Agosto, cucina mia non ti conosco. È tempo di ferie, di giornate trascorse all’aria aperta, al mare o in montagna, in totale relax e libertà, per riprendersi dalle fatiche invernali. Questo è il momento giusto per staccare un po' dalla routine di un intero anno e prendersi una pausa, anche dai fornelli. Via libera a cibi crudi e pronti da consumare, come macedonie di frutta fresca e insalate ricche di verdura croccante e colorata, lasciando a casa le lunghe cotture, che ci accompagneranno nei prossimi mesi. Ad agosto, infatti, cresce la voglia di consumare cibi freschi e dissetanti, capaci di reintegrare il nostro organismo dei sali minerali persi durante le giornate più calde. Siete pronti a fare il pieno di energia e nutrienti al mercato? Prendete carta e penna e seguite i nostri consigli.

La verdura di stagione ad agosto

L’orto di agosto offre una grande varietà di verdure deliziose. Melanzane, zucchine, peperoni e pomodori, restano i protagonisti indiscussi della spesa di questo mese. Non è difficile trovarli nei banchi del mercato durante l’anno, ma è importante ricordare che si tratta di verdure cresciute in serra, mentre in questa stagione offrono il meglio di loro, in termini di benefici e proprietà. Agosto è il mese delle conserve di pomodoro, che in questo periodo raggiunge il massimo punto di maturazione ed è pronto per essere raccolto e gustato tutto l’anno.

Tra gli ortaggi tipici di questo mese ci sono i peperoni, composti al 92% da acqua, caratteristica che li rende particolarmente drenanti e leggeri, nonostante si faccia un po’ fatica a digerirli, se non vengono precedentemente privati della loro pelle. Originari dell’America Latina, appartenenti alla famiglia delle Solenacee, questi colorati ortaggi sono ricchi di vitamina C e vitamine del gruppo B, E, J, K. Contengono una buona quantità di fibre e sali minerali come ferro, potassio, magnesio, fosforo e calcio. I peperoni sono presenti nella maggior parte delle ricette estive, ottimi da gustare in mille modi: ripieni, marinati, grigliati, in agrodolce e naturalmente con il pollo.

Un’altra varietà tipica di questo mese sono i ravanelli, ottimo ingrediente per dare alle insalate un tocco di colore e sapore in più. Croccanti e dal gusto leggermente piccante, i ravanelli sono ricchi di vitamine, sali minerali, antiossidanti e fibre, mentre contengono pochissime calorie, circa 15 per 100 grammi di prodotto. Ne esistono molte varietà, tonde, cilindriche o allungate, come il daikon, comunemente chiamato rafano bianco. Si consumano prevalentemente crudi, in insalata o in pinzimonio, avendo cura di immergerli per un paio d’ore in acqua fredda per mantenerli più croccanti.

Restano nel carrello della spesa i fagiolini, la lattuga, le carote, i piselli, i cetrioli e le patate novelle, e al mercato si intravede nuovamente la zucca, che a partire da questo mese, torna a essere davvero deliziosa.

La frutta di stagione ad agosto

Cosa c’è di meglio di una bella macedonia di frutta da mangiare come spuntino sotto l’ombrellone? Agosto è il mese giusto per sostituire il pranzo con una scorpacciata di frutta, che delizia il palato per la sua dolcezza, aiutando a combattere il caldo delle giornate estive e a evitare i colpi di calore. La frutta in questo periodo è davvero invitante, per il suo sapore dolce e la varietà cromatica che la caratterizza, oltre a essere estremamente dissetante, perché ricca di acqua. Salutate definitivamente fragole, ciliegie e nespole, nei banchi del marcato abbondano pesche, albicocche, pere, meloni, anguria e prugne.

Appartenenti alla famiglia delle Rosaceae, le prugne sono tra i frutti estivi più consumati. Succose, con un retrogusto leggermente acidulo, le prugne sono ricche di acqua e povere di calorie, circa 42 per 100 grammi. Contengono sali minerali, come potassio, calcio e fosforo e vitamine, in particolare vitamina C, A e K. La polpa è ricca di sostanze antiossidanti, come flavonoidi e polifenoli, di fibre che stimolano la funzione intestinale, soprattutto se vengono consumate secche.

La vera protagonista, tra i frutti del mese di agosto, è senza dubbio l’anguria, uno dei frutti più apprezzati e consumati durante l’estate, per il suo sapore dolce e il suo alto potere dissetante. Il cocomero o anguria è una pianta della famiglia Cucurbitaceae, originaria dell'Africa tropicale. Si tratta di un frutto ricco di acqua, che rappresenta circa il 95% della sua composizione, dall’elevato potere drenante. Contiene poche calorie, circa 30 per 100 grammi, caratteristica che la rende un prezioso alleato per la linea. Ricca di sali minerali come potassio, fosforo e magnesio, e di vitamine, soprattutto la vitamina C e vitamine del gruppo B. Contiene diversi tipi di antiossidanti, come il licopene, a cui deve il suo colore rosso. Il modo migliore per consumarla è sicuramente quello di gustarla fresca, ma può essere utilizzata per preparare centrifughe, frullati e sorbetti.

Particolarmente apprezzati in questo periodo sono anche i fichi, frutti dolcissimi che maturano proprio verso la metà del mese di agosto. Ne esistono diverse varietà, che si distinguono per il colore della buccia, che può essere bianca o verde oppure nera o viola. I fichi contengono tantissimi nutrienti come sali minerali, in particolare potassio e magnesio, e vitamine, in particolare vitamina C e vitamina K. Hanno proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e anti-tumorali. Sono utili per combattere la stitichezza, soprattutto se consumati secchi. Bisogna, però, fare attenzione a non eccedere nel consumo dei fichi, poiché si tratta di un frutto che contiene un quantitativo elevato di zuccheri e carboidrati, motivo per il quale è sconsigliato a chi segue regimi alimentari particolari.

In cucina i fichi si prestano a diverse preparazioni, sia dolci sia salate. Una delle ricette più apprezzate è sicuramente la marmellata di fichi: semplice e veloce da preparare, è il modo migliore di poter fare colazione in inverno con un ricordo di fine estate.

Il pesce di stagione ad agosto

Scegliere pesce di stagione è un’azione importante, a completo beneficio degli ecosistemi. Scegliendo pesce di stagione, proveniente dai nostri mari, renderemo il consumo ittico più sostenibile. Prima di fare la spesa è importante conoscere bene i cicli vitali dei pesci, che sono caratterizzati dai periodi di riproduzione, alternati a periodi di pausa, per garantire la prosecuzione della specie. I pesci a ciclo vitale breve, sono senza dubbio quelli da preferire: gli animali che vivono meno si riproducono più velocemente e assorbono meno sostanze inquinanti, dannose per l’ambiente e per il nostro organismo. Un buon indicatore, per fare la scelta giusta al mercato, è anche il prezzo: i prodotti di stagione costano meno, poiché i mari ne sono ricchi.

Anche ad agosto il pesce azzurro, ricco di omega 3, fosforo e iodio, e le cozze, ricche di oligoelementi, sono i prodotti  più consumati del mese. Le alici, sono ottime da servire come antipasto, dopo averle marinate con l'aceto di vino bianco, il succo di limone, l'olio extravergine di oliva, il pepe appena macinato o in grani e l'aglio e il prezzemolo tritati, o fritte. Le cozze possono essere preparate alla marinara, ripiene o soltanto condite con il pepe per realizzare la famosa impepata di cozze, inoltre, è possibile aggiungerle al sugo per condire primi piatti.

Ad agosto, sui banchi del mercato, è facile trovare anche cefalo, dentice, nasello, sarago, spigola, branzino, e vongole veraci. Il dentice e il nasello sono perfetti da gratinare al forno, mentre la spigola è ottima da preparare al cartoccio, magari durante una grigliata.