C'era una volta il ristorante con i tavoli ben apparecchiati, il personale di sala, il maître, le brigate. C'era una volta un'emozione celata dietro a un piatto, una filosofia, un pensiero tradotto in menu più o meno strutturati, classici, avanguardisti.

Non fraintendete questi toni dettati da un pizzico di malinconia: siamo sicuri che presto torneremo a uscire e a goderci le lunghe tavolate tra amici; ma è ormai certo che un cambiamento radicale interesserà tutti e tutto, compresa quell'esperienza chiamata ristorazione oggi annebbiata da giorni di dubbi e domande senza risposta.

Che cos'è il meal kit?

Cuochi e imprenditori sono una categoria tosta, risoluta, che nessun lockdown potrà mai fermare veramente. E grazie al delivery (e al take away), ristoranti e trattorie traslocano nelle case dei foodie di tutta Italia, attraverso un servizio pieno di potenzialità ancora da sfruttare.

Una tra tutte: il meal kit, l'ultima frontiera delle consegne a domicilio amatissima anche dai grandi interpreti della cucina d'autore. Già di moda negli Stati Uniti – dove l'azienda Blue Apron ne ha fatto un business quotato in borsa – il meal kit consiste in una confezione completa di tutte le componenti e i topping necessari per ricreare in versione home made le ricette della tradizione e degli chef più famosi; un gioco di ruoli che sta spopolando in questo periodo di emergenza ma che probabilmente diventerà un trend a tutti gli effetti.

Meal Kit: la nuova frontiera del delivery esperienziale
in foto: Immagine di www.media.blueapron.com

Dimenticatevi i piatti pronti all'uso quindi e preparatevi a interagire con ingredienti e passaggi (spesso spiegati tramite consigli e tutorial degli stessi chef). Siete curiosi di saperne di più? Ecco i migliori meal kit da ordinare e provare subito, per un pranzo o una cena diversi dal solito e da veri gourmand.

1. Turnè, Antony Genovese

Cos'è il Meal Kit
in foto: Meal Kit: la nuova frontiera del delivery esperienziale

Si chiama Turnè è ed il nuovo progetto firmato Antony Genovese, chef del ristorante due Stelle Michelin "Il Pagliaccio" di Roma. Turnè è sì un delivery d'autore, ma è anche un'idea che balenava da tempo nella mente di chef Genovese: un Pagliaccio "casual" e in versione "a domicilio", destinato ad evolversi in un ristorante vero e proprio e, chissà, a trasformarsi in un format replicabile in più sedi. Per ora si parte dalla Capitale con un'offerta disponibile su Cosaporto e Uber Eats che racchiude tutta la vocazione filo-asiatica del ristorante bistellato, declinata in piatti easy ma d'effetto (come il crudo di tonno, riso soffiato, mango, avocado e coriandolo o i ravioli alla piastra disponibili in tre spettacolari varianti), alcuni dei quali pensati per lasciare il consumatore libero di assemblarli e condirli a proprio piacimento.

2. Pascucci al Porticciolo, Gianfranco Pascucci

Piatti da comporre e da rigenerare a casa: è questa l'idea di delivery adottata da Gianfranco Pascucci nella cucina del suo omonimo ristorante a Fiumicino, una Stella Michelin. Entro le 24 ore che precedono l'orario di consegna del servizio, disponibile nella Capitale e in molte zone del litorale romano, potrete ordinare due dei suoi signature più acclamati – il Panino da Spiaggia con hamburger di tonno rosso del Mediterraneo, rughetta, maionese al cipollotto e salsa ponzu e le celebri tagliatelle allo stracotto di tonno – e cimentarvi con i kit completi di tutto, anche di video ricetta.

3. Antonia a casa, Antonia Klugmann

Meal Kit: la nuova frontiera del delivery esperienziale

Il delivery firmato dall'ex volto di Masterchef Italia Antonia Klugmann – la cui spedizione copre le province di Udine, Gorizia e Trieste – non solo porta il suo nome (si chiama infatti "Antonia a casa") ma è anche trasposizione casalinga e fai da te delle sue ricette più iconiche, insieme a una serie di piatti totalmente diversa da quelli dell'Argine a Vencò, il suo ristorante una Stella Michelin al confine tra Italia e Slovenia. Ogni kit è composto da ricetta e ingredienti predosati, accompagnato, se si vuole, da una o più etichette della piccola selezione di vini locali a rincari molto moderati.

4. La Franceschetta 58, Massimo Bottura

meal kit de La Franceschetta di Massimo Bottura

Immaginate di stare a casa e di ricevere un kit con tutto il necessario per preparare i piatti dello chef Massimo Bottura, eletto il numero 1 al mondo (per ben due volte, a dire il vero): è quello che accade grazie al delivery de La Franceschetta 58, sorella minore dell'Osteria Francescana. Disponibili sulla piattaforma Mymenu (a Modena e da qualche giorno anche a Milano) i piatti simbolo del bistrot modenese, tra cui il richiestissimo Emilia Burger preparato con filetto di manzo, cotechino e Parmigiano Reggiano 24 mesi.

5. Eraway

Meal Kit: la nuova frontiera del delivery esperienziale

Apri. Rigenera. Mangia. L'intento di Eraway, il nuovo servizio di delivery “interattivo” di EraGoffi a Torino è semplice quanto efficace. Quella che per generazioni è stata Goffi, una trattoria in riva al Po molto amata in città, da qualche anno è appunto diventato Eragoffi, ristorante gourmet ora guidato da Alberto Fele, Marco Pandoli e lo chef Lorenzo Careggio (che vanta molte esperienze degne di nota, come quella insieme a Niko Romito). A disposizione del consumatore – a Torino e dintorni – ci sono due menu, onnivoro e vegetariano, al prezzo di 35 euro l'uno: l'offerta cambia ogni settimana, suddivisa in pratici sacchetti da maneggiare a casa con l'aiuto delle video ricette dello chef.

6. Distreat

Meal kit

Tra i meal kit che stanno riscuotendo maggior successo ci sono sicuramente quelli per l'aperitivo ideati dal ristorante milanese Distreat. A ogni ordine – possibile solo all'interno del comune di Milano – corrispondono gli ingredienti già divisi e dosati per preparare un cocktail a scelta, più alcuni stuzzichini in abbinamento (il tutto al prezzo di 10 euro per drink e 5 finger food da assemblare). Ai kit aperitivo si aggiungono anche i kit per un pranzo o una cena gourmet di 3 portate a 25 euro, con la possibilità ordinare un kit drink a 5 euro.

7. Il Convivio Troiani, Angelo Troiani

Anche gli amanti della cucina di Angelo Troiani, chef di uno dei capisaldi della ristorazione stellata romana, avranno di che gioire con un menu delivery ricco di proposte una più interessante dell'altra (e a prezzi che invogliano a ordinarle tutte, sempre all'interno dei confini cittadini). Dall'Amatriciana de Il Convivio alla "Lasagna c’era una volta con parmigiano 40 mesi, sugo sfilacciato di carne e mozzarella fior di latte", dallo "Stinco di maiale al forno con cacciatora di mele, rosmarino e pepe verde" al "Kebab di coniglio in porchetta, maionese di more e porcini", tutti i piatti sono ideati per essere consumati entro 3 giorni (salvo i kit con scadenza di 8 giorni), da assemblare in modo facile e intuitivo.

8. Opera, Stefano Sforza

Stefano Sforza è un giovane chef con belle esperienze alle spalle e tanta voglia di proporre una cucina pulita, legata ai prodotti e alla loro stagionalità; tutti aspetti che si ritrovano nei suoi menu da 3, 4 o 5 portate (rispettivamente a 35, 45 e 55 euro) destinati al fine delivery, seppur con creazioni diverse da quelle presenti normalmente in carta. Al consumatore la scelta finale: optare per piatti già pronti (o al massimo da scaldare), oppure rimboccarsi le maniche con ricette da completare, tra materie prime selezionate e istruzioni ben precise. Le zone interessate? Ovviamente Torino e i comuni limitrofi della prima cintura.

9. Retrobottega, Alessandro Miocchi e Giuseppe Lo Iudice

Non sono certo rimasti con le mani in mano i due chef di Retrobottega a Roma, confermando come sempre un talento culinario indiscutibile e un trasporto per le materie prime davvero virtuoso. Dopo aver iniziato con le spedizioni dei "vegan box" per assicurare la migliore frutta e verdura di piccoli produttori selezionati anche a chi fosse impossibilitato a fare la spesa, Alessandro Miocchi e Giuseppe Lo Iudice hanno messo a punto anche un menu "Retrodelivery" che racchiude molte delle loro ricette più amate (corredate di istruzioni), paste da cuocere in forno e altre sfiziose proposte.

10. A Cena Con Gli Chef

Meal Kit: la nuova frontiera del delivery esperienziale
in foto: Chef Stefano Marzetti

A Cena Con Gli Chef è l’iniziativa di Pierpaolo Roselli di dinnerathome.it ideata con l’obiettivo di portare nelle case delle cene interattive in diretta streaming con prestigiosi nomi della cucina italiana. Un’esperienza da vivere in famiglia o con gruppi di amici a distanza: gli chef entreranno – in maniera virtuale, chiaramente – nelle cucine degli italiani guidando passo passo la preparazione di un menu gourmet di 3 portate. Stefano Marzetti, Giuseppe Di Iorio e Massimo Viglietti saranno i primi chef a lanciarsi in questa nuova avventura, il cui inizio è previsto domenica 10 maggio alle ore 19.00. Per partecipare basta scegliere il menu, prenotare la propria Chef Box (confezionata con tutti gli ingredienti necessari e consegnata a domicilio in tutta Italia da Ercoli, storica bottega della gastronomia romana) al sito dinnerathome.it e seguire le istruzioni per il collegamento streaming. Il prezzo? 50 euro per l'intera cooking class experience.

11. Fratelli Desideri

A chi non piacerebbe diventare un grande chef in pochi minuti? A renderlo possibile ci pensano i meal kit Cene Stellate dei Fratelli Desideri, concepiti proprio per preparare meravigliose ricette di importanti nomi della cucina contemporanea italiana, come gli "Spaghetti cacio e pepe in Blues" di Andrea Larossa o "Il Porcino ha l'oro in bocca" di Marc Lanteri, giusto per fare un paio di esempi. Una volta aperto il kit, non dovrete far altro che prendere gli ingredienti di altissima qualità presenti al suo interno, seguire la video ricetta e realizzare il vostro piatto stellato in men che non si dica. Spedizioni attive in tutta Italia e non solo.

12. Quomi, Second Chef e My Cooking Box

Terminiamo la rassegna con 3 servizi che non riguardano un ristorante in particolare ma rientrano tra le aziende più ferrate in materia di meal kit. La prima è My Cooking Box, una start up specializzata in ricette tipiche regionali (classiche o rivisitate), firmate da uno chef e presentate in scatole con il necessario per evitare sprechi e cucinare il piatto in tutta comodità e semplicità; il servizio di Quomi, con spedizioni in tutta Italia, funziona invece tramite abbonamento a due piani diversi (piano coppia e piano famiglia) a seconda dell'esigenza del consumatore, che alla fine si vedrà consegnare i box a settimana, pensati per preservare la qualità di tutti gli ingredienti; discorso simile per Second Chef il cui abbonamento può essere settimanale, ogni 15 giorni o mensile con i prezzi che variano in base al numero di porzioni e ricette ordinate (si va da un costo di 34 euro ogni due ricette per due persone, fino a 84 euro ogni quattro ricette per quattro persone). Da sapere: il servizio di spedizione copre tutta Italia tranne alcune regioni più difficili da raggiungere. Vi suggeriamo di controllare sui singoli siti al momento dell'ordine (quomi.it, secondchef.it e mycookingbox.it).