La cucina kosher è una tradizione gastronomica ebraica che rispetta i dettami della religione in tema di alimentazione. Il termine kosher significa infatti "adatto", ciò significa che la preparazione deve rispettare le regole alimentari stabilite dalla Torah, interpretate dal Talmud e codificate nel Shulkan Aruk, un testo normativo e ritualistico ebraico redatto a Safad da Rabbi Joseph ben Ephraim Karo nel XVI secolo. Badate bene: la cucina kosher è "una cucina" tradizionale ebraica, non "la cucina"; non tutti gli ebrei seguono questi dettami.

In Italia la cucina kosher è viva soprattutto grazie alla foltissima comunità ebraica a Roma. Da oltre vent'anni si tiene il Gusto Kosher, l’evento più importante dedicato a questo tipo di gastronomia, che nel 2021 è dovuto giocoforza mutare. Giovanni Terracina, organizzatore di Gusto Kosher, ha voluto far confrontare la tradizione ebraica con alcuni importanti chef italiani tramite una serie di podcast da ascoltare sulle principali piattaforme online (Speaker, Spotify, Apple Podcast, Deezer, Podchaser e Podcast Addict).

Gusto Kosher cambia volto

Gusto Kosher è il più longevo evento dedicato all’enogastronomia e alla cultura ebraica in Italia. Nato nel 2000 come degustazione di etichette kosher d’eccellenza, l'evento ha più volte cambiato volto per adattarsi alle esigenze delle persone, senza mai tradire il proprio obiettivo iniziale, ovvero divulgare questo tipo di cultura alimentare. Quest'anno gli organizzatori hanno voluto mostrare come sparigliare l'idea della tradizione, chiamando alcuni dei cuochi più in voga di Roma. Il primo podcast, già fruibile online, è stato registrato con Roy Caceres, chef  stellato di origini colombiane che nella Città Eterna sta spopolando con un format innovativo in delivery. Il tema del confronto tra la cucina kosher e il cuoco di Metamorfosi è stata la melanzana.

I prossimi ospiti saranno Ginevra Antonini, uno dei nuovi volti tv della "Prova del cuoco", che si confronterà sul carciofo e topinambur, conosciuto anche come Carciofo di Gerusalemme. Sulle spezie l'ospite sarà invece a Francesco Apreda, 1 Stella Michelin con il suo Idylio by Apreda, e probabilmente il miglior cuoco d'Italia nell'uso delle spezie visto il suo rapporto con l'India e l'uso sapiente di aromi e erbe.

Ultimo podcast sarà incentrato su uno degli ingredienti fondamentali della tradizione giudaico-romanesca, i ceci. Per parlare di questo legume tanto saporito quanto salutare, protagonista dell'hummus, una ricetta tipica della cucina kosher, gli organizzatori hanno pensato a Ornella De Felice, chef di Coromandel a Roma.