Mozziconi di sigarette in cambio di frutta:  questa l'idea de La Valle delle Albicocche, un'azienda agricola di frutta e verdura biologica con sede a Bagnacavallo, in Emilia-Romagna. Il progetto, chiamato "Per un pugno di mozziconi", è nato nell'autunno 2019 ma la pandemia e il lockdown hanno messo in stand-by la lodevole iniziativa che adesso è ripartita. Per 500 grammi di cicche consegnati all'azienda, La Valle delle Albicocche regala 2,5 chili di frutta fresca, buona e naturale.

Per aderire alla campagna scrivete a info@lavalledellealbicocche.it: una volta raggiunti i 500 grammi di mozziconi lo comunicate e la consegna, con conseguente ritiro dei prodotti in omaggio, potrà avvenire il lunedì e giovedì a Imola, dalle 16.30 alle 18.30, presso la sede dell’associazione Primola, in via Lippi 2/C. Oppure tutti i giorni (previa accordo telefonico) direttamente in azienda in via Granaroli 8 a Bagnacavallo, in provincia di Ravenna.

Mozziconi in cambio di frutta

Il problema delle cicche delle sigarette, soprattutto se gettate in spiaggia, è molto serio: tant'è che alcuni studi mostrano come questo rifiuto incida sull'inquinamento dei mari quanto la plastica. Le sigarette senza filtro, biodegradabili perché composte solo da carta e tabacco, sono pochissime: i filtri delle sigarette, i mozziconi comuni, sono invece tanti e molto pericolosi per la natura. Il filtro è composto di un materiale chimico sintetico che è molto resistente. Dunque, in condizioni normali, saranno necessari dai 5 ai 12 anni di tempo per distruggere il filtro che, in questo periodo, potrebbe non solo sporcare la spiaggia e le città, ma anche soffocare un pesce che dovesse ingoiarlo.

Mozziconi raccolti da La Valle delle Albicocche
in foto: Mozziconi raccolti da La Valle delle Albicocche

Per questo motivo Domenico Errani, proprietario de La Valle delle Albicocche, ha deciso di contribuire alla causa. Offre i propri prodotti per salvare il pianeta. L'iniziativa ha avuto molto successo nell'immediato autunno 2019, con 114 persone che hanno consegnato le cicche. Non solo provenienti da Ravenna ma da molte zone d'Italia: la Polisportiva La Potentita ad esempio, una associazione di bocce e ping pong di Potenza, ha infatti inviato il proprio contributo pubblicizzando la cosa sui social e sui giornali locali, contribuendo a ulteriori gesti di riciclo.

I mozziconi, una volta raccolti e consegnati, saranno dati a tutti quei soggetti in grado di smaltire questo rifiuto tossico in maniera sana per l'ambiente, senza influire sul pianeta. Dalle aziende agli artisti underground fino agli istituti di ricerca, come la società di ingegneria Tetra di Torino, che ha lanciato il progetto "Adotta un Posacenere". L'iniziativa ha creato un posacenere cittadino, adattabile a tutti i contenitori della spazzatura, che permette di integrare l'architettura cittadina con questi moderni posacenere , presentando così un innovativo metodo di svuotamento.