28 Luglio 2022 15:00

Impasti crudi: si possono mangiare o è dannoso per la salute?

Mangiare l'impasto crudo di pane, dolci e biscotti può essere dannoso? Quali sono i rischi e perché è meglio non farlo? Facciamo chiarezza.

A cura di Rossella Croce
832
Immagine
Immagine

Biscotti, ciambelle, torte e plumcake ma anche focaccia, pane, pizza e pasta: prepararli in casa è sempre una buona occasione per metterci alla prova e giocare in cucina ma, in alcuni casi, può rivelarsi pericoloso per la nostra salute. Chi non hai mai assaggiato, ovviamente con le dita, l'impasto della torta della nonna? Quante volte abbiamo avuto l'"ingrato" compito di ripulire la ciotola dai residui dell'impasto di biscotti e focacce? Probabilmente ciò che non sai l'impasto crudo potrebbe contenere pericolosi batteri e risultare a dir poco nocivo per la nostra salute. Perché? Cosa succede se si mangia l'impasto crudo? Cosa succede se si mangia farina non cotta? Mangiare una torta ancora cruda è pericoloso? Ecco tutto quello che c'è da sapere per non correre alcun rischio.

Impasti crudi, perché mangiarli è pericoloso

Sgombriamo subito il campo da ogni dubbio: mangiare l'impasto crudo, di qualunque tipo di preparazione, può risultare dannoso e nocivo per la nostra salute. Perché ne siamo così sicuri? A dirlo uno studio del Center for Disease Control and Prevention USA, a cura dell'epidemiologo  Samuel J. Crowe. L'indagine, pubblicata dal New England Journal of Medicine, nata in seguito a una vera e propria epidemia di Escherichia che tra l'inverno del 2015 e l'estate del 2016 ha colpito 56 persone in America, ha rilevato che i casi fossero legati al consumo di impasto crudo, in particolare l'intossicazione era dovuta alla presenza di una tossina chiamata Shiga, trovata nella farina cruda e causa dell'epidemia di Escherichia coli.

L'Escherichia coli è un batterio presente in alimenti umidi (verdure e carne cruda) e non è in genere pericoloso per la nostra salute, tuttavia esistono alcuni ceppi che non solo prediligono cibi secchi come la farina e che si "riattivano" a contatto con l'acqua: se ingeriti, possono danneggiare la mucosa intestinale e causare diarrea, vomito, crampi addominali e, in casi estremi o di patologie pregresse, decesso. La ricerca ha quindi esaminato e accertato che basta anche una minima quantità di farina contaminata da questo batterio a scatenare e attivare il processo d'intossicazione.

Immagine

Attenzione dunque perché è proprio la farina, elemento essenziale in ogni tipo di impasto e preparazione, a potersi rivelare rischiosa se assunta cruda. Come evitare questo rischio? Il calore uccide germi e batteri patogeni ed è per questo che è fondamentale cuocere l'impasto e non cedere alla tentazione di assaggiarlo prima di averlo messo in forno. Un occhio di riguardo anche per l'igiene e la pulizia: durante la preparazione di torte, biscotti e focacce di ogni tipo, è importante lavare spesso le mani con acqua calda e sapone e utilizzare piani e utensili puliti.

832
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
832