5 Febbraio 2024 13:00

La torta di carote: storia del dolce anglo americano diventato famoso in tutto il mondo

Nata in Inghilterra e diffusasi negli Stati Uniti, la carrot cake è diventata un simbolo della pasticceria internazionale: ecco come questo dolce si è evoluto, fino a diventare una vera icona.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Cookist
A cura di Monica Face
753
Immagine

Inizialmente usata per ovviare alla scarsità dello zucchero, questa umile radice arancione ha contribuito a trasformare una semplice torta in un classico della pasticceria: da dolce casalingo si è infatti evoluta fino a diventare protagonista dei menù di ristoranti gourmet. Facciamo un viaggio indietro nel tempo per scoprire le origini e l'evoluzione della torta di carote, dessert amato in tutto il mondo.

L’uso della carota nei dolci: quando la necessità diventa virtù

Durante il Medioevo, lo zucchero era considerato un bene di lusso, riservato alle classi più agiate e, pertanto, era limitato per la maggior parte della popolazione. In sostituzione venivano usate le carote, abbondanti e facili da coltivare: queste radici, grazie al loro elevato contenuto di zucchero naturale, si rivelarono un sostituto eccellente per dolcificare torte e pasticcini, senza per questo compromettere la consistenza o il gusto.

Il primo documento storico che menziona l'uso delle carote in una preparazione dolce risale al 1591. È importante precisare, tuttavia, che questo non descrive la torta di carote come la conosciamo oggi, quanto un impiego precoce delle radici in ricette dolci. Bisogna aspettare il XVIII secolo in Inghilterra, perché la torta di carote conosca una significativa diffusione ed evoluzione, avvicinandosi alla versione a noi nota.

Immagine

La popolarità della ricetta

Con l'avvento del commercio zuccheriero e la conseguente diminuzione dei prezzi dello zucchero, si verificò un cambiamento significativo nella pasticceria e nella cultura alimentare in generale. Nel XVIII e XIX secolo, l'espansione delle colonie europee nei Caraibi e in altre parti del mondo portò a una maggiore disponibilità di zucchero e a un abbattimento dei costi dello zucchero in Europa. Questo permise ai cuochi e ai pasticceri di essere più generosi nel suo utilizzo rendendo i dolci più ricchi.

La torta, che aveva originariamente guadagnato popolarità come alternativa meno costosa, subì una prima evoluzione della sua ricetta, ma le carote mantennero un ruolo importante, per via della consistenza umida e la ricchezza che conferivano al dolce. Inoltre il dessert si arricchì di spezie esotiche come la cannella, la noce moscata e i chiodi di garofano, che non solo intensificavano il sapore naturale delle carote, ma aggiungevano anche un tocco di raffinatezza.

Con questi arricchimenti, la torta di carote divenne presto un piatto distintivo nei libri di cucina e nei menu delle famiglie più agiate, come simbolo di ospitalità e raffinatezza e veniva frequentemente servita durante ricevimenti e feste. La sua semplicità e la crescente disponibilità degli ingredienti favorirono la sua diffusione anche nelle case delle classi medie e popolari, fino a conoscere un vero e proprio boom, dando vita a varie interpretazioni di quello che oggi è considerato un classico della pasticceria.

Immagine

Il salto oltre l'oceano: l’arrivo in America

La storia della torta di carote prende una svolta decisiva con il suo arrivo negli Stati Uniti. Durante la Seconda guerra mondiale, il contesto di austerità e le restrizioni sugli zuccheri spinsero gli americani a cercare alternative per dolcificare i loro cibi. Ancora una volta la torta di carote, con la sua dolcezza naturale, divenne una scelta popolare in particolare in tempi di razionamento.

In seguito, la ricetta subì altre trasformazioni, arricchendosi di nuovi ingredienti: i cuochi americani iniziarono a sperimentare aggiungendo nuovi sapori come la frutta secca che, non solo incrementarono il sapore, ma contribuirono anche a formare quella che oggi conosciamo come la versione classica americana della carrot cake.

Evoluzione della ricetta: l’arrivo della glassa al formaggio

Nella storia del dolce, l'introduzione della glassa al formaggio ha segnato un cambiamento fondamentale. Originariamente, questo dolce veniva servito senza coperture elaborate, limitandosi a semplici guarnizioni. Tuttavia, con l'aumentare della sua popolarità, emerse la tendenza a completarla con una ricca glassa al formaggio.

Immagine

Questo cambiamento prese piede negli anni '60 e '70 negli Stati Uniti, un periodo caratterizzato dalla ricerca di dolci più sofisticati e dal crescente interesse per la pasticceria innovativa. Il cream cheese, con la sua consistenza vellutata e il gusto leggermente acidulo, divenne rapidamente un ingrediente prediletto per le coperture dolci, perfettamente in linea con le tendenze del periodo.

La glassa al formaggio non solo arricchì la torta di carote con un contrasto di sapori, bilanciando la sua dolcezza naturale con l'acidità del formaggio, ma aggiunse anche un'interessante variazione di consistenza. Ben presto, questa innovazione superò i confini domestici per diventare una caratteristica apprezzata anche nei ristoranti e nelle pasticcerie, dove era sinonimo di raffinatezza e qualità. Oggi, è difficile immaginare la torta di carote senza la sua iconica glassa al formaggio, un abbinamento che è diventato essenziale nella sua identità e nel suo successo.

Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
753