3 Agosto 2022 10:26

Cos’è il granchio blu: la specie “aliena”, pericolosa e squisita arrivata anche in Italia

Si chiama granchio blu, o granchio reale blu, ed è una specie non autoctona del Mediterraneo arrivata dalle acque del Sud America. Particolarmente aggressiva, è anche una squisitezza culinaria.

A cura di Alessandro Creta
457
Immagine

Scatta l'allarme granchio blu sulle coste laziali. In particolar modo le acque a ridosso delle spiagge di Ladispoli si stanno pericolosamente popolando di una specie definita "aliena". Non tanto perché proveniente dallo spazio a bordo di qualche strana navicella, ovviamente, quanto non autoctona dei nostri mari. Il granchio blu, infatti, popola soprattutto le acque dell'oceano Atlantico e difficilmente prima di ora si era spinto così lontano dalle sue zone di origine. Non è la prima volta che in Italia ci si imbatte in questa specie: anche pochi anni fa alcuni esemplari vennero rinvenuti nelle acque pugliesi.

Non essendo una varietà locale sta alterando l'ecosistema dei mari a ridosso delle coste laziali: particolarmente aggressivo, il granchio blu attacca e si ciba di pesci autoctoni e di altri granchi che popolano i nostri fondali, rivelandosi una minaccia per la biodiversità. Oltre a essere una specie invadente, insomma, il blue crab è anche un bullo nei confronti di altri animali marini.

Immagine

L'allarme è scattato solo pochi giorni fa, alla fine di luglio, quando sono stati avvistati una quindicina di esemplari di questa varietà caratterizzata, appunto, da grosse chele e zampe di colore blu. La zona del ritrovamento del primo granchio blu è quella di nei pressi della palude di Torre Flavia, a Ladispoli. I granchi si spingono molto a ridosso della costa, al punto che molti esemplari hanno iniziato a popolare i bagnasciuga di questo tratto di litorale laziale. Data la loro rapida capacità di riproduzione è preventivabile che, nel prossimo futuro, ci si possa imbattere in numerosi altri esemplari. Sia a riva sia in mare aperto.

Rappresentano un pericolo, insomma, per l'ecosistema marino del Mediterraneo, ma sono al contempo anche una specialità e prelibatezza gastronomica.

Cosa si mangia del granchio blu

Specie invasiva del Mediterraneo, il granchio blu o granchio reale blu (della grandezza che oscilla tra i 15 e i 23 centimetri) rappresenta dal punto di vista gastronomico e culinario una vera delizia.

Immagine

Si tratta infatti di un alimento particolarmente apprezzato, le sue carni sono squisite e soprattutto nelle zone di cui è originario (tra le coste del Messico e Sud America) viene preparato o al vapore, bollito in acqua oppure grigliato. La sua polpa, inoltre, è alla base delle squisite crab cake, le polpette di carne di granchio. Deliziosi, afferma chi l'ha provati, anche gli spaghetti con il blue crab. Essendo una varietà particolarmente pregiata, quanto prima d'ora proveniente essenzialmente dall'Atlantico, il suo prezzo al chilo può superare anche i 100 euro.

457
Immagine
Quello che i piatti non dicono
Segui i canali social di Cookist
457