mercato centrale milano apertura stazione

Si allarga l'offerta del Mercato Centrale che, dopo Roma, Firenze e Torino, arriva anche a Milano.

Mancava la metropoli lombarda tra gli avamposti del grande e diffuso hub gastronomico, e gli indugi si romperanno il prossimo 2 settembre quando verrà alzato il sipario sul nuovo spazio dedicato nella principale stazione cittadina. Il centro meneghino si arricchisce quindi di una nuova, ampia, proposta, che punta sull'eccellenza e qualità dei prodotti messi a disposizione di viaggiatori, passanti, curiosi che qui possono recarsi per acquistare cibo o accomodarsi nei vari ristoranti, dislocati sui 4500 metri quadrati di area.

Un importante ruolo sarà riservato al pesce: Milano rappresenta uno dei maggiori mercati ittici d'Europa, quindi non potevano mancare i prodotti di mare tra i banconi del Mercato Centrale. La vasta offerta permetterà ai clienti di poter non solamente acquistare il pesce in loco, ma anche di ordinarlo per farselo recapitare a casa oppure mangiarlo al momento, cotto nella grande cucina di cui Orlando Ruggero sarà responsabile. Direttamente dall'isola D'Elba arriveranno poi i fratelli Landi, che nella gemma toscana del Tirreno si sono distinti per il loro metodo alternativo di cucina del pesce, preparato esclusivamente al carbone vegetale. A rappresentanza della gastronomia ittica ci sarà, tra gli altri, anche un giovane chef francese di appena 24 anni. Si chiama Jérémie Depruneaux e gestirà un fish bar specializzato in crudi di mare.

Grande spazio all'offerta di pesce ma non può ovviamente mancare la carne tra le botteghe e i negozi del nuovo spazio milanese. La Toscana sarà grande protagonista, con l'offerta di Chianina sugli scudi e bistecche fiorentine a ritagliarsi un importante ruolo all'interno dell'hub della stazione centrale. Un'assortita varietà di tagli e di carni, accomunate da un minimo comun denominatore: eccellenza assoluta.

Le botteghe e i progetti del nuovo Mercato Centrale di Milano

Nel nuovo Mercato Centrale di Milano è comunque rappresentata la gastronomia di gran parte dello Stivale. Tra i "portavoce" del Sud ci sarà, per esempio, Sabato Sessa; ambasciatore della pasticceria meridionale che a Ottaviano guida una delle botteghe dolciarie di riferimento del territorio napoletano.

mercato centrale milano data apertura

Una fuga dal "nostrano" ce la si può invece concedere da Agie Zhou, espressione della cucina cinese ricercata e di qualità che a Milano con la sua Ravioleria Sarpi è diventato quasi un'istituzione. Un assaggio di America nel locale di Joe Bastianich, l’American Barbecue, in cui immersi nell'inconfondibile stile statunitense si potranno gustare anche i vini prodotti dall'azienda di famiglia.

Non c'è solo cucina nel nuovo Mercato Centrale di Milano: saranno attivati e avviati progetti di educazione alimentare e gastronomica, con un’area interamente dedicata agli eventi, ai dibattiti, agli incontri, presentazioni di libri e piccole esposizioni di arte.