13 Gennaio 2022 15:00

Il Negroni è il cocktail più amato al mondo secondo una prestigiosa rivista internazionale

Secondo quanto riportato da Drinks International, il Negroni è il cocktail più amato e venduto al mondo nel 2021. Seguono l'Old Fashioned e il Dry Martini.

147
Immagine

Il Negroni è il cocktail più amato al mondo secondo una ricerca di Drinks International, condotta all'interno dei bar più importanti del pianeta. In Italia lo sapevamo già da un po' ma adesso è arrivata anche la conferma internazionale: il Negroni è stato il drink più venduto nel 2021. Il drink italiano nato a Firenze in onore del conte Camillo Negroni ha rotto l'egemonia pluriennale dell'Old Fashioned, che durava da ben 7 anni, ed è diventato il drink preferito dagli avventori dei bar di tutto il mondo.

La rivista che ha "premiato" il Negroni, è tra le più importanti dell'industry, riporta in cima alla lista questo drink dopo otto lunghi anni: "Questo cocktail di color rosso rubino ha cavalcato l'onda della moda dei cocktail classici, della tendenza ai drink amari, della rinascita del gin, della cultura dell'aperitivo, del talento dei bartender italiani che si sono impadroniti dei migliori bar del pianeta. Tutto sta favorendo il Negroni. Oltre un quarto dei bar intervistati, tra i migliori locali al mondo, hanno affermato che questo è il classic numero uno. Il Negroni è tra i primi due più venduti in oltre il 50% dei migliori bar. Questo drink è tradizionalmente fatto con un terzo di gin, un terzo di Campari e un terzo di vermouth dolce ma si può adattare a tutti i gusti".

Il Negroni e "tutti gli altri": la classifica di Drinks International

Al primo posto c'è un grande classico italiano che torna in vetta dopo sette anni in cui ha collezionato ben sette secondi posti. Da eterno sconfitto a trionfatore del 2021 in un anno che ha visto l'Italia primeggiare in ogni cosa possibile e immaginabile. Il Negroni ha da poco compiuto 100 anni ed è un vero simbolo dell'Italian Syle: non a caso la rivista ha citato la "moda dell'aperitivo", (scritto in italiano), tra le motivazioni che hanno fatto vincere il cocktail inventato da Fosco Scarselli.

Immagine

A seguire c'è il grande sconfitto del 2021, l'Old Fashioned, quello che per Kingsley Amis è "l'unico cocktail che può rivaleggiare con il Martini e le sue varianti". Questo drink intramontabile ha dato segni di cedimento già diverso tempo fa, schiavo di una "maledizione" imposta dal mercato: negli ultimi anni la tendenza è quella dei drink low alcool, o addirittura dei mocktail; l'Old Fashioned è invece uno dei miscelati con la gradazione più alta, si assesta sui 30 gradi. Resta un prodotto intramontabile e ogni bartender che si rispetti deve saperlo eseguire alla perfezione ma è probabile che nei prossimi anni potremmo vederlo anche fuori dal podio.

Il terzetto in cima alla classifica di quest'anno è completato proprio dal Martini citato da Amis, il cosiddetto "principe dei cocktail". Sulla nascita di questo drink ci sono decine di leggende: conosciuto anche come Dry Martini, si narra che a inventarlo sia stato un barista italiano a New York, tale mr. Martini, che lo preparò per J.D. Rockfeller nel 1910. Ha un gusto asciutto e forte, anche questo molto alcolico e destinato, si presume, a un lento declino. Ad oggi però resta uno dei cocktail più richiesti anche grazie a diverse varianti che si possono ottenere modificando le dosi del gin o i distillati da usare, come ci ha insegnato James Bond.

147
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
147