Se avete preparato sfiziosi cornetti in grandi quantità, ma non avete intenzione di consumarli subito, c'è una soluzione: potete congelare i cornetti crudi. Che siano dolci o salati, che si tratti di pasta sfoglia o pasta brisé comprata al supermercato, o che vi siate cimentati a prepararli a casa con un impasto lievitato, la soluzione è sempre la stessa.

La pasta sfoglia congelata si conserva in freezer per circa 3 mesi e vi permette di preparare cornetti sempre soffici e gonfi all'occorrenza. Se si tratta di un impasto lievitato, mettete i cornetti nel congelatore prima dell'ultima fase di lievitazione e, una volta scongelati, lasciate che crescano in frigorifero per circa 12 ore. Ecco allora come congelare i cornetti crudi con alcuni trucchi, consigli ed errori da evitare.

Come congelare i cornetti crudi

Per prima cosa, avvolgi i cornetti crudi ciascuno in un foglio di carta da forno e chiudili in diversi sacchetti gelo. In questo modo si conservano per circa 3 mesi.

Con un pennarello indelebile annota sul sacchetto la data di congelamento, la data di scadenza della pasta sfoglia e il tipo di prodotto che state congelando. Spesso nel freezer diventa difficile distinguere di cosa si tratta.

Preparate i vostri sacchetti come se fossero delle mono porzioni, in modo da poterle scongelare singolarmente all'occorrenza.

Fate attenzione a mettere i vostri sacchetti gelo il più possibile distanti dagli altri alimenti congelati e soprattutto non a contatto, se lo spazio ve lo permette. Rischiereste di scongelarli in parte e di favorire la diffusione di batteri.

Potete scongelare i cornetti di pasta sfoglia a temperatura ambiente anche se, fuori dal frigo, il rischio è che si scongelino in modo non omogeneo. Potrebbe scongelarsi prima la parte superficiale del cornetto e, prima che anche il cuore si sarà scongelato del tutto, potrebbe formarsi una carica batterica al suo interno, quindi è sempre preferibile un passaggio dal frigorifero.

Una volta scongelato il cornetto di pasta sfoglia, consumatelo entro un giorno. Ricordate di non congelare mai lo stesso alimento per due volte.

Consigli per congelare la pasta sfoglia

Potete congelare i vostri cornetti di pasta sfoglia anche se mancano pochi giorni alla scadenza dell'impasto. Se la sfoglia scade durante il periodo in freezer, non succede nulla. Evitate invece di congelarla se la pasta sfoglia ha già superato la data di scadenza da diversi giorni. In genere è preferibile non lasciare passare più di 2 o 3 giorni da quella data.

Se prevedete di cuocere i vostri cornetti di pasta sfoglia in un tempo piuttosto breve, potete anche non congelarli e mantenerli in frigo per al massimo una settimana. In alternativa, potete anche cuocere i cornetti e poi metterli nel congelatore, in questo caso si conserveranno fino a tre mesi.

Come congelare l'impasto prima della prima lievitazione

Potete congelare l'impasto ancora crudo se state preparando cornetti e brioche fatti in casa. In questo caso dovete tenere conto dei tempi di lievitazione che non devono essere trascurati.

La soluzione migliore è congelare i cornetti prima dell'ultimo passaggio di lievitazione. Modellate i vostri croissant e disponeteli ben distanziati su una teglia ricoperta di carta da forno e, anziché aspettare che termini la lievitazione, metteteli subito nel freezer così come sono. Al limite, potete dividere i cornetti in singoli sacchetti freezer una volta congelati.

Al momento dell'utilizzo, scongelate i croissant e lasciate che termino la lievitazione in frigorifero, per 12 ore, ben distanziati tra loro. In questo caso, questo passaggio è fondamentale per farli crescere. Terminate la lievitazione a temperatura ambiente e infine infornate come se fossero appena fatti.