicato.

Un kit per birra completo deve assolutamente presentare:

  • Il fermentatore in plastica
  • Il secchio da travaso con i relativi coperchi
  • Un gorgogliatore un rubinetto in plastica
  • Un’asta da travaso
  • Un densimetro
  • Un termometro adesivo
  • Una tappatrice
  • Le guarnizioni necessarie
  • Soluzione sterilizzante

Oltre a questi verificate sempre che sia presente un manuale di istruzioni che vi agevoli nell'utilizzo. Soprattutto se siete alle prime armi, infatti, potrebbe risultare davvero difficile produrre della buona birra senza una guida precisa.

Inoltre ricordate sempre che, se non incluso, è fondamentale acquistare anche un buon spillatore di birra in modo da poter versare la vostra bevanda per ogni occasione.

Come si usa un kit di fermentazione per la birra?

Acquistare un kit di fermentazione per la birra non basta, bisogna naturalmente anche sapere come fare per realizzare la propria birra artigianale. Il procedimento non sempre è semplice anche se, nella maggior parte dei casi, tutti i passaggi saranno indicati nell'apposito manuale di istruzioni presente nel kit. In ogni caso vogliamo darvi un'infarinatura dei vari procedimenti necessari.

La prima cosa da fare è far bollire 3-4 litri d'acqua la quale può essere acquistata al supermercato o, in alternativa, potete tranquillamente utilizzare quella del rubinetto. Nel frattempo è fondamentale sanificare tutta l'attrezzatura per fare la birra tra cui in primis il fermentatore. Per farlo è necessario riempirlo di acqua e soluzione sterilizzante (generalmente inclusa nei migliori kit per birra) e inserire tutti gli altri strumenti tra i quali il gorgogliatore, l'asta da travaso, il mestolo ecc.

In un'altra pentola più piccola dovete mettere a scaldare il malto in posizione rovesciata e, quando l'acqua nell'altra pentola arriva a bollore, rovesciare il tutto all'interno. In questa fase è importantissimo che mescoliate per bene proseguendo con la bollitura per altri 10 minuti a fiamma moderata in modo da non caramellizzare il mosto.

Dopo aver completato questa ulteriore fase di bollitura ripulite il fermentatore e versateci all'interno il mosto aggiungendo dell'acqua fredda fino a raggiungere il limite massimo consentito. Come abbiamo visto quest'ultimo può variare in base al kit per la birra ma generalmente la capienza massima si attesta tra i 5 litri fino a 30 o più litri. A questo punto dovrete incollare il termometro adesivo sul fermentatore in modo da monitorarne la temperatura.
Ricordate che quest'ultima deve essere intorno ai 20-22 gradi fino a un massimo di 24. Nel caso sia maggiore è fondamentale immergere il fermentatore in acqua fredda in quanto temperature troppo alte possono uccidere i lieviti.

Utilizzando il mestolo bisogna poi mescolare in maniera vigorosa il mosto in modo tale da ossigenarlo. Senza ossigeno infatti il lievito non riesce a riprodursi e, di conseguenza, la fermentazione non può partire. Per andare sicuri il consiglio è di mescolare il tutto energicamente per almeno 5-10 minuti.

Lievito e fermentazione

A questo punto è necessario aggiungere il lievito a quella che sarà la vostra futura birra artigianale. A tal proposito è importante specificare che il lievito contenuto nei kit per birra fatta in casa è generalmente secco e va quindi reidratato. Per farlo non dovrete far altro che far bollire 30cl di acqua con un cucchiaino di zucchero per 10 minuti, lasciar raffreddare fino a 28-30° e aggiungere il vostro lievito senza mescolare. Dopo 15 minuti all’interno del bicchiere si sarà formata una sostanza schiumosa. Aggiungetela alla birra e mescolate con la paletta sanificata.

Completata questa fase iniziale è possibile dare inizio alla fermentazione. Richiudete quindi il fermentatore tramite il coperchio ermetico e inserite il gorgogliatore assicurandovi di riempirlo, almeno per metà, con una soluzione disinfettante. A questo punto il tutto va lasciato per circa 10-15 giorni a fermentare controllando, di tanto in tanto, il livello.
Se avete compiuto tutti i passaggi nella maniera corretta noterete una sorta di "borbottio" segno che la birra artigianale ha iniziato a fermentare.

Travaso e imbottigliamento

Dopo 10-15 giorni, quando la vostra birra avrà raggiunto la densità giusta, potrete finalmente travasarla. Per farlo dovrete servirvi naturalmente dell'asta da travaso e degli appositi tubi contenuti in ogni kit per birra completo. Prima di procedere con questa fase vi ricordiamo di sanificare tutti gli strumenti in modo tale da rendere l'intera operazione quanto più sicura possibile.
Rimuovete delicatamente il gorgogliatore e fate defluire la birra all'interno dell'apposito secchio da travaso, aggiungete lo zucchero per donare frizzantezza alla bevanda e riempite le bottiglie lasciando all'incirca due dita di spazio tra la birra e il collo della bottiglia.

Dopo averle tappate con la tappatrice lasciate la birra a fermentare per altri 15 giorni ad una temperatura più mite intorno ai 22-24° al riparo dalla luce del sole. Una volta trascorso questo periodo potrete godervi finalmente la vostra bevanda al luppolo preferita magari con degli ottimi bicchieri da birra comprati appositamente per l'occasione.

Quali sono i migliori malti preparati per birra?

Un elemento fondamentale se si vuole produrre una buona birra artigianale è senza dubbio il malto. La tipologia di malto è infatti in grado di incidere sulla qualità della birra, sul suo colore, sul suo odore e naturalmente sul suo sapore.

Per essere assolutamente certi di produrre una birra gustosa e che rispecchi i vostri gusti è fondamentale scegliere il malto giusto. Di seguito abbiamo riportato alcune tipologie di malto che i mastri birrai ritengono più affidabili. Naturalmente è importante specificare che per ogni tipologia di malto esistono poi tutta una serie di varianti che possono cambiare tantissimo per ciò che riguarda il sapore, la consistenza e l'aspetto.
Le informazioni riportate hanno carattere generale mentre per saperne di più è fondamentale leggere l'approfondimento sui malti preparati per birra.

Pilsner

Le birre con malto di tipologia Pilsner devono la loro nomenclatura alla città di Pils nella quale hanno visto la loro origine. Di sicuro avrete sentito nominare almeno una volta questa tipologia di birra. La caratteristica fondamentale di queste birre è il sapore amarognolo e pulito al tempo stesso dovuto alla bassa fermentazione e alla grande presenza di luppolo. In generale queste birre presentano una colorazione dorata e sono ideali per accompagnare pietanze dal forte sapore amaro.

Lager

Altra tipologia di malto per birra ampiamente diffuso è quello denominato Lager. Il suo nome deriva dal termine tedesco "lager" che tradotto significa "cantina" ovvero il luogo nel quale le birre per l'appunto sono lasciate a fermentare. Anche in questo caso si parla di birre caratterizzate da una bassa fermentazione, colore dorato e un sapore moderatamente amaro ideali per accompagnare cibi freschi come ad esempio il salmone.

Bitter

Infine la terza tipologia di malto è la Bitter grazie alla quale si ottiene quella che è considerata la classica birra inglese. Queste birre sono caratterizzate da un colore ambrato e da un sapore spiccatamente amarognolo. Le Bitter sono birre pensate per i veri amanti di questa antichissima bevanda.

Mentre per quanto riguarda i marchi più conosciuti di malti per birra troviamo:

  • Coopers
  • Mr. Malt
  • Muntos Gold
  • Mangrove Jack's
  • American Platinum
  • Milestone
  • Woodfordes
  • St. Peters
  • Muntos Hand Craft

Metodo All grain

Il metodo All grain per la preparazione della birra è un metodo alternativo riservato a chi ha già una maggiore esperienza. Il metodo All grain, letteralmente "tutto grano" prevede l'utilizzo dei grani di malto al posto del malto pre-confezionato. I grani vanno naturalmente macinati e messi in infusione, il tutto sarà poi filtrato e bollito insieme al luppolo.

La sostanziale differenza tra il metodo All grain e il metodo visto utilizzando il kit sta proprio nelle materie prime utilizzate. Come detto se siete alle prime armi con la preparazione della birra artigianale probabilmente utilizzare un kit potrebbe essere la soluzione migliore in quanto quest'altro metodo risulta decisamente più complesso. In ogni caso per chi volesse divertirsi e mettersi alla prova con un processo più impegnativo basterà acquistare dell'attrezzatura aggiuntiva tra cui naturalmente i grani di malto e un mulino da macina.

Perché acquistare un kit per fermentazione birra?

Ci sono tanti motivi per cui acquistare un kit per fermentazione birra. Innanzitutto, grazie alla grande varietà di malti, è possibile produrre una birra che sia perfettamente in linea con il proprio gusto: più ambrata, più amara, meno frizzante, con una maggiore concentrazione di luppolo? Non c'è problema, basta scegliere la qualità di malto giusta e il gioco è fatto.

Un altro fattore da prendere in considerazione, come detto, è il costo. In questa lista abbiamo selezionato kit che variano dai 30 ai 60 o ai 120 euro. Insomma prodotti che spaziano in fasce di prezzo decisamente ampie e adatte a tutte le tasche. Una volta acquistato il vostro kit per la produzione di birra artigianale, però, potrete godervi un ottimo prodotto fatto in casa senza dovervi per forza recare al bar o al supermercato e spendere molto di più.

Infine c'è da considerare anche il fatto che far gustare ai propri amici e parenti la propria birra (magari durante una festicciola, una cena o un barbecue) fa decisamente tutto un altro effetto.