ortofrutta-coronavirus

La Federazione Nazionale degli Operatori grossisti dei Centri Agroalimentari Italiani ha lanciato l’allarme: a causa dell'emergenza sanitaria ci sarà un crollo dei volumi di frutta e verdura del 30%. Il timore da parte della Federagromercati-Confcommercio è che la diminuzione dei clienti italiani e stranieri che si recano nei mercati per acquistare prodotti freschi possa portare al peggioramento del dato fino al 50% nei prossimi giorni.

Molti mercati sopravvivono anche grazie al flusso dei turisti, che in questi giorni è tristemente crollato a causa dell’epidemia. La Federazione ha già individuato in Roma, Firenze, Milano, Bergamo, Torino e Bologna delle forte ripercussioni dovute al Covid19. A tutto ciò va aggiunto il blocco delle attività scolastiche e universitarie fino al 15 marzo che stoppa anche le mense che riforniscono questi luoghi. Un intero comparto del mercato italiano a rischio crollo.

coronavirus-frutta-verdura-crisi

La Federagromercati spiega in una nota come già prima dell’emergenza il settore soffrisse dei cambiamenti climatici che distruggono la produzione. Per questo motivo, nel caso in cui la situazione peggiorasse ulteriormente o non si sbloccasse nel giro di poco, secondo la Confcommercio sarebbe necessario un intervento dello Stato a favore delle piccole e medie imprese in Italia. La proposta dell’associazione prevede sgravi fiscali, congelamento o almeno riduzione dei canoni di concessione e affitto o la sospensione del pagamento dei mutui da parte del mondo dell’economia.

Come se non bastasse, il presidente di Coldiretti Ettore Prandini, già a inizio febbraio, quando il virus era agli albori del contagio, aveva espresso forte preoccupazione sui dati che provenivano dall’export: l'embargo imposto da Putin in Russia nei confronti dei Paesi Europei, i dazi doganali approvati da Trump sui prodotti importati negli Stati Uniti, la Brexit e il focolaio di Covid-19 in Cina, avevano bloccato già a inizio anno il commercio verso l’estero, costringendo i contadini italiani a tirar la cinghia.