I datteri sono i frutti della Phoenix dactylifera, antichissima pianta originaria dell'Africa settentrionale, appartenente alla famiglia delle Palmaceae. Ricchi di sali minerali, vitamine e incredibilmente energizzanti, i datteri erano considerati fin dai tempi degli Egizi frutti benefici nonché simbolo di fertilità: piccole chicche violacee, freschi o più comunemente essiccati, non dovrebbero mancare nelle nostre cucine e possono arricchire tantissime ricette, dolci e salate. Con un occhio alle calorie, scopriamo tutto quello che c'è da sapere su questi piccoli e dolcissimi frutti e perché fanno così bene alla nostra salute.

Proprietà dei datteri

Fonte di sali minerali, in particolare potassio, magnesio, fosforo, ferro, sodio e calcio, i datteri sono poveri di acqua (circa 17 grammi su 100 grammi di prodotto) e ricchi di calorie (circa 253 kcal). Composti per l'8% da fibre, questi frutti antichissimi contengono dosi elevate di zucchero (soprattutto quelli essiccati) e carboidrati (63 grammi) mentre sono quasi del tutto assenti proteine, grassi, amidi e colesterolo. Vitamine? Non mancano le vitamine A e B, mentre non troviamo tracce di vitamina C.

Benefici

Freschi o secchi, i datteri sono un ottimo spuntino spezza fame e, consumandone due o tre al giorno, si rivelano degli ottimi alleati per la nostra salute; tra antiche credenze e buone abitudini, i datteri non dovrebbero mancare nella nostra alimentazione e sono ricchi di benefici, in particolare:

  • Migliorano la digestione: una porzione di datteri apporta al nostro corpo un alto quantitativo di fibre in grado di stimolare e aiutare il naturale processo digestivo;
  • energizzanti: fonte inesauribile di potassio, zuccheri, glucosio e saccarosio, i datteri sono energizzanti e ci aiutano a combattere stress e stanchezza;
  • stimolano l'attenzione e l'attività del cervello: grazie alla presenza del potassio e della vitamina B6, i datteri migliorano le nostre prestazioni cerebrali, aiutando in particolare la produzione di serotonina;
  • proteggono l'intestino: facilitando la digestione e il passaggio del cibo attraverso il colon, i datteri sono in grado di "allenare" il nostro intestino e proteggerlo così da batteri e infezioni;
  • mangiare regolarmente due o tre datteri al giorno, aiuta ad abbassare il colesterolo cattivo e così facendo protegge e stimola l'intero sistema cardiovascolare;
  • utili per contrastare naturalmente l'anemia: grazie alla presenza di ferro e magnesio, i datteri ci vengono in soccorso in caso di anemie;
  • grazie ai carotenoidi, i datteri proteggono la vista e si rivelano grandi alleati degli occhi;
  • venivano considerati, dagli antichi Egizi, dei veri e proprio afrodisiaci naturali nonché simbolo di fertilità, grazie alle loro proprietà energizzanti;

Usi in cucina

Durante le feste natalizie non mancano mai sulle nostre tavole, eppure i datteri non sono solo dei deliziosi snack spezza fame, ma possono arricchire e impreziosire le nostre ricette. Se volete preparare un dolce semplice ma di grande effetto, provate la ricetta dei datteri ripieni con mascarpone e rum, un dessert alternativo che stupirà i vostri ospiti, oppure quella dei tartufini di carote, datteri e noci, altrettanto originale. Piatti salati? La risposta è sì e profuma di mediterraneo: l'insalata di lenticchie alla marocchina con frutta secca e datteri è quello che fa per voi se vi piace sperimentare in cucina dove, si sa, l'unica regola è che non ci sono regole.